Diritto internazionale dei diritti umani e dei conflitti armati: guerra e pace
Diritti umani. Un approccio normativo per una questione di giustizia globale :: Studi per la pace  
Studi per la pace - home
ultimo aggiornamento: 12.03.2008
   
Studi per la pace - home
Centro studi indipendente di diritto internazionale dei diritti umani e dei conflitti armati - Direttore: Avv. Nicola Canestrini
Conflitti armati Conflitti interni Diritto bellico Diritto internazionale Europa Giurisdizioni internazionali Terrorismo
 
Diritto internazionale
Peacekeeping Operations
Il divieto internazionale di tratta degli esseri umani
Diritto alla pace e diritti umani
Nazionalità, Cittadinanza e Diritti Umani. La molteplicità dei Dèmoi
The Role of the Media in the Planning and Conduct of Strategic Operations with Reference to the Gulf War 1991 and the Bosnian War 1992-95
Sovranità, diritti umani e uso della forza: l'intervento armato "umanitario"
Nuovi studi per la pace e servizio civile
Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati del 1969
Le operazioni delle Nazioni Unite per il mantenimento della pace
Definition of Aggression - G.A. resolution 3314 (XXIX), 1974
Convenzione sui diritti dell'infanzia
Principi di diritto internazionale concernenti le relazioni amichevoli e la cooperazione tra gli Stati
Diritti umani e diritti fondamentali fra tutela costituzionale e tutela sovranazionale:il diritto ad un ambiente salubre
Dichiarazione N.U. di Vienna e programma d'azione
Protocollo opzionale alla Convenzione contro la tortura di New York del 1984 (en)
Carta africana dei diritti dell'uomo e dei popoli
Carta araba dei diritti dell'uomo
Dichiarazione del Cairo sui diritti umani nell'Islam
Risoluzione 177 (II) Assemblea Generale delle N.U.
"Uniting for peace" G.A. Resolution 377 (V) 1950
"Essentials of peace" G.A. Resolution 290 (IV) 1949
Protocollo opzionale sul coinvolgimento dei bambini nei conflitti armati
Legal status of human shields
Antica Babilonia - Partecipazione italiana al conflitto iracheno
La dottrina Bush. Un'analisi storica e critica
Guerra e Costituzione. Alla prova dei fatti
L'uso della forza contro gli "stati canaglia": il diritto internazionale dopo l'11 settembre
Convenzione per la Prevenzione e la Repressione del Delitto di Genocidio (1948)
Il caso Iraq e il diritto internazionale: uso della forza e giustificazione dell'illecito
La tratta di persone nel diritto internazionale
Ong in guerra. Appunti per una critica all'umanitario
Gli Stati Uniti ed il mantenimento della pace: dalla Guerra del Golfo all'intervento in Somalia
Crimini di guerra e crimini contro l'umanità nel diritto internazionale penale.
Il ruolo delle ONG nei trattati per i diritti dell'uomo
La prevenzione dei conflitti. Il ruolo della comunità internazionale nella prevenzione dei conflitti nell'era post Guerra Fredda
Il sistema di garanzia dei diritti umani delle Nazioni Unite
La dichiarazione universale dei diritti umani
I principi generali di diritto e le cause di giustificazione nel diritto internazionale penale: influssi e reflussi fra ordinamento internazionale e ordinamenti interni
Rapporto Annuale 2006 di Amnesty International - estratto sull'Italia
Rapporto sui diritti globali 2006
Istituzioni italiane, guerra e Costituzione: la prassi
Guerra e attuazione della Costituzione
Il valore costituzionale della pace e il divieto della guerra
Diritto internazionale ed uso della forza
La riforma delle Nazioni Unite: Europa e Stati Uniti a confronto
Caschi Blu: costretti all'impotenza
La tortura nel diritto penale americano di guerra
La mutilazione genitale femminile
La "legge Consolo" 7/2006 per la prevenzione ed il divieto della mutilazione genitale femminile
Moratoria ONU contro la pena di morte
Aspetti evolutivi del principio di autodeterminazione dei popoli
La legge Consolo per la prevenzione ed il divieto delle pratiche di mutilazione genitale femminile
Carta di Algeri: Dichiarazione Universale dei Diritti dei Popoli.
L'intervento umanitario nel diritto internazionale
Bill of rights: carta dei diritti del 1689
Ripensando i diritti umani
L'asilo tra diritto internazionale e diritto interno
La repressione della violazione dei diritti umani nei conflitti armati
I crimini sessuali come crimini di diritto internazionale
Déclaration des droits de l'homme et du citoyen (Dichiarazione dei diritti dell'Uomo e del Cittadino)
Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Uomo
La Carta delle Nazioni Unite e il trattato Nato
Armi chimiche e libera manifestazione del pensiero: l'uso del gas lacromogeno CS durante le giornate del g8 a Genova 2001
Il genocidio
Diritti umani e guerra
I diritti umani nelle relazioni internazionali tra gli Stati
Gli istituti italiani di ricerca e di studi per la pace
Comunità degli stati indipendenti, Nazioni Unite, mantenimento della pace
Il crimine di genocidio e la sua repressione ad opera dei tribunali penali internazionali
Carta delle Nazioni Unite
Diritti umani e legge dei popoli
L'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS)
Uso della forza armata a fini diversi dalla legittima difesa
L'origine delle Nazioni Unite e il suo ruolo nel Sistema Giuridico Internazionale
Intervento umanitario
I Diritti Fondamentali nella Costituzione Irlandese
Justicia, tierra y libertad. Terra e diritto in Chiapas
Convenzione contro la tortura e altre pene o trattamenti crudeli, inumani o degradanti
Divieto di tortura, ordinamento italiano e obblighi internazionali
La minaccia nucleare ed i movimenti per la pace
 
