Diritto internazionale dei diritti umani e dei conflitti armati: guerra e pace
Violazioni dei diritti umani nei confronti delle minoranze etniche e diritto all'autodeterminazione dei popoli: il caso del Kurdistan turco :: Studi per la pace  
Studi per la pace - home
ultimo aggiornamento: 12.03.2008
   
Studi per la pace - home
Centro studi indipendente di diritto internazionale dei diritti umani e dei conflitti armati - Direttore: Avv. Nicola Canestrini
Conflitti armati Conflitti interni Diritto bellico Diritto internazionale Europa Giurisdizioni internazionali Terrorismo
 
Conflitti interni
Il legame fra diritti umani e sviluppo in un assetto mondiale in mutamento: il caso della ex Jugoslavia
L'Ombudsman del Kosovo: un istituto sui generis al servizio dei diritti dell'uomo
Giustizia internazionale e khmer rossi: le Extraordinary Ehambers in Cambogia
La prospettiva di un accordo umanitario in Colombia
Minorities protection: between legal framework and political mechanisms
L'Amministrazione Civile delle Nazioni Unite in Kosovo: profili di diritto internazionale
Desaparecidos: sentenza di condanna italiana
Nazionalismo ed autodeterminazione: il caso basco nel contesto europeo
S/Res 1593 (2005) sul Darfur
Convenzione quadro per la protezione delle minoranze nazionali
Colombia: la guerra senza fine
La pulizia etnica può essere considerata una forma di genocidio?
Lo status dei Bidun in Kuwait: cittadini "illegali"
Il regime internazionale di protezione e assistenza degli sfollati all'interno dei confini statali
Genocidio strisciante in Cecenia
Lotta al terrorismo e repressione nella regione autonoma uigura dello Xinjiang
Processo di Pace ed Istituzioni Democratiche in GUatemala
I disordini interni tra diritto internazionale umanitario e diritti dell'uomo
Desaparecidos: scheda storica
A new interpretation of the term 'indigenous people': what are the legal consequences of being recognised as 'minorities' instead of as 'indigenous people' for the indigenous people of the world?
Irlanda del Nord (I): storia di un conflitto
Irlanda del Nord (II): le violazioni dei diritti umani e le accuse dei maltrattamenti all'atto d'arresto
Macedonia: venti di guerra nei Balcani
L'organizzazione costituzionale della Repubblica Federale di Jugoslavia
L'accordo di Rambouillet
La protezione delle minoranze nel diritto internazionale
 
Conflitti interni Hits: 7389 
Kurdistan e diritti umani Dr. Andrea Mingozzi
 
Versione integrale

446.0 kB
Violazioni dei diritti umani nei confronti delle minoranze etniche e diritto all'autodeterminazione dei popoli: il caso del Kurdistan turco
Tesi di laurea

Libera Università di Urbino
Facoltà di Sociologia

Relatore: Prof. Guido Maggioni
Anno Accademico 1998 - 1999 Pubblicazioni
Centro italiano Studi per la pace
www.studiperlapace.it - no ©
Documento aggiornato al: 1999

 
Sommario

La politica turca verso il popolo kurdo è una politica discriminatoria e di disprezzo dei diritti umani individuali e collettivi avvallata dalle leggi dello Stato turco. Una politica che ha spinto gli stessi kurdi ad una ribellione violenta allargando il conflitto sul terreno di una vera e propria guerra di liberazione.

Gli strumenti legislativi a disposizione della comunità internazionale - soprattutto delle Nazioni Unite - atti a garantire il rispetto dei diritti umani e dall'autodeterminazione dei popoli rivestono spesso carattere simbolico: in particolare la Convenzione per la repressione e la prevenzione del crimine di genocidio vede limitata la sua efficacia da una prassi che favorisce la non ingerenza dell'ONU negli affari interni dei propri Stati membri.

