Diritto internazionale dei diritti umani e dei conflitti armati: guerra e pace
Sovranità, diritti umani e uso della forza: l'intervento armato "umanitario" :: Studi per la pace  
Studi per la pace - home
ultimo aggiornamento: 12.03.2008
   
Studi per la pace - home
Centro studi indipendente di diritto internazionale dei diritti umani e dei conflitti armati - Direttore: Avv. Nicola Canestrini
Conflitti armati Conflitti interni Diritto bellico Diritto internazionale Europa Giurisdizioni internazionali Terrorismo
 
Diritto internazionale
Peacekeeping Operations
Il divieto internazionale di tratta degli esseri umani
Diritto alla pace e diritti umani
Nazionalità, Cittadinanza e Diritti Umani. La molteplicità dei Dèmoi
The Role of the Media in the Planning and Conduct of Strategic Operations with Reference to the Gulf War 1991 and the Bosnian War 1992-95
Nuovi studi per la pace e servizio civile
Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati del 1969
Le operazioni delle Nazioni Unite per il mantenimento della pace
Definition of Aggression - G.A. resolution 3314 (XXIX), 1974
Convenzione sui diritti dell'infanzia
Principi di diritto internazionale concernenti le relazioni amichevoli e la cooperazione tra gli Stati
Diritti umani e diritti fondamentali fra tutela costituzionale e tutela sovranazionale:il diritto ad un ambiente salubre
Dichiarazione N.U. di Vienna e programma d'azione
Protocollo opzionale alla Convenzione contro la tortura di New York del 1984 (en)
Carta africana dei diritti dell'uomo e dei popoli
Carta araba dei diritti dell'uomo
Dichiarazione del Cairo sui diritti umani nell'Islam
Risoluzione 177 (II) Assemblea Generale delle N.U.
"Uniting for peace" G.A. Resolution 377 (V) 1950
"Essentials of peace" G.A. Resolution 290 (IV) 1949
Protocollo opzionale sul coinvolgimento dei bambini nei conflitti armati
Legal status of human shields
Antica Babilonia - Partecipazione italiana al conflitto iracheno
La dottrina Bush. Un'analisi storica e critica
Guerra e Costituzione. Alla prova dei fatti
L'uso della forza contro gli "stati canaglia": il diritto internazionale dopo l'11 settembre
Convenzione per la Prevenzione e la Repressione del Delitto di Genocidio (1948)
Il caso Iraq e il diritto internazionale: uso della forza e giustificazione dell'illecito
La tratta di persone nel diritto internazionale
Ong in guerra. Appunti per una critica all'umanitario
Gli Stati Uniti ed il mantenimento della pace: dalla Guerra del Golfo all'intervento in Somalia
Crimini di guerra e crimini contro l'umanità nel diritto internazionale penale.
Il ruolo delle ONG nei trattati per i diritti dell'uomo
La prevenzione dei conflitti. Il ruolo della comunità internazionale nella prevenzione dei conflitti nell'era post Guerra Fredda
Il sistema di garanzia dei diritti umani delle Nazioni Unite
La dichiarazione universale dei diritti umani
I principi generali di diritto e le cause di giustificazione nel diritto internazionale penale: influssi e reflussi fra ordinamento internazionale e ordinamenti interni
Rapporto Annuale 2006 di Amnesty International - estratto sull'Italia
Rapporto sui diritti globali 2006
Istituzioni italiane, guerra e Costituzione: la prassi
Guerra e attuazione della Costituzione
Il valore costituzionale della pace e il divieto della guerra
Diritto internazionale ed uso della forza
La riforma delle Nazioni Unite: Europa e Stati Uniti a confronto
Diritti umani. Un approccio normativo per una questione di giustizia globale
Caschi Blu: costretti all'impotenza
La tortura nel diritto penale americano di guerra
La mutilazione genitale femminile
La "legge Consolo" 7/2006 per la prevenzione ed il divieto della mutilazione genitale femminile
Moratoria ONU contro la pena di morte
Aspetti evolutivi del principio di autodeterminazione dei popoli
La legge Consolo per la prevenzione ed il divieto delle pratiche di mutilazione genitale femminile
Carta di Algeri: Dichiarazione Universale dei Diritti dei Popoli.
L'intervento umanitario nel diritto internazionale
Bill of rights: carta dei diritti del 1689
Ripensando i diritti umani
L'asilo tra diritto internazionale e diritto interno
La repressione della violazione dei diritti umani nei conflitti armati
I crimini sessuali come crimini di diritto internazionale
Déclaration des droits de l'homme et du citoyen (Dichiarazione dei diritti dell'Uomo e del Cittadino)
Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Uomo
La Carta delle Nazioni Unite e il trattato Nato
Armi chimiche e libera manifestazione del pensiero: l'uso del gas lacromogeno CS durante le giornate del g8 a Genova 2001
Il genocidio
Diritti umani e guerra
I diritti umani nelle relazioni internazionali tra gli Stati
Gli istituti italiani di ricerca e di studi per la pace
Comunità degli stati indipendenti, Nazioni Unite, mantenimento della pace
Il crimine di genocidio e la sua repressione ad opera dei tribunali penali internazionali
Carta delle Nazioni Unite
Diritti umani e legge dei popoli
L'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS)
Uso della forza armata a fini diversi dalla legittima difesa
L'origine delle Nazioni Unite e il suo ruolo nel Sistema Giuridico Internazionale
Intervento umanitario
I Diritti Fondamentali nella Costituzione Irlandese
Justicia, tierra y libertad. Terra e diritto in Chiapas
Convenzione contro la tortura e altre pene o trattamenti crudeli, inumani o degradanti
Divieto di tortura, ordinamento italiano e obblighi internazionali
La minaccia nucleare ed i movimenti per la pace
 