Diritto internazionale Hits: 1452 
Universalismo dei diritti Dr. Spoto Biagi
 
Versione integrale

641.0 kB
Diritti umani. Un approccio normativo per una questione di giustizia globale
Tesi di laurea

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CATANIA
FACOLTÀ DI SCIENZE POLITICHE

DIRITTI UMANI
UN APPROCCIO NORMATIVO
PER UNA QUESTIONE DI GIUSTIZIA GLOBALE

TESI DI LAUREA

Relatore: Prof. Fabrizio Sciacca
Correlatore: Prof. Matteo Negro


ANNO ACCADEMICO 2004-2005
Pubblicazioni
Centro italiano Studi per la pace
www.studiperlapace.it - no ©
Documento aggiornato al: 2005

 
Sommario

Di fronte all'orrore del terrorismo globale e della guerra, i diritti umani possono essere la base di quella che John Rawls chiama una "società dei popoli ragionevolmente giusta" e il punto di partenza su cui costruire le istituzioni che assicurino la "nuova governance dell'era globale".

 
Indice dei contenuti
 
Introduzione

CAPITOLO I

Il problema della fondazione filosofica dei diritti
umani

1. Il mito della fondazione assoluta dei diritti umani
2. Alcune precisazioni linguistiche e concettuali
3. Alla ricerca di una definizione minima
4. Un punto di vista umano
5. L'approccio utilitarista
6. L'approccio dei beni primari di Rawls
7. L'approccio delle capacitazioni
8. Una definizione minima di diritti umani

CAPITOLO II

L'universalizzazione difficile. I diritti umani, di fronte al
fatto del pluralismo.

1. Il difficile cammino dell'universalizzazione dei diritti umani
2. Monismo, relativismo, pluralismo
3. L'universalismo alla prova: la sfida islamica
4. Conclusioni

CAPITOLO III

Estensione e confini del concetto di diritti umani

1. Forme dell'ingiustizia
2. La questione dei diritti sociali
3. Diritti sociali internazionali ?
4. Il problema del multiculturalismo
5. Critiche alla tradizione politica liberale
6. Una via liberale al multiculturalismo
7. I confini del concetto di diritti umani

CAPITOLO IV

SULLA LEGITTIMITÀ DEGLI INTERVENTI UMANITARI.


1. Il problema
2. Quali violazioni, sono veramente rilevanti
3. La guerra umanitaria. Un caso di guerra giusta?
4. I lati oscuri della guerra umanitaria
5. Una teoria dell'intervento umanitario giusto

Bibliografia
 
Abstract
 

Introduzione


Il tema dei diritti umani è al centro dell'agenda politica globale almeno dal 1948, anno in cui la Dichiarazione universale dei diritti dell'uomo, venne approvata dall'Assemblea generale delle Nazioni Unite.

