Diritto internazionale dei diritti umani e dei conflitti armati: guerra e pace
Diritti umani e diritto internazionale umanitario :: Studi per la pace  
Studi per la pace - home
ultimo aggiornamento: 12.03.2008
   
Studi per la pace - home
Centro studi indipendente di diritto internazionale dei diritti umani e dei conflitti armati - Direttore: Avv. Nicola Canestrini
Conflitti armati Conflitti interni Diritto bellico Diritto internazionale Europa Giurisdizioni internazionali Terrorismo
 
Conflitti armati
La guerra del golfo del 1990 nell'opinione pubblica
L'applicazione del diritto bellico nella guerra del golfo
Il concetto di guerra giusta nel sistema socio - giuridico europeo attuale e in quello romano antico
Corte internazionale sul muro in Cisgiordania
Detention, Treatment, and Trial of Certain Non-Citizens in the War Against Terrorism
Autodeterminazione e resistenza irakena
"Guerra asimmetrica" e guerra giusta
Enduring freedom: intervento del Min. Ruggiero
La guerra in Iraq e il diritto internazionale
Esercito senza bandiere e senza regole: profili di diritto interno ed internazionale del mercenariato militare
Il muro di sperazione nei territori palestinesi occupati
Dal "dossier Iraq" al "processo di democratizzazione": le ragioni della resistenza irakena
Risoluzione di Tonkino: la guerra in Vietnam
Irak, la stretta via del diritto
Iraq: una svolta coraggiosa e credibile
I recenti sviluppi della crisi israelo palestinese alla luce del diritto internazionale.
L'opinione consultiva della Corte Internazionale di Giustizia sulle conseguenze giuridiche della costruzione di un muro nei territori occupati
Libano: Risoluzione 1701/2006 Nazioni Unite e Decreto Legge 253/2006
La NATO, Israele e la pace in Medio Oriente
La questione irachena ed il diritto internazionale
Afghanistan: la storia vera
Le risorse idriche nel diritto internazionale con particolare riferimento alla Palestina
Guerra ed interventi armati nella società internazionale
Sanzioni economiche all'Iraq: una questione di etica pubblica
Ius ad bellum, Statuto delle Nazioni Unite e guerra umanitaria
Sulla guerra
"Mitchell Report" - Commissione di accertamento di Sharm El Sheikh
Piano Tenet. Israeli-Palestinian ceasefire and security plan
 
Conflitti armati Hits: 7465 
Ius in bello D.ssa Giorgia Gamba
 
Versione integrale

726.3 kB
Diritti umani e diritto internazionale umanitario
Tesi di laurea

Università degli Studi di Milano
Facoltà di Scienze politiche

Relatori: Prof. Gabriella Venturini e Prof. Bruno Grandi
Anno Accademico 1998/1999 Pubblicazioni
Centro italiano Studi per la pace
www.studiperlapace.it - no ©
Documento aggiornato al: 1999

 
Sommario

Attualmente la comunità internazionale utilizza la locuzione diritto internazionale umanitario per indicare il diritto bellico nel suo complesso senza più distinzione tra diritto dell'Aja e diritto di Ginevra, che tutta la dottrina moderna ritiene superata. Allo stesso modo la dottrina è concorde nel sottolineare come il diritto internazionale umanitario non si occupa di jus ad bellum, ossia delle ragioni per cui ha inizio un determinato conflitto, ma solo dello jus in bello, ossia di regolamentare la condotta delle ostilità, a prescindere dal motivo per cui hanno avuto inizio.