 
Indice dei contenuti
 
CAPITOLO I - CHI SONO I KURDI

1.1 Popolazione e collocazione geografica
1.2 Economia
1.3 Religione
1.4 La lingua kurda e le sue origini
1.5 La storia
1.6 I kurdi durante il diciannovesimo secolo
1.7 I Giovani Turchi e la prima guerra mondiale
1.8 La divisione del Kurdistan


CAPITOLO II - APPARATO IDEOLOGICO-LEGISLATIVO DELLA REPUBBLICA TURCA DURANTE IL PERIODO KEMALISTA

2.1 L'ascesa al potere di Kemal
2.2 Gli strumenti legislativi del periodo kemalista
2.3 La morte di Kemal, i colpi di Stato e l'attuale situazione
2.4 La Costituzione del 1982
2.5 Le leggi ordinarie ed i decreti legge


CAPITOLO III - LE VIOLAZIONI DEI DIRITTI UMANI IN KURDISTAN

3.1 Le violazioni di carattere economico-culturale
3.2 Il PKK e gli anni della guerriglia
3.3 La tortura
3.4 Caratteristiche del genocidio
3.5 La Convenzione contro il genocidio
3.6 La Corte penale internazionale


CAPITOLO IV - IL DIRITTO ALL'AUTODETERMINAZIONE

4.1 Definizione e storia
4.2 Gli strumenti legislativi internazionali dopo il 1945
4.3 Applicabilità dell'autodeterminazione nel caso kurdo
4.4 La prassi delle Nazioni Unite


CAPITOLO V - SITUAZIONE GEOPOLITICA DELL'AREA TURCO-KURDA

5.1 Il ruolo della Turchia durante e dopo la Guerra Fredda
5.2 Lo sfruttamento dell'acqua e del petrolio
5.3 I rapporti con l'Unione Europea ed il "Panturchismo"
5.4 L'asse turco-israeliano



BIBLIOGRAFIA
 
Abstract
 

Conclusioni

Attraverso questo mio scritto ho voluto sottolineare, dunque, due aspetti diversi che riguardano i rapporti tra Kurdistan e Turchia. Da un lato gli aspetti interni che intercorrono tra i due soggetti, analizzando la storia delle relazioni tra queste due entità politiche e esaminando gli strumenti legislativi turchi che si occupano di regolare i rapporti con il Kurdistan. Mediante questo studio dovrei essere riuscito a dimostrare che la politica turca verso il popolo kurdo, è una politica discriminatoria e di disprezzo dei diritti umani individuali e collettivi avvallata dalle leggi dello Stato turco. Una politica che ha spinto gli stessi kurdi ad una ribellione violenta allargando il conflitto sul terreno di una vera e propria guerra di liberazione.

La seconda parte del mio lavoro ha individuato alcuni - non tutti - strumenti legislativi a disposizione della comunità internazionale - soprattutto delle Nazioni Unite - atti a garantire il rispetto dei diritti umani e dall'autodeterminazione dei popoli. Ho voluto dimostrare che sulla carta sono presenti convenzioni, dichiarazioni ed altri atti aventi forza di legge che possono regolarizzare le relazioni tra i due soggetti. Purtroppo si è anche rilevato che gli strumenti in possesso delle Nazioni Unite rivestono spesso carattere simbolico; mi riferisco in particolare alla Convenzione per la repressione e la prevenzione del crimine di genocidio, la quale vede limitata la sua efficacia da una prassi che favorisce la non ingerenza dell'ONU negli affari interni dei propri Stati membri.

Accanto a limitazioni di carattere interpretativo, vi sono da rilevare anche comportamenti incoerenti da parte dell'ONU nell'applicazione del diritto di autodeterminazione. Infatti la prassi di questo organismo non permette di individuare una uniforme applicazione di questo diritto. Abbiamo registrato che situazioni analoghe a quella dei kurdi (Namibia e Shara Occidentale) sono state seguite e tutelate dall'ONU in diverse occasioni, di conseguenza si è voluto allargare la ricerca prendendo in considerazione non solo l'ambito giuridico, ma anche quello geopolitico.

Emergono anche interrogativi di carattere più prettamente politico che giuridico, viene da sospettare che il ruolo che riveste la Turchia all'interno della Nato faccia prevalere ragioni di realpolitik a scapito del rispetto dei diritti umani di un popolo.