Diritto internazionale Hits: 6461 
Intervento armato "umanitario" Dr. Silvio Favari
 
Versione integrale

327.2 kB
Sovranità, diritti umani e uso della forza: l'intervento armato "umanitario"
Tesi di Master

Università degli Studi di Roma
La Sapienza

Master in Tutela internazionale dei diritti umani

Anno 2002 Pubblicazioni
Centro italiano Studi per la pace
www.studiperlapace.it - no ©
Documento aggiornato al: 2002

 
Sommario

Il termine intervento umanitario comprende, in effetti, diversi tipi di atti, dal soccorso alle vittime di un conflitto, all'intervento coercitivo militare, i quali sono accomunati dal fatto che determinano un'ingerenza negli affari interni dello stato in cui si svolgono le operazioni.

 
Indice dei contenuti
 
Introduzione

PARTE 1 - Il sistema attuale delle Nazioni Unite

1.1- Il divieto dell'uso della forza
1.1.1- Un breve excursus storico
1.1.2- L'art. 2 par. 4 della Carta ONU: contenuto della norma e le eccezioni al divieto
1.1.3- Il divieto dell'uso della forza nel diritto internazionale generale
1.2 - Il principio di non ingerenza
1.3 - La tutela dei diritti umani nella Carta ONU

PARTE 2 - L'intervento umanitario nella prassi internazionale

2.1 - Alcuni esempi di intervento armato umanitario nella storia non recente
2.2 - L'evoluzione del fenomeno nel periodo post- guerra fredda
2.2.1- Breve analisi degli interventi più significativi
2.2.2- Considerazioni generali
2.3 - Il leading case del Kosovo
2.3.1- Le risoluzioni dell'ONU e l'inizio dei raids della NATO
2.3.2-Qualche considerazione (paradigmatica?) sull'azione nella RFY

PARTE 3 - Stato dell'arte e prospettive future

3.1 - L'intervento umanitario nel diritto internazionale: verso una nuova consuetudine?

Conclusioni
Bibliografia
 
Abstract
 

Conclusione

A conclusione del presente lavoro, prima di delineare gli scenari futuri e di formulare qualche auspicio, vorrei soffermarmi su una questione, a mio avviso, di importanza centrale nell'economia di queste mie riflessioni.