 
Indice dei contenuti
 
PARTE PRIMA: EVOLUZIONE STORICA




1.1 Definizione, fondamenti teorici e origini
1.2 Breve esame delle consuetudini belliche e primi documenti scritti
1.3 I documenti scritti di rilevanza internazionale
1.3.1 Le Convenzioni dell'Aja (1899 e 1907)
1.3.2 Le Convenzioni di Ginevra del 1949
1.3.3 I Protocolli aggiuntivi del 1977
1.3.4 Lo Statuto di Roma della Corte Penale Internazionale 1.4 Le norme di diritto internazionale umanitario che hanno valore consuetudinario
1.4.1 Il I Protocollo del 1977
1.4.2 Il II Protocollo del 1977
1.4.3 La giurisprudenza internazionale e le Risoluzioni delle Nazioni Unite
1.5 Conclusioni

Capitolo 2: ORIGINI E SVILUPPO DEI DIRITTI DELL'UOMO

2.1 I fondamenti teorici e le prime formulazioni
2.2 I primi documenti scritti
2.3 Lo sviluppo fino alla seconda guerra mondiale
2.4 Lo sviluppo nel secondo dopoguerra
2.4.1 La Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Uomo
2.4.2 I Patti del 1966
2.4.3 L'evoluzione del diritto internazionale dei diritti umani
2.4.4 Le conferenze internazionali sui diritti umani
2.5 Le norme di diritto internazionale dei diritti umani che hanno valore consuetudinario
2.5.1 La giurisprudenza internazionale
2.6 Conclusioni

***


PARTE SECONDA: DUE SISTEMI A CONFRONTO


Capitolo 3: PRINCIPALI DIFFERENZE


3.1 Diversi origine, fondamenti ed evoluzione
3.2 Campo di applicazione
3.2.1 Applicabilità ratione personae
3.2.2 Applicabilità ratione materiae
3.3 I mezzi di controllo
3.3.1 Diritto internazionale umanitario
a. Mezzi preventivi
b. Mezzi sanzionatori
3.3.2 Diritto internazionale dei diritti umani
3.4 Istituzioni a tutela dei due sistemi
3.4.1 Diritto internazionale umanitario
3.4.2 Diritto internazionale dei diritti umani

Capitolo 4 PRINCIPALI CONVERGENZE

4.1 La progressiva convergenza
4.2 Diritti tutelati da entrambi i sistemi
4.3 Possibilità di porre limitazioni alle garanzie offerte dai due sistemi
4.3.1 La necessità militare
4.3.2 Le situazioni che minacciano la vita della nazione

***


PARTE TERZA: SITUAZIONE ATTUALE E SVILUPPI PREVEDIBILI


Capitolo 5: SITUAZIONI INADEGUATAMENTE TUTELATE


5.1 Situazioni di disordini interni o sommosse
5.2 Operazioni di pace delle Nazioni Unite
5.2.1 Applicabilità del diritto internazionale umanitario
5.2.2 Partecipazione all'azione umanitaria
2.3.3 Tutela dei diritti umani

CONCLUSIONI

BIBLIOGRAFIA
 
Abstract
 

1.1 Definizione, fondamenti teorici e origini del diritto internazionale umanitario


ILa formula diritto internazionale umanitario si afferma a partire dal secondo dopoguerra, dapprima, soprattutto, per l'uso frequente che ne fanno i giuristi del Comitato Internazionale della Croce Rossa nell'elaborazione dei progetti che daranno luogo alle Convenzioni di Ginevra del 1949. Tra essi meritano una menzione particolare Jean Pictet e Henri Coursier. Quest'ultimo definisce il diritto umanitario "l'insieme delle regole e dei principi posti a salvaguardia in tutti i tempi e in tutte le circostanze dei diritti essenziali e della dignità della persona umana". Anche per Jean Pictet il "diritto internazionale umanitario, in senso ampio, è costituito dall'insieme delle disposizioni giuridiche internazionali, convenzionali o consuetudinarie, che assicurano il rispetto della persona umana e il suo benessere" . Esso comprende dunque il diritto della guerra e i diritti dell'uomo. A sua volta il diritto bellico si divide in diritto dell'Aja, o diritto bellico propriamente detto e diritto di Ginevra, o diritto umanitario propriamente detto. Il diritto dell'Aja include tutte le norme che stabiliscono diritti e doveri dei belligeranti nella condotta delle operazioni militari e limitano la libertà nella scelta dei mezzi e metodi di combattimento. Il diritto di Ginevra mira a salvaguardare i militari posti fuori combattimento, nonché le persone che non partecipano alle ostilità. Infine, la legislazione dei diritti dell'uomo ha per scopo di garantire in tutti i tempi agli individui la possibilità di godere di diritti e libertà fondamentali.