Nell'ultimo capitolo si è cercato di dimostrare come le strategie politiche e gli alti interessi economici dell'area mediorientale rendano ancora più difficile l'attuazione del diritto all'autodeterminazione per questo popolo. Non solo l'appartenenza alla Nato, ma anche i rapporti con l'Unione Europea sembrano aver inciso sul destino dei kurdi, senza dimenticare i propositi espansionisti turchi verso l'Asia centrale che, realistici o meno, aumentano ancor di più le velleità accentratrici di Ankara. Si preme ancora una volta sottolineare che l'intrecciarsi della situazione politica unita all'inapplicabilità e le limitazioni a livello giuridico sembrano essere il maggior ostacolo per il processo di autodecisione richiesto dai kurdi che va loro messo a disposizione a prescindere da queste limitazioni, in quanto garantito dall'ONU, in modo tale da porli nelle condizioni migliori per scegliere il proprio regime, qualunque esso sia.

In concreto quindi, quali sono le soluzioni praticabili per democraticizzare e risolvere la questione kurdo-turca? Già dal 1993 il PKK ha cambiato strategia ed obiettivi indicando come possibile la soluzione federale; gli fanno eco anche le richieste del Parlamento kurdo in esilio . Ancora con il governo turco di Ozal, (la cui madre era kurda) Ankara aveva, in un primo momento, fatto intravedere la possibilità di risolvere la questione adottando il modello basco, . Purtroppo la Guerra del Golfo ed in concomitanza le aspirazioni turche verso l'Asia centrale dovuta alla caduta del muro e i continui rifiuti della UE hanno spinto lo stesso governo di Ozal a cambiare indirizzo politico sulla questione della minoranza kurda.

A livello legislativo sarebbe auspicabile che la Turchia rivedesse la sua attuale costituzione la quale - come si è documentato - pur recependo principi ed istituti democratici non può considerarsi una Costituzione democratica, dato che non riconosce il principio di pluralismo che caratterizza tutte le democrazie contemporanee e si basa invece su una concezione nazionalistica e monoetnica, che esclude, vieta e reprime, qualsiasi manifestazione politica, culturale, linguistica e di pensiero, da parte di nazionalità e gruppi etnici diversi.

Senza dubbio fuori luogo ci sembra l'approccio dato dalla mozione Mantovani (PRC), Tremaglia (AN) nella quale si chiede la divisione di tutti gli Stati della regione, Iran, Iraq, Turchia e Siria, per arrivare alla creazione di un nuovo Stato etnico, dimenticando che i kurdi fra loro sono diversi, vivono in spazi diversi ed (Galata 1999: 100) . Infatti, il Trattato di Losanna del 1923, accogliendo le richieste della Turchia, ha dato il colpo di grazia alle aspirazioni indipendentiste kurde; sono quindi emerse differenze forti e radicate (lingua, cultura, religione) in ottant'anni di storia fra i kurdi di Turchia e le minoranze kurde degli altri tre Stati, ogni soluzione dovrebbe tenere conto di queste differenze.

Si pensa quindi che solo affermando l'inviolabilità dei confini delle quattro nazioni che occupano il Kurdistan, i kurdi potranno ottenere il soddisfacimento del diritto all'autodeterminazione indirizzato verso una forte autonomia regionale ed il rispetto dei diritti umani, non con la creazione di un altro Stato, che rievocherebbe tragici scenari come ad esempio la questione dei Balcani.

Per consentire ai kurdi di muoversi all'interno di un sistema legale internazionale, uno spiraglio di ottimismo si può individuare nella Corte criminale internazionale, nonostante sia ancora priva di efficacia, essa rappresenta una novità positiva dal punto di vista giuridico in quanto agisce direttamente contro il principio di non ingerenza, troppo spesso causa dell'immobilità e del disinteresse dell'ONU nei confronti di quei popoli e di quelle minoranze che vedono negati loro i diritti e le libertà fondamentali. La Turchia ha aderito a questo progetto, quindi se la prassi di tale organismo si rivelerà più coerente coi principi ispiratori delle Nazioni Unite, si può auspicare che vengano riconosciuti al popolo kurdo almeno quei diritti basilari che il governo di Ankara a più riprese ha disconosciuto. Anche dal punto di vista politico sembrano esserci spazi di ottimismo per la risoluzione della questione kurda in modo democratico. Infatti un cambio di atteggiamento dell'Unione Europea nei confronti della Turchia invoglierebbe quest'ultima a risolvere il problema kurdo in maniera politica e democratica, in cambio di una piena membership che procurerebbe vantaggi economici notevoli per Ankara.

 
Bibliografia
 

AKA Kurdistan, http://akakurdistan.com/kurds/dersim.html, 6 febbraio 2000.