Un elemento molto importante sta nel fatto che l'intervento armato umanitario, per quanto connotato da più o meno congrue giustificazioni umanitarie, rappresenta pur sempre un atto di forza armato che, per quanto non lo si voglia chiamare guerra, segna comunque l'affermazione di una logica antitetica a quella del diritto.

Tale logica, applicata in maniera estensiva, sembra rappresentare la sconfitta, la morte del diritto, ridotto ad un "arido insieme di norme superate dai tempi" , a vantaggi odi una visione del mondo ove la non riformabilità del Consiglio di Sicurezza ONU rende inevitabile agire praeter legem o più esplicitamente contra legem.

A mio modo di vedere, per quanto a volte l'analisi attenta della realtà suggerirebbe il pessimismo più profondo, è invece necessario il massimo impegno per migliorare l'attuale diritto positivo per renderlo il più aderente possibile ad un contesto internazionale che, ciò è fuor di dubbio, non è più quello di sessanta anni fa.

Se le Nazioni Unite, ed in particolare il Consiglio di Sicurezza, hanno sofferto per oltre cinquant'anni di scarsa rappresentatività e democraticità da una parte e di immobilismo dall'altra, la soluzione migliore non sembra certo quella di affidarsi a soluzioni ancora meno democratiche, sebbene caratterizzate da un maggior decisionismo.

In altri termini, organizzazioni regionali come la NATO, rappresentando comunque una visione parziale del mondo, essenzialmente quella dei paesi ricchi e militarmente più forti, non sembrano garantire quella imparzialità di giudizio necessaria per agire sullo scacchiere internazionale come garante della pace e della sicurezza internazionale e, men che meno, della tutela dei diritti umani.
Del resto nel "Nuovo concetto strategico" dell'alleanza atlantica, i diritti umani sono soltanto uno dei motivi che possono determinare l'intervento dell'alleanza, e sembrano passare in second'ordine rispetto alla difesa di "valori ed interessi comuni" dell'alleanza stessa.

Perciò l'unica strada sembra quella di andare oltre cinquanta- sessanta anni di veti incrociati e di gestione oligarchica dell'ONU e tentare la strada di una vera e radicale riforma del Consiglio di Sicurezza.

In primo luogo si dovrebbe tendere all'eliminazione, più o meno graduale, del diritto di veto attribuito ai membri permanenti d'altra parte andrebbe modificata la stessa composizione del CDS, in modo da garantire una maggiore e eguale rappresentatività delle varie zone del pianeta.

Soltanto questo sembra il modo di uscire da una logica "neo-colonialista" che rischia di continuare a guidare le politiche e le azioni in tema di pace e sicurezza internazionale.

Il problema di fondo, a tutt'oggi irrisolto, appare quello di far restare (o rientrare) i poteri decisionali relativi a questioni così importanti come l'uso della forza nel contesto internazionale, in capo ad organismi universali come l'ONU per ridurre (evitare sarebbe impossibile) il rischio, sempre attuale, di un uso strumentale di argomenti umanitari per perseguire finalità che poco o nulla hanno a che vedere con il destino delle popolazioni civili colpite da questa o quella tragedia umanitaria.

Non sembra perciò accettabile di chi, vista l'impasse in cui il CDS spesso si trova, ritiene giusto avallare operazioni non autorizzate dallo stesso Consiglio, sostenendo che non si può restare immobili dinanzi a gravi violazioni del diritto internazionale e, in particolare, dei diritti umani. Oltre alla necessità della riforma dell'ONU, che come detto deve avere un ruolo centrale in uno scenario futuro auspicabile, primaria importanza sembra averla anche l'embrione di giustizia penale internazionale, concepito nel 1998 a Roma, con l'approvazione dello Statuto della Corte Penale Internazionale.

Ferme restando le riserve su una giustizia internazionale cui non corrisponde un impianto internazionale che somigli ad un governo mondiale, non ci si può che rallegrare di fronte al tentativo di ricondurre le sanzioni per le più gravi violazioni dei diritti umani (Genocidio, crimini contro l'umanità, crimini di guerra e, in futuro aggressione) nell'alveo del diritto, piuttosto che in quello della guerra, o intervento armato che dir si voglia.