Questa nozione ampia di diritto internazionale umanitario è accolta anche da parte della dottrina moderna. Una nozione ampia di diritto dei conflitti armati implica - secondo Greppi - un diritto bellico "in senso stretto", un diritto umanitario mirante alla salvaguardia dei militari fuori combattimento e dei civili che non partecipano alle ostilità e i diritti umani. La stessa nozione è ripresa da Marinella Fumagalli Meraviglia secondo la quale la formula diritto internazionale umanitario allude al "complesso di norme nelle quali prende spicco quel particolare obbiettivo che è la tutela della vita, della dignità e dei beni di individui e gruppi che versano in situazioni di grave necessità e di grave pericolo" , non necessariamente costituite da un conflitto.

Altra parte della dottrina identifica il diritto internazionale umanitario con il diritto bellico, come appare dalla stessa definizione del Comitato Internazionale della Croce Rossa che lo definisce l'insieme delle "regole di origine convenzionale o consuetudinaria, che sono destinate a regolamentare i problemi umanitari derivanti direttamente dai conflitti armati, internazionali o non internazionali, che limitano, per ragioni umanitarie il diritto delle parti del conflitto di scegliere liberamente i mezzi e metodi di guerra o che proteggono le persone o i beni, coinvolti o che possono essere coinvolti nel conflitto". Schindler ne limita ulteriormente il campo di applicazione sostenendo che: "Lo scopo del diritto internazionale umanitario, che è una branca del diritto della guerra o dei conflitti armati, è di proteggere gli individui che sono stati messi fuori combattimento o che non prendono parte al conflitto, e di assicurare che siano trattati umanamente".

Attualmente la comunità internazionale utilizza la locuzione diritto internazionale umanitario per indicare il diritto bellico nel suo complesso senza più distinzione tra diritto dell'Aja e diritto di Ginevra, che tutta la dottrina moderna ritiene superata. Allo stesso modo la dottrina è concorde nel sottolineare come il diritto internazionale umanitario non si occupa di jus ad bellum, ossia delle ragioni per cui ha inizio un determinato conflitto, ma solo dello jus in bello, ossia di regolamentare la condotta delle ostilità, a prescindere dal motivo per cui hanno avuto inizio.

Della legittimità del ricorso all'uso della forza si occupa invece la Carta delle Nazioni Unite che ha bandito, almeno formalmente, la guerra come soluzione accettabile per appianare i conflitti internazionali, se non nei casi specificatamente riconosciuti dalla Carta stessa. In questo contesto non può quindi trovare spazio un diritto della guerra ma trova una collocazione legittima un diritto umanitario che cerca di limitare l'uso della forza e proteggere le vittime. Esso è, anzi, quanto mai necessario perché se il sistema delle Nazioni Unite è riuscito finora ad evitare nuovi conflitti su scala mondiale, esso non ha potuto impedire conflitti di portata minore ma non per questo meno tragici per le popolazioni coinvolte.

Va infine sottolineato come il termine conflitti armati possa meglio definire tutte le forme moderne di conflitto, al di là della guerra formalmente dichiarata tra due Stati e dell'esplicito riconoscimento giuridico dello stato di guerra, non più così nettamente contrapponibile allo stato di pace: sempre più spesso, infatti, i confini fra le due situazioni appaiono piuttosto sfumati. L'uso della locuzione "conflitti armati" vuole evitare di offrire la possibilità di non applicare le norme di diritto umanitario celandosi dietro a definizioni puramente formali di guerra.