Amnesty International Italia, Comunicato Stampa 39/1998, 9 ottobre 1998.

Arangio-Ruiz, G., Autodeterminazione (diritto dei popoli alla), in Enciclopedia Giuridica, Vol. IV, Roma 1988.

Bhalla, R.S., The Right of Self-determination in International Law, in Twining W. (edited by), Issues of Self-determination, Aberdeen University Press, Aberdeen 1991.

Blanc Altemir, A., La violaciòn de los derechos humanos fundamentales como crimen internacional, Bosch Casa Editorial, Barcelona 1990.

Bocker, A., Refugee and Asylum-Seeking Migration from Turkey to Western Europe, in Bogazici Journal, Vol. 10, n. 1 1996.

Calvo Garcìa, M., Derechos humanos en Internet: guìa de investigaciòn socio-juridica, in Monografìas de la Revista Aragonesa de Administrciòn Pùblica II, Zaragoza 1998

Capotorti, F., Are Minorities Entitled to Collective International Rights?, in Dinstein, Y. and Tabory, M. (edited by) The Protection of Minorities and Human Rights, Marinus Nijhoff Publishers, Dordrecht 1992.

Capotorti, F., On the Definition of Minorities, in J. Packer, K. Myntti (edited by), The Protection of Ethinic and Linguistic Minorities in Europe, Abo 1995.

Cassese, A., I diritti umani nel mondo contemporaneo, Sagittari Laterza, Roma-Bari 1988.

Cassese, A., Il diritto internazionle nel mondo contemporaneo, Il Mulino, Bologna 1984.

Cassese, A., Self-determination of Peoples. A Legal Reappraisal, Cambridge, 1995.

CIA, Factbook 1999 http://www.odci.gov/cia/factbook/figuers/802640.jpg.

Colwill, J., Los derechos humanos, la protecciòn de las minorìas y el agotamiento del universalismo, in Anales de la Càtedra Francisco Suarez, n. 31-1994.

Contrassel, J.J. and Hopkins Primeau, T., Indigenous "Sovereignty" and International Law: Revised Strategies for Pursuing "Self-determination", in Human Rights Quarterly, Vol. 17, n. 2 May 1995.

CORBIS, http://corbis.com/default.asp?i=11181788&ID=1&rlD=101, 6 febbraio 2000.

Darwish, A., Il popolo kurdo e il diritto all'autodeterminazione, Edizioni Cultura della Pace, Firenze 1997.

De Blas Guerrero, A., A vueltas con el principio de las nacionalidades y el derecho de autodeterminaciòn, in Revista Internacional de Filosofìa Polìtica, n. 3, mayo 1994.

De George, T.R., The Mith of the Right of Collective Self-determination, in Twining, W. (edited by), Issues of Self-determination, Aberdeen University Press, Aberdeen 1991.

Dictionaire de la terminologie du droit international, Parigi 1959.

Diritti dei popoli. Seminario di Esperti UNESCO, in Pace, diritti dell'uomo, diritti dei popoli , anno IV, n.1 1990.

Encel, F., Così Israele diventa una grande potenza, Limes 3/99.

Franza, M., Kurdistan, lo Stato introvabile, in Limes 3/99.

Galata, Che cosa vogliono i kurdi?, in Limes 37/99.

Galletti, M., I curdi nella storia, Editore Vecchio Faggio, Chieti 1990.

Graff, J.A., Human Rights, Peoples, and the Right to Self-determination, in Baker, J. (edited by), Groups Rights, University of Toronto Press, Toronto-Buffalo-London 1994.

Gulalp, H., Turkey. Question of National Identity, in Baumgartl B. and Favell A. (edited by), New Xenophobia in Europe, Kluwer Law International, London-The Hague-Boston 1995.

Harff, B. and Gurr, T.D., Toward an Empirical Theory of Genocidies and Politicies: Identification and Measurement of Cases Since 1945, in International Studies Quarterly n. 32, 1988.

Human Rights Watch, Human Rights Watch World Report 1990, Washington and New York.

Human Rights Watch, Human Rights Watch World Report 1992, Washington and New York.

Human Rights Watch, Human Rights Watch World Report 1993, Washington and New York.

Human Rights Watch, Human Rights Watch World Report 1994, Washington and New York.

Human Rights Watch, Human Rights Watch World Report 1998, Washington and New York.