Del resto tra gli oppositori (talvolta sabotatori) della nascente CPI vi sono sia stati campioni nella violazioni dei diritti umani, come la Cina e Israele, sia stati che propugnano, anche se non indistintamente, la dottrina dell'intervento umanitario, come gli Stati Uniti d'America.

Ciò non fa altro che rafforzare l'idea della portata potenzialmente molto innovativa di una vera giustizia penale internazionale, pur nella consapevolezza dei mille ostacoli che tale progetto continuerà ad incontrare.
Inoltre le caratteristiche universali della Corte Penale Internazionale mostrano anche, in maniera evidente, i limiti, la parzialità e sovente la strumentalità di interventi "umanitari" concepiti e portati avanti da uno o più stati o organizzazioni regionali.

Al di sopra di tutto ciò resta la convinzione, per tornare al titolo di questo lavoro, che da una parte i diritti umani non devono soccombere di fronte a pretestuose affermazioni di diritti sovrani legati al concetto di domestic jurisdiction, e che dall'altra è quanto meno auspicabile che al potere sovrano degli Stati non si sostituiscano nuove forme di colonialismo, più o meno mascherato, nelle quali i diritti umani siano, per l'ennesima volta, l'asso nella manica per giustificare interventi che rispondono in realtà a logiche ... di sovranità, legate cioè ad interessi nazionali e che, in ultima analisi, determinano spesso violazioni proprio di quei diritti umani che si pretende di voler tutelare.

 
Bibliografia
 

AMBOS, NATO, the UN, and the Use of Force: Legal Aspects, 1999, reperibile sul sito http://www.ejil.org.

ANNAN, Two Concepts of Sovereignty, in The Economist, 1999.

BERNARDINI, Jugoslavia: una guerra contro i popoli e contro i diritti, in I Diritti dell'Uomo - Cronache e Battaglie, 1998, p. 33 - 40.

BROWNLIE, International Law and the Use of Force by States,Oxford, 1963, part I
CANNIZZARO, La nuova dottrina strategica della NATO e gli interventi "fuori area", in Rivista di Diritto Internazionale, 1999, p. 729-731.

CASSESE, A Follow-Up : Forcible Humanitarian Countermeasures and Opinio Necessitatis, in European Journal of International Law, 1999, p. 791-799.

CASSESE, Ex iniura ius oritur: Are We Moving towards International Legitimation of Forcible Humanitarian Countermeasures in the World Community ?, in European Journal of International Law, 1999, p. 23-30.

CHARNEY, Anticipatory Humanitarian Intervention in Kosovo, in American Journal of International Law, 1999, p. 834-841.

CHINKIN, Kosovo: A "Good" or "Bad" War?, in Am. Jour. Int. Law, 1999, pp. 841-847

CONFORTI, Le principe de non - intervention, in BEDJAOUI (a cura di), Droit International. Bilan et perspective, volume I, Parigi, 1991, p. 489-505.

CONFORTI, Le Nazioni Unite, Padova, 1996.

CORTEN, KLEIN, L'autorisation de recourir à la force à des fins humanitaires: droit d'ingérence ou retour aux sources ?, in European Journal of International Law, 1993, p. 506-533.

CORTEN, KLEIN, Droit d'ingérence ou obligation de réaction ?, Bruxelles, 1992.

DUUPUY, Droit International public, Paris, 1993, pp. 74-75

FALK, Kosovo, World Order, and the Future of International Law, in American Journal of International Law, 1999, 847-857.

FERRARI, L'intervento umanitario dopo la fine della guerra fredda, in DOGLIANI, SICARDI (a cura di), Diritti umani e uso della forza: profili di diritto costituzionale interno e internazionale, Torino, 1999.

FISK, Who Needs NATO?, in The Progressive, 1999, p. 22 ss., reperibile all'indirizzo web: www.progressive.org

FRANCK, Lessons of Kosovo, in American Journal of International Law, 1999, p. 857-860.

GAJA, Genocidio dei curdi e dominio riservato, in Rivista di Diritto Internazionale, 1991, p. 95-97.

