Diritto internazionale dei diritti umani e dei conflitti armati: guerra e pace
La Commissione Preparatoria della Corte Penale Internazionale :: Studi per la pace  
Studi per la pace - home
ultimo aggiornamento: 12.03.2008
   
Studi per la pace - home
Centro studi indipendente di diritto internazionale dei diritti umani e dei conflitti armati - Direttore: Avv. Nicola Canestrini
Conflitti armati Conflitti interni Diritto bellico Diritto internazionale Europa Giurisdizioni internazionali Terrorismo
 
Giurisdizioni internazionali
La protezione penale dei diritti umani dal processo di Norimberga allo Statuto di Roma.
La giurisdizione complementare della Corte Penale Internazionale
Autodifesa di Milosevic
Statuto del Tribunale Penale Internazionale per l'ex Yugoslavia
L'incriminazione di Milosevic: processo ad un epoca?
Capo d'imputazione di Milosevic
Petizione contro l'imposizione della difesa d'ufficio a Slobodan Milosevic
Milosevic dinanzi al Tribunale Internazionale: non è un trionfo della giustizia
Il Tribunale del Grande Fratello
Verso una giustiza internazionale penale?
La Corte Penale Internazionale e i rapporti con l'Organizzazione delle Nazioni Unite
L'Instance Equitè et Rèconciliation: l'esperienza marocchina
Tribunale penale internazionale per i crimini commessi nell'ex-Jugoslavia
Un primo bilancio della Corte Penale Internazionale
L'obbligo di cooperazione degli Stati con la Corte penale internazionale
Saddam Hussein: il processo senza giustizia
Dal tribunale penale militare di Norimberga al tribunale penale internazionale per i crimini commessi nella ex-Jugoslavia nell'ottica dei diritti umani
I diritti dell'accusato nello Statuto della Corte Penale Internazionale
Corte Penale Internazionale: meccanismi di attivazione
Attività militari e paramilitari in e contro il Nicaragua (Nicaragua vs. United States), I.C.J. 1986 (en)
Corte Penale Internazionale Permanente e repressione dei più gravi crimini di diritto internazionale
I crimini contro l'umanità e il Tribunale Penale Internazionale
La figura del procuratore nello statuto della Corte penale internazionale
Effettività e idealità del diritto penale internazionale
Corte Penale Internazionale tra effettività ed idealità
Statuto della Corte Penale Internazionale (CPI, 1998)
Corte Penale Internazionale: istituzione
L'azione penale negli organi di giustizia internazionale: i Tribunali ad hoc e la Corte Penale Internazionale
 
Giurisdizioni internazionali Hits: 4313 
Corte Penale Dr. Daniele Panfilo
 
Versione integrale

600.2 kB
La Commissione Preparatoria della Corte Penale Internazionale
Tesi di laurea

ed. aggiornata 2006
Edizioni Universitarie Romane.
ISBN 886022008-4
acquista on line

Università degli studi di Roma
"La Sapienza" Facoltà di Scienze Politiche

Organizzazione internazionale

Relatore Prof. Sergio Marchisio
Anno accademico 2002-2003 Pubblicazioni
Centro italiano Studi per la pace
www.studiperlapace.it - no ©
Documento aggiornato al: 2003

 
Sommario

La creazione della Corte penale internazionale rappresenta uno strumento di cui la comunità internazionale si è dotata per adempiere al dovere morale di rispetto verso la vita umana troppo spesso violato da crimini come il genocidio, i crimini contro l'umanità o i crimini di guerra.

 
Indice dei contenuti
 
Introduzione

I. Le Regole di procedura e di prova

1. Lo svolgimento dei lavori nel corso delle prime cinque sessioni
2. Introduzione generale sul testo delle Regole di procedura e di prova
3. Le Regole di procedura
3.1. Gli interventi più incisivi realizzati dalla Commissione preparatoria nel campo della procedura
3.2. Due particolari problematiche di difficile soluzione
4. Le Regole probatorie

II. Gli Elementi dei crimini

1. Introduzione generale sul testo degli Elementi dei crimini
2. Problematiche generali relative agli Elementi dei crimini
3. Il crimine di genocidio
4. I crimini contro l'umanità
4.1. Premessa
4.2. Gli elementi dei crimini contro l'umanità
4.3. Gli elementi di tre crimini contro l'umanità
5. I crimini di guerra
5.1. Premessa
5.2. Gli elementi dei crimini di guerra
5.3. Gli elementi di due crimini di guerra

III. Il crimine d'aggressione

1. I negoziati relativi al crimine d'aggressione nell'ambito della Commissione preparatoria
2. Considerazioni generali sull'aggressione
3. La definizione del crimine d'aggressione
4. Le condizioni per l'esercizio della giurisdizione della Corte sul crimine d'aggressione