Ma perché si è sentita la necessità di porre delle regole che disciplinassero la guerra? Secondo Meyrowitz la risposta a questa domanda rappresenta il fondamento ultimo e unico del diritto internazionale umanitario, diverso sia dai principi, che sono dei fondamenti intermediari, sia dalle regole particolari. Sia gli uni che le altre, infatti, variano in funzione dell'evoluzione storica, scientifica, militare, sociale, in risposta ai bisogni sentiti dalla comunità internazionale; essi si affermano tramite una costante lotta tra la ragione di stato e le ragioni dell'umanità. Il fondamento, invece, è unico e immutato; esso si ricava induttivamente dalle regole particolari e dai principi intermediari e ci rivela come il diritto umanitario sia necessario all'umanità, intesa sia come genere umano, sia come atteggiamento filantropico verso i propri simili. Il fondamento del diritto internazionale umanitario può dunque essere individuato nel concetto di conservazione dell'umanità. E' per rispondere a questa esigenza, che si esprime anche in molti altri aspetti della vita umana, sia individuale che sociale, che l'uomo, fin dai tempi più remoti, ha cercato di limitare la violenza che era in grado di manifestare verso i suoi simili.


Conclusioni<


Il tema del rapporto tra i diritti umani ed il diritto internazionale umanitario è stato ormai ampiamente studiato dalla dottrina che ha elaborato tre principali teorie in merito.

La tesi "autonomista" o "separatista" sostiene che il diritto internazionale dei diritti umani ed il diritto internazionale umanitario devono considerarsi del tutto distinti, essendone diversi l'oggetto, il campo di applicazione e gli strumenti di controllo; sarebbe quindi inutile, se non dannosa, una integrazione dei due sistemi.

Una seconda tesi, "integrazionista", sostiene invece la sostanziale unità e conformità dei due sistemi di diritto, entrambi volti alla protezione della persona e della dignità umana; alcuni sostengono però che il diritto umanitario in senso ampio comprenda i diritti umani, al contrario altri sostengono che il diritto umanitario sia la specie di cui i diritti umani sono il genere, perché esso protegge i diritti umani nella particolare e specifica situazione di conflitto armato.

Infine la tesi, maggiormente condivisa, è quella della complementarietà dei due sistemi, entrambi volti alla protezione dell'individuo attraverso la limitazione dei poteri statali.

Taluni autori ritengono addirittura che vi sia una progressiva convergenza tra i due sistemi; tesi che non mi sento di condividere soprattutto con riguardo all'efficacia delle norme. Il primo passo per garantire una effettiva ed efficace applicazione del diritto è definire chiaramente chi, quando e come deve applicare le norme, quindi sovrapporre due sistemi di diritto, che sono nati e si sono sviluppati in contesti e tempi diversi, rischia di dar luogo a situazioni di scarsa chiarezza che si prestano ad essere utilizzate dagli Stati per eludere le norme.

Una più chiara definizione dei campi di applicazione, inoltre, metterebbe ancor più in risalto quelle situazioni che sono insufficientemente tutelate e per le quali è necessario elaborare norme apposite.

E' importante quindi sostenere la complementarietà dei due sistemi che hanno lo stesso fine, la protezione della vita e della dignità umana, tenendo però separati i campi di applicazione; ciò permetterebbe da un lato di non dimenticare che i conflitti armati sono comunque situazioni eccezionali, che richiedono norme apposite ed elaborate; d'altro canto che, nelle "normali situazioni di pace" bisogna garantire agli individui ben più che pochi fondamentali diritti.

"There is, therefore, not inconsistency in pursuing the long - term vision of positive peace, in which justice, health and education for all, are promoted in an environmentally sustainable way, whilst insisting on immediate respect for the physical and moral integrity of individuals and on the responsibility of those employing force for the manner of his exercise. The pursuit of any of these objectives is reinforced by the pursuit of the others."