GIULIANO, SCOVAZZI, TREVES, Diritto internazionale, Milano, 1991

HAYDEN, Official Rationales for Attacking Yugoslavia, 1999, reperibile all'indirizzo web: http://jurist.law.pitt.edu/acad-op.htm#Bob

HENKIN, Kosovo and the Law of "Humanitarian Intervention", in American Journal of International Law, 1999, p. 824-828.

LOBEL, Humanitarian Intervention in Kosovo, 1999, reperibile all'indirizzo web:
http://jurist.law.pitt.edu/acad-op.htm#Jules

MARCELLI, La guerra del Kosovo, il diritto internazionale e i diritti umani, in I Diritti dell'Uomo - Cronache e battaglie, 1999, pp. 43-46

MERTUS, Legal Grounds of Intervention in Kosovo, in "Washington Post" del 11 aprile 1999, reperibile all'indirizzo web: http://jurist.law.pitt.edu/acad-op.htm#Julie



MUSTAFA, L'ingerenza umanitaria: il caso dei Curdi, Pisa, 1996.

PICONE, La "guerra del Kosovo" e il diritto internazionale generale, in Rivista di diritto internazionale, 2000, p. 309-360.

PINELLI, Sul fondamento degli interventi armati a fini umanitari, in Dir. pubb., 1999, pp. 61-87.

RANDELZHOFER, art. 2 (4), in UN Charter, A commentary, edited by B. Simma, Kruger Law International, 1994, p. 109 ss

REISMAN, Kosovo's Antinomies, in American Journal of International Law, 1999, p. 860-862.

RONZITTI, Non-ingerenza negli affari interni di un altro Stato, in Digesto IV delle Discipline Pubblicistiche, 1996, p. 159-168.

RONZITTI, Raids aerei contro la Repubblica federale di Iugoslavia e Carta delle Nazioni Unite, in Rivista di Diritto Internazionale, 1999, p. 476-482.

RONZITTI, Forza (uso della), in Digesto IV delle Discipline Pubblicistiche, 1996, p. 1-25.

SAULLE, Dalla tutela giuridica all'esercizio dei diritti umani, Napoli, 1999

SAULLE, Il Kosovo e il diritto internazionale, in I Diritti dell'Uomo - Cronache e battaglie, 1998, p. 53-54.

SCHNABEL, THAKUR, Kosovo and the Challenge of Humanitarian Intervention: Selective Indignation, Collective Action, and International Citizenship, Tokio, 1999.

SCOVAZZI, Corso di diritto internazionale. Parte I, Milano, 2000.

SIMMA, NATO, the UN and the Use of Force: Legal Aspects, in European Journal of International Law, 1999, p. 1-22.

SOREL, Timor Oriental: Un résume de l'histoire du droit international, in Revue Générale de Droit International Public, 2000, p. 37 - 59.

TESON, Humanitarian Intervention: An Inquiry into Law and Morality, New York, 1997.

THOMAS, NATO and International Law, 1999, reperibile alla pagina web: http://jurist.law.pitt.edu/thomas.htm

UNGARI, Per l'intervento nel Kosovo, in I Diritti dell'Uomo - Cronache e Battaglie, 1998, p. 55-56.

VALTICOS, Les droits de l'homme, le droit international et l'intervention militaire en Yougoslavie, in Revue Générale de Droit International Public, 2000, p. 5-17.

VERWEY, Humanitarian Intervention under International Law, in Netherlands International Law Review, 1985, p. 378

WECKEL, L'emploi de le force contre la Yougoslavie ou la Charte fissurée, in Revue Générale de Droit International Public, 2000, p. 19-36.

WEDGWOOD, NATO's campaign in Yugoslavia, in American Journal of International Law, 1999, p. 829-834

ZAPPALA', Nuovi sviluppi in tema di uso della forza armata in relazione alle vicende del Kosovo, in Rivista di Diritto Internazionale, 1999, p. 975-1004.

ZANGHI', Il Kosovo fra le Nazioni Unite e il diritto internazionale, in Diritti dell'Uomo - Cronache e Battaglie, 1998, p. 57-62.

 
Clicca sull'icona per scaricare la versione integrale

327.2 kB