IV. I lavori conclusivi della Commissione preparatoria

1. Lo svolgimento dei lavori nel corso delle ultime cinque sessioni
2. Gli effetti sulla Commissione preparatoria degli eventi dell'11 settembre 2001 e della politica americana nei confronti della Corte penale internazionale
3. L'accordo che regola i rapporti tra la Corte penale internazionale e le Nazioni Unite
4. I negoziati della Commissione relativi ai privilegi e alle immunità
4.1. L'accordo sui privilegi e le immunità della Corte
penale internazionale
4.2. I principi di base sull'accordo di sede tra la Corte
penale internazionale e il Regno dei Paesi Bassi
5. Le questioni finanziarie nell'ambito dei lavori della Commissione preparatoria
5.1. Premessa
5.2. Il Gruppo di lavoro sulle regole e il regolamento
finanziario
5.4. I tre gruppi di lavoro sulle rimanenti questioni
finanziarie
5.5. Il Gruppo di lavoro sul bilancio preventivo per il
primo anno finaziario
6. Il procedimento per l'elezione dei giudici

Conclusioni

Bibliografia

Allegati
1. Sessioni della Commissione preparatoria
2. Organizzazione interna della Commissione preparatoria
3. Testi adottati dalla Commissione preparatoria
 
Abstract
 

La Commissione preparatoria della Corte penale internazionale è stata istituita in base alla Risoluzione F dell'Atto finale annesso al Trattato istitutivo della Corte, adottato a Roma il 17 luglio 1998 ed entrato in vigore il 1 luglio 2002. La Conferenza per l'istituzione di una Corte penale internazionale si è svolta dal 15 giugno al 17 luglio del 1998. Si è trattato di cinque settimane di lavoro difficili ed intense, ma che si sono svolte in un clima di cooperazione e con l'obiettivo di concludere positivamente la Conferenza.

La Commissione preparatoria si è riunita, per la prima volta, pochi mesi dopo la conclusione della Conferenza di Roma. Nel corso dei suoi quattro anni di lavoro la Commissione preparatoria si è riunita in dieci sessioni convocate dal Segretario generale delle Nazioni Unite. Il compito della Commissione, come stabilito dal par. 5 della Risoluzione F, è stato quello di elaborare una serie di proposte relative ai provvedimenti da adottare per la concreta istituzione e il buon funzionamento della Corte.

Grazie alle esperienze maturate nel corso del XX secolo ed in particolare, alla prassi dei Tribunali ad hoc, la Commissione preparatoria ha potuto svolgere i suoi lavori mantenendo l'obiettivo della costituzione di una Corte indipendente, imparziale ed efficiente. Essa rappresenta l'ultima tappa di un lungo processo iniziato molti decenni prima.
I 128 articoli dello Statuto hanno rappresentato una base sufficientemente solida ed articolata per permettere alla Commissione preparatoria di espletare i compiti che le erano stati affidati dalla Risoluzione F. Inoltre, si è dovuta porre una particolare attenzione a non alterare il contenuto dello Statuto che, in molte parti, è stato il risultato di delicati compromessi.

In base alla Risoluzione F, la Commissione ha avuto il compito di approvare otto progetti di testi di particolare importanza, tra i quali figurano le Regole di procedura e di prova, gli Elementi dei crimini, l'accordo che disciplina i rapporti tra la Corte e le Nazioni Unite e i regolamenti finanziari. Inoltre, è stata invitata a formulare delle proposte per una disposizione relativa al crimine d'aggressione.
In alcuni casi, si tratta di testi approvati in seguito a lunghi negoziati che hanno visto confrontarsi paesi distanti sia nelle concezioni giuridiche che negli interessi politici. Le problematiche affrontate dalla Commissione preparatoria sono state numerose e, talvolta, generate dal tentativo di alcune delegazioni di cogliere l'occasione per portare qualche ritocco alle disposizioni statutarie. I risultati ottenuti sono, dunque, il frutto di numerosi compromessi.
Inoltre, è stata avvertita, nel corso dei quattro anni di lavoro, la necessità di agevolare l'iniziale funzionamento della Corte attraverso l'adozione di una serie di risoluzioni su questioni essenzialmente pratiche, da inviare all'Assemblea degli Stati parte per una definitiva adozione.

Nel ripercorrere le dieci sessioni di lavoro della Commissione, essa si è inizialmente concentrata sull'elaborazione di due testi di particolare importanza: le Regole di procedura e di prova e gli Elementi dei crimini. Si tratta di due documenti indispensabili per il concreto funzionamento della Corte, in quanto incidono sullo svolgimento dei processi e sulla definizione precisa dei crimini di competenza della stessa. E' stato dunque naturale che le delegazioni, che hanno preso parte ai lavori della Commissione, abbiano dedicato più di due anni di negoziati all'elaborazione di tali documenti.