Era ancora fresca la memoria dell'orrore dei campi di concentramento, di Auschwitz, della Shoah, della distruzione morale e materiale, causata dalla seconda guerra mondiale. In risposta all'esperienza della disumanizzazione assoluta, la comunità internazionale elaborò la dichiarazione del 1948, in cui venne sancito che ogni essere umano dovesse godere di diritti inviolabili che proteggessero la propria persona, per il semplice fatto di essere tale, senza distinzione alcuna, per ragioni di razza, di colore, di sesso, di lingua, di religione, di opinione politica o di altro genere, di ordine nazionale o sociale, di ricchezza, di nascita o di altra condizione (art. 1 Dichiarazione universale).

Un documento coevo alla dichiarazione universale, come la legge fondamentale del 1949 della Repubblica federale tedesca sorta dalle ceneri del regime nazista, conteneva anch'esso, un riferimento solenne al principio della dignità umana. Principio ripreso a distanza di più di cinquanta anni dal Preambolo della Carta dei diritti fondamentali dell'Unione Europea dove si afferma che: "l'Unione si fonda sui valori indivisibili e universali di dignità umana, di libertà, di uguaglianza e di solidarietà" e dall'articolo I-2 dell'appena nata Costituzione europea, secondo il quale: "l'Unione si fonda sui valori del rispetto della dignità umana, della libertà, della democrazia, dell'uguaglianza, dello stato di diritto e del rispetto dei diritti umani, compresi i diritti delle persone appartenenti ad una minoranza"[...] Un modo solenne di ricordare ai popoli europei, che i valori su cui si basa il processo di unificazione del vecchio continente, derivano dalla memoria del male assoluto della Shoah e dal superamento del mito della sovranità statale non condizionata da limiti di carattere etico.

Oggi l'ordine internazionale bipolare, vigente ai tempi dell'approvazione della dichiarazione universale, si è sgretolato. Il collasso del mondo comunista e la diffusione massiccia del nuovo "zeitgeist democratico" , sembravano le premesse necessarie per diffondere su scala globale il linguaggio dei diritti umani. La fine della guerra fredda, aveva infatti posto sul tavolo, problemi politici la cui natura etica era evidente. Questioni come i diritti umani, l'intervento umanitario, il trattamento dei rifugiati, la sostenibilità ambientale dei processi di sviluppo economico, emergevano prepotentemente come temi centrali dell'agenda politica globale, dopo che per quasi cinquanta anni erano stati sacrificati in nome degli interessi geopolitici delle due superpotenze. Sembrava che per la prima volta nella storia dell'umanità, non esistessero spaccature ideologiche fondamentali, in altri termini nulla di insanabile (divario economico a parte), pareva in grado di distinguere e contrapporre i popoli della terra.

Nel mondo post-guerra fredda, riaffiorava anche la possibilità che l'ONU, potesse ricoprire il ruolo di garante della legalità internazionale e di guida della comunità mondiale, che per più di quaranta anni gli era stato negato, a causa dei veti reciproci delle due superpotenze. La crisi irachena del 1991, in cui l'ONU aveva assunto un ruolo centrale, pareva confermare questa tendenza, e sembrò possibile costruire un nuovo ordine internazionale post-bipolare, in cui le Nazioni Unite potessero assumere il potere di sanzionare le minacce alla sicurezza internazionale e le violazioni dei diritti umani.

L'evoluzione successiva del sistema politico globale smentì invece, le ipotesi ottimistiche di chi dopo il 1989 riteneva imminente e inevitabile la "fine della storia", ed il trionfo del modello occidentale basato sull'economia di mercato e sulla liberal-democrazia.

Il "nuovo ordine internazionale," che il Presidente degli Usa George Bush Sr. voleva instaurare a partire dalla prima guerra irachena, risultò irrealizzabile senza un'opportuna riforma di istituzioni internazionali risalenti al modello bipolare di Yalta . Anche il tentativo compiuto dal suo successore Bill Clinton, di ricercare un maggiore multilateralismo e una condivisione degli oneri del governo mondiale fallì, e azioni come quelle che l'11 settembre 2001 hanno trascinato gli Stati Uniti e il mondo in un nuovo tipo di guerra rappresentano il prezzo di tale fallimento .

Nuovi fattori di tensione, quali l'emergere delle differenze culturali e del conflitto tra le civiltà, rendono instabile il terreno delle relazioni internazionali e difficile l'emergere di prospettive etiche universalmente condivise, ma non le negano del tutto. Anzi, di fronte all'orrore del terrorismo globale e della guerra, i diritti umani possono essere la base di quella che John Rawls chiama una "società dei popoli ragionevolmente giusta" e il punto di partenza su cui costruire le istituzioni che assicurino la nuova governance dell'era globale" .