Krain, M., State-sponsored Mass Murder, The Journal of Conflict Resolution, Vol. 41, n. 3, June 1997.

Kurdistan Web Resources, The Kurdish History, http://kurdweb.humanrghts.de/kurdistan/english/history/history.html, 16 luglio 1999.

Kurdish Human Right Project, http://www.gn.apc.org/country/gr/maps/turkmap.htm, 2 settembre 1999.

Kurdish Human Right Project, http://www.gn.apc.org/khrp.org/feature/gallerykurd2htm, 6 febbraio 2000.

"il manifesto", 11 gennaio 1998.

"Il Sole 24 Ore", 13 gennaio 1998.

Izady, M.R., The Drowing of the Kurdish Historical and Artistical Heritage, Kurdistan Web Resources, http://kurdweb.humanrights.de/kwr/sources/articles/kw-article-58.html, 16 luglio 1999.

"La Stampa", 11 dicembre 1999

Lemkin, R., Axis Rule in Occupied Europe, Carnegie Endowment for World Peace, Washington DC 1994.

Lenin, V.I., Sul diritto delle nazioni all'autodecisione, Mosca 1949.

Lerner, N., Minorìas y grupos en el derechos internacional. Derechos y discriminaciòn, Comisiòn Nacional de Derechos Humanos, Serie Folletos 1991/17.

"L'Espresso", 12 settembre 1996.

"l'Unità", 9 dicembre 1996.

"l'Unità", Dossier Turchia, 25 novembre 1998.

Mancini, S., Minoranze autoctone e Stato. Tra composizione dei conflitti e secessione, Giuffrè Editore, Milano 1996.

Maury, R.G., Potenza dell'acqua, potenza del fuoco: il progetto GAP, in Limes 3/1999

Michalska, A., The Rights of Peoples to Self-setermination, in International Law, in Twining W. (edited by), Issues of Self-determination, Aberdeen University Press, Aberdeen 1991.

Ozbudun, E., Constitutional Law, in Ansay T. (edited by), Introduction to the Turkish Law, Kluwer Law and Taxation Publishers, Deventer 1987.

Pergolizzi, V., Balla coi Lupi Grigi, in Limes 3/1999

Pèrouse, J.F., Il "mondo turco" come volontà di rappresentazione, in Limes 3/1999

Piccoli, W., Geostrategia dell'asse turco-israeliano, in Limes 3/99.

Randal, J., I curdi. Viaggio in un paese che non c'è, Editori Riuniti, Roma 1998.

Rodley, N.S., Conceptual Problems in the Protection of Minorities: Internal Legal Developments, in Human Rights Quarterly, Vol. 17, n. 1 February 1995.

Rosas, A., The Right of Self-determination, in Eide, A., Krause, C. and Rosas, A. (edited by), Economic, Social and Cultural Rights, Martinus Nijhoff Publishers, Dordrecht 1995.

Sardellone, G., La commedia degli equivoci, in Limes 3/1999

Schrader, L., I fuochi del Kurdistan, Data News, Roma, 1998

Sinatti P., La Turchia nel grande gioco del petrolio, in Limes 3/1999

Sinkers, http://www.sinkers.org/natonuke-demoApr2399, 6 febbraio 2000.

Solinas, S., Edizioni Scientifiche, Culturali e di Attualità, http://cesil.com/o698/itsoli06.htm, 16 luglio 1999.

Skutnabb-Kangas, T. and Bucak, S., Killing a Mother Tongue - How the Kurds are Deprived of Linguistic Human Rights, in Skutnabb-Kangas, T. and Phillipson, R. (edited by), Linguistic Human Rights. Overcoming Linguistic Discrimination, Mouton de Gruyter, Berlin and New York 1994.

Smith, A.D., Le origini etniche delle nazioni, Il Mulino, Bologna 1992.

Ternon, Y., Lo stato criminale. I genocidi del XX secolo, Corbaccio, Milano 1997.

Turkish Embassy, Washington DC, http://www.turkey.org/turkey/f_politics.htm, 4 agosto 1999.

Yesilgoz, Y., Double Standard: The Turkish State and Racist Violence, in Bjorgo T. and Witte R. (edited by), Racist Violence in Europe, St. Martin's Press, London 1993.

 
Clicca sull'icona per scaricare la versione integrale

446.0 kB