Tuttavia, il Gruppo di lavoro che ha maggiormente impegnato la Commissione è stato quello sul crimine d'aggressione. Le problematiche d'ordine giuridico, oltre che politico, non sono state tutte risolte da tale Gruppo ma il contributo da esso fornito ha permesso alla Corte di proseguire con una solida base i lavori su tale crimine. Nella sua prima sessione, l'Assemblea degli Stati parte ha infatti adottato una risoluzione, inviata dalla Commissione preparatoria, che prevede l'istituzione di un Gruppo di lavoro ad hoc in seno all'Assemblea per continuare i negoziati sul crimine d'aggressione.
I restanti sei documenti elencati dalla risoluzione F hanno richiesto meno sessioni di lavoro alla Commissione per la loro approvazione. Si tratta dell'Accordo tra la Corte e le Nazioni Unite, del Regolamento finanziario, dell'Accordo sui privilegi e le immunità della Corte, del Regolamento procedurale dell'Assemblea degli Stati parte, dell'Accordo di sede tra la Corte e il Regno dei Paesi Bassi e del bilancio per il primo anno finanziario. Tali documenti completano lo Statuto della Corte, permettendo ad essa di avere gli strumenti per far funzionare i propri organi e per instaurare i rapporti necessari con altri soggetti dell'ordinamento internazionale come l'Organizzazione delle Nazioni Unite o gli Stati membri della Corte.

Infine, come auspicato alla settima sessione e deciso definitivamente all'ottava, la Commissione ha elaborato una serie di risoluzioni per un rapido funzionamento della Corte. Il costante aumento delle ratifiche dello Statuto di Roma è all'origine della necessità, avvertita dalle delegazioni, d'intraprendere tali lavori. Le risoluzioni hanno riguardato gli argomenti più disparati: dalla scelta del personale all'elezione degli alti funzionari della Corte, dallo svolgimento dei lavori della prima sessione dell'Assemblea degli Stati parte alla creazione di un fondo per l'indennizzo delle vittime. Si è trattato, dunque, di questioni pratiche ma al contempo di grande utilità, non solo perché hanno affrontato degli aspetti importanti per il lavoro della Corte, ma anche perché le hanno fatto risparmiare molto tempo utile nel corso dei suoi primi mesi di effettivo funzionamento.

La Commissione ha concluso i suoi lavori il 12 luglio 2002, pochi giorni dopo l'entrata in vigore dello Statuto della Corte. L'insieme dei testi e delle risoluzioni approvati dalla Commissione è stato riunito in un rapporto inviato alla prima riunione dell'Assemblea degli Stati parte, tenutasi dal 3 al 10 settembre 2002. In tale occasione, l'insieme di questi testi, con l'unica eccezione del procedimento per l'elezione dei giudici, è stato definitivamente adottato dall'Assemblea degli Stati parte, organo assembleare della Corte.

Dunque, la Commissione preparatoria ha svolto un lavoro ingente, frutto di quattro anni di negoziati intensi che hanno coinvolto non solo molte delegazioni di Stati, ma anche diverse organizzazioni non governative, il cui contributo è stato spesso utile per la soluzione delle problematiche emerse durante i negoziati. Questi sono stati caratterizzati, in alcuni frangenti, dalla netta opposizione tra le diverse delegazioni portatrici di interessi contrapposti. La soluzione si è trovata tramite compromessi, grazie alla mediazione delle altre delegazioni o delle organizzazioni non governative, come spesso avviene nel corso di riunioni intergovernative.

I lavori della Commissione si sono inseriti in un contesto internazionale del tutto particolare. Oltre agli attentati terroristici dell'11 settembre 2001 che hanno colpito la città di New York, la politica di forte opposizione degli Stati Uniti d'America nei confronti della Corte penale internazionale ha avuto delle ripercussioni sui lavori della Commissione. Come unico organo istituito dalla Conferenza di Roma per lavorare prima dell'entrata in vigore dello Statuto della Corte, essa ha risentito di ciò che avveniva a livello diplomatico e ha, di conseguenza, sentito l'esigenza di presentare le proprie posizioni. La conclusione con successo dei suoi lavori, l'entrata in vigore dello Statuto di Roma, dimostrano, però, che i primi tentativi di indebolire la Corte non hanno raggiunto i loro obiettivi.

Compito della Commissione è stato non soltanto di completare gli spazi residuali, ma anche di mettere a punto una serie di meccanismi indispensabili ad assicurare alla Corte l'efficienza necessaria per essere all'altezza delle funzioni ad essa assegnate.