Il tema dei diritti umani, che sarà l'oggetto della nostra discussione, rientra a pieno titolo nell'area di studi emergente, chiamata etica delle relazioni internazionali. Sebastiano Maffettone e Gianfranco Pellegrino, sostengono che: "l'etica delle relazioni internazionali prende le mosse dall'esistenza effettiva di problemi di natura normativa, sia giuridici sia etici in senso stretto, nell'arena internazionale, per vedere se è possibile comprenderli al meglio e talvolta ipotizzare loro soluzioni basate su principi teorici."

Si tratta, dunque, di utilizzare un approccio di tipo normativo, in un campo, quello delle relazioni internazionali, dominato fino a qualche decennio fa dalle teorie realiste. Il realismo politico internazionale è una corrente di pensiero molto antica, che affonda le sue radici in storici della Grecia classica come Tucidide, per passare da Machiavelli ed arrivare a teorici contemporanei come l'americano Hans J. Morghentau, l'inglese Martin Wight, il francese Raymond Aron. Secondo l'approccio realista alle relazioni internazionali l'unico criterio che le nazioni usano nei loro rapporti reciproci è l'interesse, inteso ora come interesse alla sicurezza, ora come interesse a estendere la propria area di influenza. Questo si verifica perché in mancanza di un organismo sovra-ordinato capace di regolare le controversie tra i soggetti del sistema internazionale, quest'ultimo assume una struttura anarchica inidonea ad avere un centro di potere, in cui ogni stato può sopravvivere e realizzare i suoi interessi soltanto agendo come garante di se stesso. La politica internazionale è caratterizzata dunque, dalla ricerca del potere, perché solo con il potere militare lo stato sopravvive e realizza l'interesse nazionale. In un quadro in cui i soggetti del sistema internazionali, cercano soltanto di accrescere il proprio potere, al fine di realizzare i propri interessi nazionali. Qualsiasi richiamo a pretese di tipo etico con valenza universalistica, è considerato dai teorici realisti, strumentale a ragioni di dominio e quindi da combattere come esempio di utopia pericolosa per la stabilità del sistema.

L'approccio normativo alle relazioni internazionali è il tentativo di superare la teoria realista, basandosi sul presupposto che esistano principi morali e sociali comuni, che rendono possibile la composizione pacifica dei conflitti d'interesse tra stati. Per citare ancora Rawls, il problema di fondo dell'etica delle relazioni internazionali, è trovare "una concezione politica del giusto e della giustizia valida per i principi e le norme del diritto e della pratica internazionale" .

Il tema dei diritti umani oggetto di questo lavoro, fa dunque parte, pur non esaurendole, di quelle che Salvatore Veca ha definito questioni di giustizia globale. Le questioni di giustizia globale, come: la necessità di una redistribuzione globale della ricchezza che riduca le diseguaglianze tra nord e sud del mondo; la gestione dei flussi migratori; la protezione dai rischi ambientali; la lotta contro le reti transnazionali del terrorismo globale; sono quelle che travalicano i confini nazionali e gli spazi locali per riferirsi a quella che Habermas ha definito la "costellazione post-nazionale" . La sfida che attende oggi un approccio di tipo normativo, è quindi, quella posta dalla necessità di riferirsi a criteri di giudizio e di valutazione etica non limitati a comunità chiuse ma validi al di là dei confini statali .

In questo lavoro la questione dei diritti umani sarà affrontata da un punto di vista fondazionale e filosofico. L'attenzione verrà posta sull'analisi dei problemi concettuali, ontologici ed etico-politici, che la questione pone sul tappeto. Un approccio di tipo normativo non è l'unico possibile, si può analizzare la questione diritti umani anche attraverso un approccio empirico che tenga conto delle peculiari condizioni storiche e dei problemi di ordine pratico, connessi alla realizzazione giuridica e politica dei diritti umani. Ma, utilizzare un simile approccio, significherebbe allontanarsi troppo dall'obiettivo di questo lavoro, che è quello di fornire ragioni e criteri per il giudizio etico che giustifichino l'adesione al linguaggio dei diritti umani. È chiaro che nel corso della trattazione non potremo esimerci dall'utilizzare l'approccio di tipo empirico, ma lo faremo soltanto quando sarà funzionale alla ricostruzione filosofica della nostra questione.