 
Bibliografia
 

MANUALI E MONOGRAFIE

AA.VV, I diritti umani a 40 anni dalla Dichiarazione Universale, Padova, CEDAM, 1989

AA.VV, L'ONU: cinquant'anni di attività e prospettive per il futuro, Atti dei Convegni organizzati dalla S.I.O.I. a Torino, Bologna, Palermo, Napoli e Bari in occasione della Celebrazione del 50° Anniversario dell'ONU, Roma 1996

AMNESTY INTERNATIONAL, Diritti senza pace, Edizioni Cultura della Pace, 1998

Daniele ARCHIBUGI - David BEETHAM, Diritti umani e democrazia cosmopolitica, Milano, Feltrinelli, 1998

Atti della conferenza di Parigi, 19/20 giugno 1998, International Campaign for the Establishment of the International Criminal Court in 1998, No Peace Without Justice, 1997

Atti della conferenza di Roma, 20/21 novembre 1997, Per l'istituzione del Tribunale Penale Permanente nel 1998, Edito da Non c'è Pace senza Giustizia (in collaborazione con l'Unione Europea e Open Society Institute)

Giorgio BALLADORE - PALLIERI, Diritto bellico, Padova, 1954

George BEST, Humanity in warfare, George Weidenfeld & Nicolson, 1980

Norberto BOBBIO, L'età dei diritti, Torino, 1990

Antonio CASSESE, I diritti umani nel mondo contemporaneo, Bari, 1988

Luigi CIAURRO - Antonio MARCHESI, Introduzione ai diritti umani, Edizioni Cultura della Pace, 1998

Benedetto CONFORTI, Diritto Internazionale, Editoriale Scientifica, Napoli, 1992

Scott DAVIDSON, Human Rights, Open University Press, Buckingham, 1993

Marco DE PONTE, Dentro le Nazioni Unite, Edizioni Cultura della Pace, 1996

Alison DUNDES RENTELN, International Human Rights, SAGE PUBLICATIONS

M. EL KOUHENE, Les garantie fondamentales de la personne en droit international humanitaire et droit de l'homme, Dordrecht, 1986

Fédération Françaice des clubs UNESCO - Ligue des Droits de l'Homme, La conquete des droit de l'homme - Textes fondamentaux, Le Cherche Midi Editeur, 1988

Ernesto GALLINA, La Chiesa cattolica con le organizzazioni internazionali per i diritti umani, U.E.C.I.

Giuseppe GILIBERTI, Diritti Umani - Un percorso storico, Thema Editore, 1990

Hans HAUG, Humanity for all, Henry Dunant Insitute, Berne, Stuttgart, Vienna, 1993

John HUMPHREY, The International law of Human Rights, Unesco, 1989

Flavia LATTANZI, Garanzie dei diritti dell'uomo nel diritto internazionale generale, A. Giuffrè Editore, Milano, 1983

Theodor MERON, Human Rights and Humanitarian Norms as Customary Law, Oxford, 1989

Theodor MERON, Human Rights in International Strife: Their International Protection, Cambridge, Grotius Publications Limited, 1987

Paola Anna PILLITU, Lo stato di necessità nel diritto internazionale, Perugia, 1981

Giovanni PINNA, I diritti dell'uomo e del fanciullo nelle carte internazionali, Chiarella, Sassari

Daniel PREMONT (Ed.), Droits intengibles et états d'exception - Non derogable rights and states of emergency, Bruxelles, Etablissement Emile Bruylant, 1996

Henry STEINER - Philip ALISTON, International Human Rights in Context, Clarendon Press, Oxford, 1996

The United Nations Blue Book Series (Volume VII), The United Nations and Human Rights, 1945/1995, Department of Public Information, United Nations New York

Matteo VAGLIO, Il rispetto del diritto umanitario e la commissione d'inchiesta, Editoriale Scientifica, Napoli, 1998

Gabriella VENTUIRINI, Necessità e proporzionalità nell'uso della forza militare in diritto internazionale, Milano, Giuffrè, 1988

Pietro VERRI, Appunti di diritto bellico, Edizioni speciali della "Rassegna dell'Arma dei Carabinieri", Roma, 1990

Pietro VERRI, Diritto per la pace e diritto nella guerra, Roma 1980



SAGGI ED ARTICOLI

Studies and Essays on international humanitarian law in Honour of Jean Pictet, Swinarski (Ed.) Genève - La Haye, 1984:

- Georges ABI - SAAB, The specificities of Humanitarian Law, p. 265 ss.

- George H. ALDRICH, Some reflections on the origins of the 1977 Geneva Protocols, p.129 ss.