 
Bibliografia
 

AKHAVAN P., Contributions of the International Criminal Tribunals for the Former Yugoslavia and Rwanda to Development of Definitions of Crimes Against Humanity and Genocide, in American Society of International Law Proceedings of the 94th Annual Meeting, 2000, pp. 279 ss.
ARCARI M., La Risoluzione 1422 (2002) relativa ai rapporti tra la Corte penale internazionale e forze di peacekeeping: (nuovi) problemi di legittimità dell'azione del Consiglio di Sicurezza, in Rivista di diritto internazionale, 2002, pp. 723 ss.
BASSIOUNI M. C., Cour pénale internationale. Ratification et mise en œuvre dans les législations nationales: Note explicative sur le Statut de la Cour pénale internationale, in Révue internationale de droit pénal, 2000, pp. 1 ss.
BASSIOUNI M. C., Le fonti e il contenuto del diritto penale internazionale.Un quadro teorico, Milano, 1999.
BASSIOUNI M. C., The Statute of the International Criminal Court: A Documentary History, New York, 1998.
BYRON C., TURNS D., The Preparatory Commission for the International Criminal Court, in International & Comparative Law Quarterly, 2001, pp. 420 ss.
CONSO G., Ad un anno dall'approvazione dello Statuto di Roma istitutivo della Corte Penale Internazionale, in Diritto penale e processo, 1999, pp. 1 ss.
CONSO G., Dai Tribunali ad hoc alla Corte Criminale Permanente, in La comunità internazionale, 2000, pp. 369 ss.
CONTENTO G., Corso di diritto penale vol.2, Bari, 1999.
DASCALOPOULOU LIVADA P., Crimes Under the Jurisdiction of the International Criminal Court, in Revue hellénique de droit international, 1998, pp. 431 ss.
DASCALOPOULOU LIVADA P., The Crime of Aggression: Making Operative the Jurisdiction of the ICC. Tendencies in the Prep. Com., in American Society of International Law Proceedings of the 96th Annual Meeting, 2002, pp. 185 ss.
DEAN F., Diritto penale internazionale. Lezioni agli studenti, Perugia, 1999.
DE FRANCHIS F., Dizionario giuridico vol.1, Milano, 1984.
DELLA MORTE G., Alla ricerca di altre immunità per i cittadini nordamericani, in Diritto penale e processo, 2002, pp. 1302 ss.
DELLA MORTE G., Gli Stati Uniti d'America e la Corte criminale internazionale, in Diritto penale e processo, 2002, pp. 1172 ss.
DELLA MORTE G., Un passo avanti per la Corte internazionale, uno indietro per gli Stati Uniti e uno ambiguo per l'Unione europea, in Diritto penale e processo, 2002, pp. 1435 ss.
DE Z. GUNAWARADANA A., Contributions by the International Criminal Tribunal for Rwanda to Development of the Definition of Genocide, in American Society of International Law Proceedings of the 94th Annual Meeting, 2000, pp. 277 ss.
DONAT-CATTIN D., Lo Statuto di Roma della Corte Penale Internazionale: Riflessioni a margine della Conferenza diplomatica dell'ONU, in La comunità internazionale, 1998, pp. 703 ss.
DORMANN K., Contributions by the Ad Hoc Tribunals for the Former Yugoslavia and Rwanda to the Ongoing Work on the Elements of Crimes in the Context of the ICC, in American Society of International Law Proceedings of the 94th Annual Meeting, 2000, pp. 284 ss.
DORMANN K., Preparatory Commission for the International Criminal Court: the Elements of War Crimes. Grave Breaches and Violations of Article 3 Common to the Geneva Conventions of August 1949, in International Review of the Red Cross, 2000, pp. 771 ss.
DORMANN K., Preparatory Commission for the International Criminal Court: the Elements of War Crimes. Part II: Other Serious Violations of the Laws and Customs Applicable in International and Non-International Armed Conflicts, in International Review of the Red Cross, 2001, pp. 461 ss.
DRAETTA U., Principi di diritto delle Organizzazioni internazionali, Milano, 1997.
DURANTE F., SPATAFORA E., Gli accordi di sede. Immunità e privilegi degli enti e dei funzionari internazionali in Italia, Milano, 1993.