Il lavoro è suddiviso, in quattro capitoli. Il primo capitolo si occupa del problema della fondazione filosofica dei diritti umani. L'ipotesi che viene portata avanti, scarta la possibilità di una fondazione filosofica assoluta, per concentrarsi su una giustificazione dei diritti umani, come risorse a difesa della fragilità della condizione umana.

Nel secondo capitolo, viene affrontato il tema dell'universalizzazione dei diritti umani. L'argomentazione che viene avanzata, è che in un mondo caratterizzato da diverse versioni e visioni di ciò che è bene, ogni cultura deve esprimere la propria adesione al linguaggio dei diritti umani, in maniera confacente ai propri valori.

Il terzo capitolo, si sofferma sull'opportunità di estendere ai diritti sociali e ai diritti differenziati in funzione dell'appartenenza di gruppo, la categoria di diritti dell'uomo. L'analisi che viene portata avanti, mostra la necessità di individuare un nucleo minimo di diritti dell'uomo, che possa essere garantita in ogni stato, a prescindere dal livello di sviluppo economico. Per questo motivo, pur rispondendo a legittime richieste di libertà e di eguaglianza, i diritti sociali e i diritti differenziati positivi, che per essere realizzati necessitano di una prestazione da parte dei poteri pubblici e di risorse economiche rilevanti, non possono essere considerati diritti umani in senso proprio.

Infine, nel quarto capitolo, viene affrontato il problema di quali misure, sia legittimo intraprendere in caso di gravi violazioni dei diritti umani. L'ipotesi portata avanti, parte dal presupposto, che i cosiddetti interventi umanitari sono giustificati, soltanto se riescono a conseguire realmente, l'obbiettivo di minimizzare il numero delle violazioni dei diritti umani.

Norberto Bobbio, ha sostenuto che il problema di fondo relativo ai diritti umani è non tanto quello di giustificarli, quanto quello di proteggerli. Quello dei diritti umani, sarebbe dunque, un problema non filosofico ma politico. Siamo pienamente d'accordo con Bobbio, ma ci permettiamo di integrare il suo pensiero, dicendo che, se il compito della filosofia politica non è quello di trovare il fondamento assoluto dei diritti umani, essa non può astenersi dal ricercare di volta in volta buone ragioni per proteggerli.

 
Bibliografia
 

Ainis, Michele, I soggetti deboli nella giurisprudenza costituzionale,
in "Politica del diritto" 30:1 (1999). pp. 25-51.


Alexy, Robert, La teoria delle libertà fondamentali di John Rawls
trad. di A. Castelli e F. Sciacca, in Sciacca, Fabrizio (a cura di),
Libertà fondamentali in John Rawls, presentazione di S. Veca,
Giuffrè, Milano 2002, pp. 1-36.

an-Naim, Ahmed, Abdullahi, , Il conflitto tra la shari'a e i
moderni diritti dell'uomo, in Pacini, Andrea, (a cura di), L'Islam
e il dibattito sui diritti dell'uomo, Fondazione Agnelli, Torino,
1998, pp. 103-120.

Attinà, Fulvio, Il sistema politico globale, Laterza, Roma-Bari, 1999.

Berlin, Isaiah, Quattro saggi sulla libertà, trad. e cura di M.
Santambrogio, Feltrinelli, Milano, 1989.

Berlin, Isaiah, Sulla ricerca dell'ideale, in AA.VV. La dimensione
etica nelle società contemporanee, Fondazione Agnelli, Torino,
1990, pp. 3-19.

Bobbio, Norberto, L'età dei diritti, Einaudi, Torino, 1990.

Bobbio, Norberto, Destra e Sinistra. Ragioni e significati di una
distinzione politica. Donzelli, Roma, 1999.

Bobbio, Norberto, Teoria generale della politica, a cura di Bovero,
Michelangelo, Einaudi, Torino, 1999.

Bonanate, Luigi, Democrazia tra le nazioni, Bruno Mondatori,
Milano, 2001.

Botiveau, Bernard, Il diritti dello stato nazione e lo status dei non
Musulmani in Egitto e in Siria. In A. Pacini, (a cura di),
Comunità cristiane nell'Islam Arabo. La sfida del futuro,
Fondazione Agnelli, Torino, 1996, pp. 121-138.

Boudon, Raymond, Pluralità culturale e relativismo, in Caniglia,
Enrico - Spreafico, Andrea, (a cura di), Multiculturalismo o
Comunitarismo? Luiss University Press, Roma, 2003, pp. 49-
74.