- Igor P. BLISHENKO, Les principes du droit international humanitaire, p. 291 ss.

- Laurence BOISSON DE CHAZOURNES - Luigi CONDORELLI, Quelque remarques à propos del'obligation des Etats de "respecter e faire respecter" le droit international humanitaire "en toutes circonstances" p. 17

- Aristidis CALEGOROPOULOS - STRATIS, Droit humanitaire - droit de l'homme et victimes des conflicts armés, p. 655 ss.

- Asbjorn EIDE, The Laws of War and Human Rights, p. 675 ss.

- Henry MEYROVITZ, Réflection sur le fondement du droit de la guerre, p. 419 ss.

- Shigeki MIYAZAKI, The Martens Clause and International Humanitarian Law, p. 433 ss.

- Arthur H. ROBERTSON, Humanitarian Law and Human Rights, p.793 ss.

- Medrad R. RWELAMIRA, The significance and contribution of the Protocols additional to the Geneva Conventions of August 1949, p. 227

- Masayuki TAKEMOTO, The 1977 Additional Protocols and the Law of Treaties, p. 237

- Waldemar SOLF, Development of the protection of the wounded, sick and shipwrecked under the Protocols additional to the 1949 Geneva Conventions, p. 237

- Karel VASAK, Pour une toisième génération des droit de l'homme, in Studies and Essays

Revue Internationale de la Croix Rouge- International Review of the Red Cross:


- Rosemary ABI-SAAB, Les "Principes généraux" du droit humanitaire selon la Cour internationale de justice, 1987, p. 381 ss.

- George H. ALDRICH, Comments on the Geneva Protocols, 1997, p. 508

- Igor P. BLISHCHENKO, Adoption of the 1977 Additional Protocols, 1997, p. 511

- Rachel BRETT, Non-governmental human rights organitazions and international humanitarian law, 1998, p.531

- Consideration sur le droit international humanitaire, 1975, p. 742 ss.

- Jean DE PREUX, The Protocols additional to the Geneva conventions, 1997, p. 473

- Yoram DINSTEIN, Comments on Protocol I, 1997, p. 515

- Louise DOSWALD - BECK - Sylvain VITE', International Humanitarian Law and Human Rights Law, 1993, p. 94 ss.

- John DUGARD, Bridging the gap between human rights and humanitarian law: The punishment of offenders, 1998, p.445

- Maria Teresa DUTLI, Cristina PELLANDINI, Le Comité International de la Croix Rouge et la mise en ouvre du système de repression des infractions aux règles du droit international humanitaire - mai - juin 1994, p. 264 - 278

- Jan EGELAND, Peace-making and the prevention of violence: The role of governments and non-governmental organitaions, March 1999, n.833, p.73

- Hans Peter GASSER, Persuading States to accept humanitarian treaties, 1997, p. 529

- Thomas GRADITZKY, Individula criminal responsibility for violations of international humanitarian law committed in non - international armed conflicts, March 1998, n.322, p.29

- Tom HADDEN - Colin HARVEY, The law of internal crisis and conflict, March 1999, n.833, p.119

- Christopher Keith HALL, The first proposal for a permanent international criminal court, March 1998, n.322, p. 57

- Marion HARROFF - TAVEL, Action taken by the International Committee of the Red Cross in situations of internal violence, May- June 1993, n.294 p.195

- Marion HARROFF - TAVEL, Promoting norms to limit violence in crisis situations: challenges, strategies and alliances, March 1998, n.322, p.5

- Sylvie JUNOD, Les droits de l'homme et le Protocole II, 1983, p. 254 ss.

- Robert KOLB, The relationship between international humanitarian law and human rights law: A brief history of the 1948 Universal Declaration of Human Rights and 1949 Geneva Conventions, 1998, p. 409 ss.