FANCHIOTTI V., Completata la stesura delle Rules of Procedure and Evidence: I) Le Regole di procedura, in Diritto penale e processo, 2000, pp. 1269 ss.
FANCHIOTTI V., Completata la stesura della Rules of Procedure and Evidence: II) Le Regole probatorie, in Diritto penale e processo, 2000, pp. 1402 ss.
FERNANDEZ DE GURMENDI S., Reconciling Differences between Legal Systems, in The International Criminal Court Elements of Crimes and Rules of Procedure and Evidence, New York, 2001, pp. 252 ss.
FERNANDEZ DE GURMENDI S., Reconciling Differences between Systems of Values, in The International Criminal Court Elements of Crimes and Rules of Procedure and Evidence, New York, 2001, pp. 253 ss.
FERNANDEZ DE GURMENDI S., The Rome Statute and its Annexes: Update on the Work of the Preparatory Commission, in European Conference on the Rome Statute of the International Criminal Court, Roma, 2001, pp. 71 ss.
FERNANDEZ DE GURMENDI S., FRIMAN H., The Rules of Procedure and Evidence of the International Criminal Court, in Yearbook of International Humanitarian Law, 2000, pp. 289 ss.
FERNANDEZ DE GURMENDI S., Victims and Witnesses, in The International Criminal Court Elements of Crimes and Rules of Procedure and Evidence, New York, 2001, pp. 427 ss.
GREPPI E., I crimini di guerra e i crimini contro l'umanità nel diritto internazionale, Torino, 2001.
HALL C. K., The First Five Sessions of the UN Preparatory Commission for the International Criminal Court, in American Journal of International Law, 2000, pp. 773 ss.
HARHOFF F., MOCHOCHOKO P., Cooperation Under Article 98, in The International Criminal Court Elements of Crimes and Rules of Procedure and Evidence, New York, 2001, pp. 664 ss.
KELT M., VON HEBEL H., The Default Rule, in The International Criminal Court Elements of Crimes and Rules of Procedure and Evidence, New York, 2001, pp. 29 ss.
KELT M., VON HEBEL H., Unlawfulness, in The International Criminal Court Elements of Crimes and Rules of Procedure and Evidence, New York, 2001, p. 39.
KIRSCH P., The International Criminal Court: Current Issues and Perspectives, in Law and Contemporary Problems, 2001, pp. 3 ss.
KIRSCH P., HOLMES J. T., The Birth of the International Criminal Court: The 1998 Rome Conference, in The Canadian Yearbook of International Law, 1998, pp. 3 ss.
LA HAYE E., Article 8(2)(b)(xxii)-Rape, Sexual Slavery, Enforced Prostitution, Forced Pregnancy, Enforced Sterilization, and Sexual Violence, in The International Criminal Court Elements of Crimes and Rules of Procedure and Evidence, New York, 2001, pp. 184 ss.
LA ROSA A. M., Dictionnaire de droit international pénal.Termes choisis, Paris, 1998.
LATTANZI F., Veniamo ora agli Elements of Crimes (I), in Diritto penale e processo, 2001, pp. 109 ss.
LATTANZI F., Veniamo ora agli Elements of Crimes (II), in Diritto penale e processo, 2001, pp. 377 ss.
LEANZA U., Il diritto internazionale. Da diritto per gli Stati a diritto per gli individui, Torino, 2002.
LEANZA U., The Rome Statute and its Annexes: Update on the Work of the Preparatory Commission, in European Conference on the Rome Statute of the International Criminal Court, Roma, 2001, pp. 66 ss.
LEMKIN R., Genocide as a Crime Under International Law, in The American Journal of International Law, 1947, pp. 145 ss.
MARCHISIO S., Il finanziamento multibilaterale. La terza via della cooperazione allo sviluppo, Milano, 1986.
MARCHISIO S., L'ONU Il diritto delle Nazioni Unite, Bologna, 2000.
MARCHISIO S., Lo Statuto di Roma della Corte penale internazionale, in I diritti dell'uomo. Cronache e battaglie, 2000, pp. 49 ss.
MURPHY S. D., American Service Members' Protection Act, in The American Journal of International Law, 2002, pp. 975 ss.
MURPHY S. D., U.S. Notification of Intent Not to Become a Party to the Rome Statute, in The American Journal of International Law, 2002, p. 724.