Briggs, Asa, Le origini del welfare state, in Perugi, Giampaolo,
(a cura di), Pagine di storiografia, Zaninchelli, Bologna, 1998,
pp. 256-260.

Calore, Antonello, "Guerra giusta" tra presente e passato, in Calore,
Antonello (a cura di), Guerra Giusta? La metamorfosi di un
concetto politico, Giuffrè, Milano, 2003, pp. VII-XV.

Caretti, Paolo, I diritti fondamentali: libertà e diritti sociali,
Giappichelli, Torino, 2002.

Castrucci, Emanuele, Retorica dell'universale. Una critica ad
Habermas, in "Filosofia Politica", 15:1, 2001.

Celano, Bruno, Defeasibility e bilanciamento: sulla possibilità di
revisioni stabili, in "Ragion Pratica", 18, 2001 pp. 223-239.


Conforti, Benedetto, Diritto Internazionale, Editoriale Scientifica,
Napoli, 1999.

Del Bò, Corrado, Rawls e la teoria della giustizia internazionale, in
Sciacca, Fabrizio, (a cura di), Libertà fondamentali in John Rawls,
pp. 117-133.

De Mucci, Raffaele, fenomenologia e critica del concetto di
Governance, in Maffettone, Sebastiano - Pellegrino, Gianfranco,
Etica delle relazioni internazionali, Marco Editore, Lungro di
Cosenza, 2004, pp. 27-41.


Di Rienzo, Eugenio, Guerra civile e guerra giusta nel XVIII secolo,
in "Filosofia Politica" 16:3 (2002) pp. 375-390.

Dworkin, Ronald, Questioni di principio, Il Saggiatore, Milano,
1990.


Elster, Jon, L'uva acerba. L'utilitarismo e la genesi dei voleri, in
Sen, Amartya - Williams, Bernard, (a cura di), Utilitarismo e
oltre, trad. di A. Besussi Il Saggiatore, Milano, 2002. pp.
271-295.


Facchi, Alessandra, I diritti nell'Europa multiculturale, Laterza,
Roma-Bari, 2001.

Ferrara, Alessandro, Fondare senza fondamentalizzare i diritti
umani: il ruolo di una Seconda Dichiarazione, http://dex1.tsd.
unifi/jg/it/forum/ignatief/index.htm

Francis, Fukuyama, La fine della storia e l'ultimo uomo, trad.
di D. Ceni, Rizzoli, Milano, 1992.

Galeotti, Anna, Elisabetta, Multiculturalismo: filosofia politica e
conflitto identitario, Liguori, Napoli, 1999.

Galeotti, Anna, Elisabetta, I diritti collettivi, in Vitale, Ermanno,
(a cura di), Diritti umani e tutela delle minoranze, Rosenberg e
Sellier, Torino, 2000.

Galli, Carlo, Spazi politici. L'età moderna e l'età globale, Il
Mulino, Bologna 2001.

Gori, Umberto, voce "Guerra", in Dizionario di Politica, dir.
Da N. Bobbio, N. Matteucci, G. Pasquino, Tea, Milano,
1990.

Grassi, Davide, La globalizzazione della democrazia :
transizione e consolidamento democratico agli albori
del XXI secolo, in "Rivista italiana di scienza politica",
32:1 (2002), pp. 3-29.

Guastini, Riccardo, Teoria e dogmatica delle fonti, in Trattato di
diritto civile e commerciale, vol. I, t. I, Giuffrè, Milano 1998.


Guolo, Renzo, L'Islam è compatibile con la democrazia ? Laterza,
Roma-Bari, 2004.


Habermas, Jürgen, La costellazione post-nazionale. Mercato globale
nazioni, democrazia, a cura di L. Ceppa, Feltrinelli, Milano, 1999.


Habermas, Jürgen, l'inclusione dell'altro. Studi di teoria politica
a cura di L. Ceppa, Feltrinelli, Milano 1998.

Habermas, Jürgen, Umanità e bestialità - Una guerra al confine
Tra diritto e morale, http://www.caffeeuropa.it/attualità/
33habermas-guerra-ok.html

Huntington, Samuel, La terza ondata. I processi di
democratizzazione alla fine del XX secolo, Il Mulino,
Bologna, 1995.