NEWTON M. A., The International Criminal Court Preparatory Commission: The way It is & the way ahead, in Virginia journal of international law, 2000, pp. 204 ss.
PERRAKIS S., Quelques considérations sur le cadre fonctionnel de la Cour Criminelle Internationale. Perspectives et réalités, in Revue hellénique de droit international, 1998, pp. 423 ss.
POCAR F., Creazione della Corte penale internazionale, in Relazioni internazionali, 1998, pp. 14 ss.
POLITI M., Le Statut de Rome de la Cour pénale internationale: Le point de vue d'un négociateur, in Revue générale de droit international public, 1999, pp. 818 ss.
POLITI M., The ICC and the Crime of Aggression: A Pending Issue, in European Conference on the Rome Statute of the International Criminal Court, Roma, 2001, pp. 96 ss.
POLITI M., The Rome Statute of the International Criminal Court. A Challenge to impunity, Burlington, 2001.
REALE P., Lo Statuto della Corte Penale Internazionale, Padova, 1999.
REISMAN W. M., The Definition of Aggression and the ICC: Introduction, in American Society of International Law Proceedings of the 96th Annual Meeting, 2002, p. 181.
ROBERGE M. C., La nouvelle Cour Pénale Internationale: évaluation préliminaire, in Revue internationale de la Croix-Rouge, 1998, pp. 725 ss.
ROBINSON D., Article 7 (1)(a)-Crime Against Humanity of Extermination, in The International Criminal Court Elements of Crimes and Rules of Procedure and Evidence, New York, 2001, pp. 81 ss.
ROBINSON D., Article 7 (1)(c)-Crime Against Humanity of Enslavement, in The International Criminal Court Elements of Crimes and Rules of Procedure and Evidence, New York, 2001, pp. 84 ss.
ROBINSON D., Crimes Against Humanity in the Elements of Crimes, in The International Criminal Court Elements of Crimes and Rules of Procedure and Evidence, New York, 2001, pp. 58 ss.
ROBINSON D., The Course of Negotiations: Cultural Relativism Versus a Common Standard of Humanity, in The International Criminal Court Elements of Crimes and Rules of Procedure and Evidence, New York, 2001, pp. 65 ss.
SACCUCCI A., Ratifica italiana dello Statuto che ha istituito la Corte penale internazionale, in Diritto penale e processo, 1999, pp. 1331 ss.
SAULLE M. R., Lezioni di diritto internazionale, Napoli, 1998.
SCHABAS W. A., Follow up to Rome: Preparing for Entry into Force of the International Criminal Court Statute, in Human Rights Law Journal, 1999, pp. 157 ss.
TISCI G., La Corte Penale Internazionale, Napoli, 1999.
TRANCHINA G., Il processo penale e le sue caratteristiche, in Diritto processuale penale, Milano, 1994, pp. 33 ss.
VON HEBEL H., Article 8(2)(b)(viii)-The Transfer, Directly or Indirectly, by the Occupying Power of Parts of Its Own Civilian Population into the Territory It Occupies, or the Deportation or Transfer of All or Parts of the Population of the Occupied Territory Within or Outside this Territory, in The International Criminal Court Elements of Crimes and Rules of Procedure and Evidence, New York, 2001, pp. 158 ss.
VON HEBEL H., Developing Elements of Crimes, in The International Criminal Court Elements of Crimes and Rules of Procedure and Evidence, New York, 2001, pp. 8 ss.
VON HEBEL H., KELT M., Some Comments on the Elements of Crimes for the Crimes of the ICC Statute, in Yearbook of International Humanitarian Law, 2000, pp. 273 ss.
WITSCHEL G., RUCKERT W., Article 7(1) (i)-Crime Against Humanity of Enforced Disappearance of Persons, in The International Criminal Court Elements of Crimes and Rules of Procedure and Evidence, New York, 2001, pp. 98 ss.
WITSCHEL G., The Rome Statute and its Annexes: Update on the Work of the Preparatory Commission, in European Conference on the Rome Statute of the International Criminal Court, Roma, 2001, pp. 83 ss.
WEDGWOOD R., The Irresolution of Rome, in Law and Contemporary Problems, 2001, pp. 193 ss.
ZAKR N., Les aspects institutionnels de la Cour pénale internationale, in Journal du droit international, 2002, pp. 449 ss.

Documenti rilevanti

AMNESTY INTERNATIONAL, International Criminal Court: US Efforts to Obtain Impunity for Genocide, Crimes Against Humanity and War Crime, London, August 2002.
CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA, Conclusioni della 2450ma sessione del Consiglio dell'Unione europea (affari generali e relazioni esterne)svolta a Bruxelles il 30 settembre 2002, in 12134/02 (Presse 279).
FEDERATION INTERNATIONALE DES LIGUES DES DROITS DE L'HOMME, La nouvelle lettre de la FIDH n:58 , Juillet-Aout 2002.
FEDERATION INTERNATIONALE DES LIGUES DES DROITS DE L'HOMME, Fin des travaux de la Commission Préparatoire pour la CPI. Rapport de position n.7, Paris, Juillet 2002.
FEDERATION INTERNATIONALE DES LIGUES DES DROITS DE L'HOMME, Non à l'exception américaine. Sous couvert de lutte contre le terrorisme, l'offensive américaine contre la Cour pénale Internationale. Rapport de position n. 8, Paris, Novembre 2002.
INTERNATIONAL CRIMINAL DEFENCE ATTORNEYS ASSOCIATION, The ICDAA Announces: A Conference on the Establishment of an International Criminal Bar, 2001.
INTERNATIONAL FEDERATION OF HUMAN RIGHTS LEAGUES, Guaranteeing an Independent International Criminal Court. Position Paper n:5, February 2001.
MAUPAS S. , The Third Pillar of the ICC , in Judicial Diplomacy.Chronicles and Reports on International Criminal Justice, June 2002
MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI DELLA REPUBBLICA ITALIANA, SERVIZIO STAMPA E INFORMAZIONE, Il Tribunale penale internazionale, 1998.
MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI DEL REGNO DEI PAESI BASSI, Progress Report Concerning the Establishment of the International Criminal Court, 2002.
NGO COALITION FOR INTERNATIONAL CRIMINAL COURT, Draft Report on the Sixth Session of the Preparatory Commission, November 27-December 8, 2000, New York, 2000.
NGO COALITION FOR INTERNATIONAL CRIMINAL COURT, Draft Report on the Seventh Session of the Preparatory Commission, February 26-March 9, 2001, New York, 2001.
NGO COALITION FOR INTERNATIONAL CRIMINAL COURT, Draft Report on the Eighth Session of the Preparatory Commission, September 24-October 5, 2001, New York, 2001.
NGO COALITION FOR INTERNATIONAL CRIMINAL COURT, Draft Report on the Ninth Session of the Preparatory Commission, April 8-19, 2002, New York, 2002.
NGO COALITION FOR INTERNATIONAL CRIMINAL COURT, European Newsletter n:26, July 2002.
NGO COALITION FOR INTERNATIONAL CRIMINAL COURT, Ninth ICC Prepcom, April 2002.
NGO COALITION FOR INTERNATIONAL CRIMINAL COURT, Procedure for the Election of Judges to the International Criminal Court, January 2003.
NGO COALITION FOR INTERNATIONAL CRIMINAL COURT, Report on the Preparatory Commission about the Establishment of an International Criminal Court, February 1999.
NGO COALITION FOR INTERNATIONAL CRIMINAL COURT, The Intersessional Meeting of Experts at The Hague, 11 to 15 March 2002.
THE EUROPEAN LAW STUDENTS' ASSOCIATION, Report 9th. Session: the Preparatory Commission for the International Criminal Court, Bruxelles, April 2002.
THE EUROPEAN LAW STUDENTS' ASSOCIATION, Report 10th. Session: the Preparatory Commission for the International Criminal Court, Bruxelles, July 2002.
THE INTERNATIONAL CRIMINAL COURT MONITOR, Newspaper of the NGO Coalition for the International Criminal Court Issue 19, December 2001.
THE INTERNATIONAL CRIMINAL COURT MONITOR, Newspaper of the NGO Coalition for the International Criminal Court Issue 20, April 2002.
THE INTERNATIONAL CRIMINAL COURT MONITOR, Newspaper of the NGO Coalition for the International Criminal Court Issue 21, June 2002.
THE INTERNATIONAL CRIMINAL COURT MONITOR, Newspaper of the NGO Coalition for the International Criminal Court Issue 22, September 2002.
THE INTERNATIONAL CRIMINAL COURT MONITOR, Newspaper of the NGO Coalition for the International Criminal Court Issue 23, February 2003.
THE INTERNATIONAL HUMAN RIGHTS LAW INSTITUTE DE PAUL UNIVERSITY, Progress Report on the Ratification and National Implementing Legislation of the Statute for the Establishment of an International Criminal Court, 7th. Edition, February 2001.
THE INTERNATIONAL HUMAN RIGHTS LAW INSTITUTE DE PAUL UNIVERSITY, Progress Report on the Ratification and National Implementing Legislation of the Statute for the Establishment of an International Criminal Court, 9th. Edition, November 2001.

Siti Web rilevanti

AMNESTY INTERNATIONAL, in http://www.amnesty.org .
CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA, in http://europa.eu.int .
EUROPEAN LAW STUDENTS' ASSOCIATION, in http://www.elsa-online.org .
FEDERATION INTERNATIONALE DES LIGUES DES DROITS DE L'HOMME, in http://www.fidh.org .
INTERNATIONAL CRIMINAL DEFENCE ATTORNEYS ASSOCIATION, in http://www.hri.ca/partners/aiad-icdaa/ .
JUDICIAL DIPLOMACY, in http://www.diplomatiejudiciaire.com .
MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI DEL REGNO DEI PAESI BASSI, in http://www.minbuza.nl .
NGO COALITION FOR INTERNATIONAL CRIMINAL COURT, in http://www.iccnow.org .
ORGANIZZAZIONE DELLE NAZIONI UNITE, in http://www.un.org .
THE INTERNATIONAL HUMAN RIGHTS LAW INSTITUTE DE PAUL UNIVERSITY, in http://www.depaul.edu .