Huntington, Samuel, Lo scontro delle civiltà e il nuovo ordine
Mondiale, Garzanti, Milano, 1997.

Ignatieff, Michael, Una ragionevole apologia dei diritti umani, trad.
di. S. D'Alessandro, Feltrinelli, Milano, 2003.

Juergensmeyer, Mark, Rapporto Baghdad. Tutto quello che gli
americani hanno sbagliato, trad. di M. Toti, Reset Editore,
Roma, 2004.

Kaldor, Mary, Le nuove guerre. La violenza organizzata nell'età
globale, trad. di G. Foglia, Carocci, Roma, 2001.


Kant, Immanuel, Per la pace perpetua, trad. di R. Bordiga, Feltrinelli,
Milano, 1999.

Kymlicka, Will, La cittadinanza multiculturale, trad. Di G. Gasperoni,
il Mulino, Bologna 1999.

Kymlicka, Will, Teoria e pratica del multiculturalismo
D'immigrazione in, Caniglia, Enrico - Spreafico, Andrea,
(a cura di), Multiculturalismo o comunitarismo? pp. 123-157.

Maffettone, Sebastiano, Etica pubblica. La moralità delle istituzioni
Nel terzo millennio, Il Saggiatore, Milano 2001.

Maffettone, Sebastiano, Liberalismo, multiculturalismo, diritti umani,
in, Caniglia, Enrico - Spreafico, Andrea, (a cura di),
Multiculturalismo o comunitarismo? pp. 201-223.

Maffettone, Sebastiano - Pellegrino, Gianfranco, (a cura di),
Etica Delle relazioni internazionali, Marco Editore, Lungro di
Cosenza, 2004.

Maimone, Vincenzo, La società incerta. Liberalismo, individui e
Istituzioni nell'era del pluralismo, Rubbettino, Soveria Mannelli
2002

MacIntyre, Alasdair, Dopo la virtù. Saggio di teoria morale, trad.
di P. Capriolo, Feltrinelli, Milano 1988.

Munkler, Herfried, Politica e guerra. Le nuove sfide della
decomposizione degli stati, del terrore e delle economie di
guerra civile, trad. di M. Merlo, in "Filosofia Politica" 16:3
2002. pp. 435-456.

Negri, Antonio - Hardt, Michael, Impero. Il nuovo ordine della
globalizzazione, trad. di A. Pandolfi, Rizzoli, Milano, 2001.

Nussbaum, Martha C., Giustizia sociale e dignità umana.
da individui a persone trad. di E. Greblo, Il Mulino, Bologna
2002.

Nussbaum, Martha C., Diventare persone. Donne e universalità
dei diritti, trad. di W. Mazzefoni, Il Mulino, Bologna, 2001.

Pace, Enzo- Guolo, Renzo, I fondamentalismi Laterza, Roma-
Bari, 1998.

Pacini, Andrea, l'Islam e il dibattito sui diritti dell'uomo, in Pacini,
Andrea (a cura di) l'Islam e il dibattito sui diritti dell'uomo,
Fondazione Agnelli, Torino, 1998, pp. 3-30.

Parsi, Vittorio E., Gli Stati Uniti e l'ordine globale in
"Filosofia politica", 16:1 (2002), pp. 83-113

Palombella, Gianluigi, l'autorità dei diritti. I diritti fondamentali tra
istituzioni e norme, Laterza, Roma-Bari 2002.

Pizzorno, Alessandro, Le radici della politica assoluta, Feltrinelli,
Milano, 1993.

Rawls, John, Una teoria della giustizia, trad. di U. Santini,
revisione e cura di S. Maffettone, Feltrinelli, Milano 1997.

Rawls, John, Unità sociale e beni principali, in Sen, Amartya,
Williams, Bernard (a cura di), Utilitarismo e oltre, pp. 201-232.

Rawls, John, Liberalismo politico, a cura di S. Veca, trad. di
G. Rigamonti, Edizioni di Comunità, Milano 1994.

Rawls, John, Il diritto dei popoli, a cura di S. Maffettone,
trad. di G. Ferranti e P. Palminiello, Edizioni di Comunità, Milano
2001.

Rawls, John, Giustizia come equità. Una riformulazione, trad.
di G. Rigamonti, a cura di S. Veca, Feltrinelli, Milano, 2002.

Regan, Tom, I diritti animali, trad. di R. Rini, Garzanti, Milano,
1990.