Documenti delle Nazioni Unite

ROME STATUTE OF THE INTERNATIONAL CRIMINAL COURT, Adopted by the United Nations Diplomatic Conference of Plenipotentiaries on the Establishment of an International Criminal Court, 17 July 1998 (in U.N. Doc. A/CONF.183/9).
FINAL ACT of the United Nations Diplomatic Conference of Plenipotentiaries on the Establishment of an International Criminal Court on 17 July 1998 (in U.N. Doc. A/CONF.183/10).

1. Risoluzioni dell'Assemblea Generale

RISOLUZIONE DELL'ASSEMBLEA GENERALE, Prevention and Punishment of the Crime of Genocide, del 9/12/1948, in A/RES/260 A(III).
RISOLUZIONE DELL'ASSEMBLEA GENERALE, Definition of Aggression, del 14/12/1974, in A/RES/3314 A(XXIX).
RISOLUZIONE DELL'ASSEMBLEA GENERALE, Establishment of an International Criminal Court, dell'8/12/1998, in A/RES/53/105.
RISOLUZIONE DELL'ASSEMBLEA GENERALE, Establishment of the International Criminal Court, del 9/12/1999, in A/RES/54/105.
RISOLUZIONE DELL'ASSEMBLEA GENERALE, Establishment of the International Criminal Court, del 12/12/2000, in A/RES/55/155.
RISOLUZIONE DELL'ASSEMBLEA GENERALE, Establishment of the International Criminal Court, del 12/12/2001, in A/RES/56/85.

2. Documenti adottati dalla Commissione preparatoria della Corte penale internazionale

PCNICC/2000/1/Add.1, Rules of Procedure and Evidence, June 2000.
PCNICC/2000/1/Add.2, Elements of Crimes, June 2000.
PCNICC/2000/INF/4, Summary of Statements Made in Plenary in Connection with the Adoption of the Report of the Working Group on the Rules of Procedure and Evidence and the Report of the Working Group of the Elements of Crimes, July 2000.
PCNICC/2001/L.2, Road Map Leading to the Early Establishment of the International Criminal Court, September 2001.
PCNICC/2001/1/Add.1, A Relationship Agreement Between the Court and the United Nations, October 2001.
PCNICC/2001/1/Add.2, Financial Regulations and Rules, October 2001.
PCNICC/2001/1/Add.3, An Agreement on the Privileges and Immunities of the Court, October 2001.
PCNICC/2001/1/Add.4, The Rules of Procedure of the Assembly of States Parties, October 2001.
PCNICC/2002/WGASP-PD/L.2, Provisional Agenda for the First Meeting of the Assembly of States Parties, February 2002.
PCNICC/2002/INF/2, Provisional Internal Rules and Regulations of the International Criminal Court. Inter-Sessional Meeting of Experts Held at The Hague from 11 to 15 March 2002, March 2002.
PCNICC/2002/1/Add.1, Basic Principles Governing a Headquarters Agreement to be Negotiated Between the Court and the Host Country, April 2002.
PCNICC/2002/INF/4, Statement by the Presidency of the European Union on Behalf of the European Union, 18 April 2002.
PCNICC/2002/2/Add.1, A Budget for the First Financial Year, July 2002.
PCNICC/2002/2/Add.2, Proposals Pursuant to Resolution F of the Final Act for a Provision on Aggression, July 2002.
PCNICC/2002/WGCA/L.2/Rev.1, Draft Resolution of the Assembly of States Parties on the Continuity of the Work in Respect of the Crime of Aggression, July 2002.
PCNICC/2002/L.3, Statement by the Preparatory Commission dated 3 July 2002, Transmitted by the Chairman of the Preparatory Commission to the President of the Security Council with Copies to the Members of the Security Council and to the Secretary-General, 3 July 2002.
PCNICC/2002/3, A Guide to the Report of the Preparatory Commission, July 2002.

3. Comunicati stampa delle Nazioni Unite

L/2963, Preparatory Commission for the International Criminal Court Adopts Rules of Procedure and Evidence and Text on Elements of Crimes, June 2000.
L/2975, Preparatory Commission for the International Criminal Court Opens Seventh Session at Headquarters, February 2001.
L/2977, International Criminal Court Preparatory Commission Concludes Seventh Session, March 2001.
L/2986, International Criminal Court Now has Two Thirds of Necessary Ratifications, Preparatory Commission Told, October 2001.
L/2988, At Eighth Session of Preparatory Commission for International Criminal Court, Four Working Groups Announce Completion of Assignments, October 2001.
L/3003, Secretary-General Addresses Preparatory Commission for International Court as it Concludes Ninth Session, 19 April 2002.
L/3008, Preparatory Commission for International Criminal Court "Deeply Concerned" at Security Council Developments Regarding Court and Peacekeeping, 3 July 2002.
L/3010, Preparatory Commission for International Criminal Court Concludes Tenth and Final Session, 12 July 2002.

 
Clicca sull'icona per scaricare la versione integrale

600.2 kB