Sandel, Michael J., Il liberalismo e i limiti della giustizia, trad.
di S. D'Amico, Feltrinelli, Milano 1994.


Sbarberi, Franco, L'utopia della libertà eguale. Il liberalismo sociale
da Rosselli a Bobbio, Bollati Boringhieri, Torino, 1999.

Schmitt, Carl, Le categorie del "politico", a cura di G. Miglio, P.
Schiera, Il Mulino, Bologna, 1972.

Sciacca, Fabrizio, Ingiustizia vs. restrizione, in Sciacca, Fabrizio
( a cura di), Libertà fondamentali in John Rawls, cit., pp. 135-145.

Sciacca, Fabrizio, Ingiustizia politica, Giuffrè, Milano, 2003.

Sen, Amartya, Rights and Agency, in "Philosophy and Public
Affairs" 11:1 (1982), pp. 3-39.


Sen, Amartya, Etica ed economia, trad. di S. Maddaloni,
Laterza, Roma-Bari 1988.

Sen, Amartya, La diseguaglianza. Un riesame critico, Il
trad. di A. Balestrino, G.M. Mazzanti, Il Mulino, Bologna 1994.

Sen, Amartya, la libertà individuale come impegno sociale, trad. di
C. Scarpa, F. Crespi, Laterza, Roma-Bari, 1997

Sen, Amartya, Lo sviluppo è libertà, trad. di G. Rigamonti,
Mondatori, Milano 2000.

Sen, Amartya, La ricchezza della ragione, trad. di A. Balestrino,
B. Ingrao, G. Mozzanti, Il Mulino, Bologna, 2000.

Sen, Amartya, Globalizzazione e libertà, trad. di G.
Bono, Mondatori, Milano 2002.

Sen, Amartya, - Williams, Bernard, (a cura di), Utilitarismo e
Oltre, tr. Di A. Besussi, cura di S. Veca, Il Saggiatore, Milano,
2002.

Sen, Amartya, Le radici della democrazia, in "Internazionale", 513:11
(2003), pp. 28-35.


Szyska, Christian, Diritti umani, in Elger, Ralf-Stolleis, Friederike,
Piccolo dizionario dell'Islam. Storia, cultura, società,
Einaudi, Torino 2002, pp. 91-93.



Talbi, Mohammed, La shari'a: ha ancora un futuro tra laicità e
ateismo? in Caniglia, Enrico-Spreafico, Andrea, multiculturalismo
o comunitarismo? Luiss University Press, Roma, 2003, cit., pp.
189-200.

Telò, Mario, L'Europa potenza civile, Laterza, Roma-Bari 2004.

Tincani, Persio, Chi sono le parti? Per una posizione pre-originaria,
In Sciacca, Fabrizio (a cura di), Libertà fondamentali in John
Rawls. cit., pp. 37-73.

Veca, Salvatore, Il dilemma della condivisione politica, in Maffettone
Sebastiano-Veca, Salvatore, Filosofia, politica, società, Donzelli
Roma 1995, cit., pp. 193-206.

Veca, Salvatore, Dell'incertezza. Tre meditazioni filosofiche,
Feltrinelli, Milano 1998.

Veca Salvatore, La bellezza e gli oppressi. Dieci lezioni sull'idea di
Giustizia, Feltrinelli, Milano 2002.

Veca, Salvatore, I diritti umani e la priorità del male, in Ignatieff,
Michael, Una ragionevole apologia dei diritti umani, Feltrinelli,
Milano, 2003. pp. 101-134.

Walzer, Michael, Guerre giuste e ingiuste. Un discorso morale con
esemplificazioni storiche, trad. di F. Armao, presentazione di
S. Maffettone, Liguori, Napoli, 1990.

Walzer, Michael, Geografia della morale, Democrazia, tradizioni e
universalismo, trad. di N. Urbinati, Dedalo, Bari, 1999.

Walzer, Michael, Sulla guerra, trad. di N. Cantatore, Laterza,
Roma-Bari, 2004.


Weber, Max, il metodo delle scienze storico-sociali, trad. di
Pietro Rossi, Mondatori, Milano, 1974.

Weber, Max, Economia e società, Edizioni di Comunità, Milano,
1974.

Zolo, Danilo, Fondamentalismo umanitario, in Ignatieff, Michael,
Una ragionevole apologia dei diritti umani, Feltrinelli, Milano,
2003, pp. 135-157.

 
Clicca sull'icona per scaricare la versione integrale

641.0 kB