- René KOSIRNIK, The 1977 Protocols: a landmark in the development of international humanitarian law, 1997, p. 483

- Paul de Geouffre de LA PRADELLE, Droit des homme et comflis armés, 1977, p.446

- Shigeki MIYAZAKI, L'application du nuveau droit humanitaire, 1980, p.184

- Djamchid MOMTAZ, The minimum humanitarian rules applicable in periods of internal tensions and strife, September 1998, n.324, p.455

- Jacques MOREILLON, Les principes fondamentaux de la Croix Rouge, paix et droit de l'homme, - Pactes internationaux relatifs aux droit de l'homme, 1980, p.171

- Peter NOBEL, Contribution du Mouvement de la Croix Rouge et du Croissant - Rouge au respect des droits de l'homme, 1993, p.151

- Daniel O'DONNEL, Trends in the application of international humanitarian law by United Nations human rights mechanism, 1998 p.481

- Umesh PALWANKAR , Applicability of international humanitarian law to United Nations peace - keeping forces, May - June 1993, n.294, p.227

- Jovica PATRNOGIC, The International Institute of Humanitarian Law. 25 Years of Humanitarian Dialogue, 1995, p.1

- Jean PICTET, La formation du droit international humanitaire, 1985, p.3 ss.

- Jean PICTET, Le pendule de l'histoire - Le développement du droit humanitaire pendant un siècle 1874 - 1973, 1975, p. 133 ss.

- Jean PICTET, Les nouveaux aspects du droit international humanitaire, 1977, p. 443 ss.

- V. POTAPOV, Réaffirmation et développement du Droit international humanitaire, 1977, p. 3 ss.

- Aisling REIDY, The approach of the European Commission and Court of Human Rights to international humanitarian law, 1998, p.513

- M.C. ROBERGE, The new International Criminal Court - A preliminary assessment, 1998, p. 671 ss.

- Respect et développement du droit international humanitaire, 1984, p. 96 ss

- Dietrich SCHINDLER, Le Comité International de la Croix Rouge et les Droit de l'Homme, 1979, p. 3

- Cornelio SOMMARUGA, Humanitarian action and peace-keeping operations, March - April 1997, n.317, p. 178

- Michel VEUTHEY, Guérilla et droit humanitaire, n.690, 1976, p. 325 ss.

- David WEISSBRODT - Peggy L. HICKS, Mise en ouvre des droits de l'homme et du droit humanitaire dans les situations de conflict armé, 1993, p.129

- Liesbeth ZEGVELD, The Inter-American Commission on Human Rights and international humanitarian law: A comment on the Tablada Case, 1998, p.505


Richard R. BAXTER, Humanitarian Law or Humanitarian Politics? The 1974 Diplomatic Conference on Humanitarian Law, in The Harvard International Law Journal, 1975, p. 1 ss.

Paolo BENVENUTI, Movimenti insurrezionali e protocolli aggiuntivi alle Convenzioni di Ginevra del 1949, in Rivista di diritto internazionale, 1981, p. 513 ss.

BERNARDINI, Diritti dell'uomo e diritto internazionale, in La Comunità internazionale, 1971

Antonio CASSESE, Current trends in the Development of the Laws of Armed Conflict, in Rivista Trimestrale di diritto pubblico, 1974, p. 1047

Antonio CASSESE, La guerre civile et le droit international, in RGDIP, 1986, p. 3 ss.

CORTE INTERNAZIONALE DI GIUSTIZIA, Sentenza sull'affare Barcelona Traction, in International Court of Justice Report, 1970, n. 33 e ss.

Henri COURSIER, Définition du droit humanitaire, in Annuaire Français de Droit International, 1955, p. 223 ss.

Jean de COURTEN, Fulillment of the Humanitarian Mandate in the Context of "Peace-keeping", Symposium on humanitarian action and peace-keeping operations, Ginevra 22/24 giugno 1994

Eric DAVID, Droits de l'homme et droit humanitarire, in Revue de l'Institut de Sociologie, Bruxelles, 1977, p. 31 ss.

G.I.A.D. DRAPER, The Relationship between the Human Rights and the Law of Armed Conflicts, in Israel Yearbook on Human Rights, 1971

Federico FADIGA, Caschi Blu e organizzazioni umanitarie: incomprensioni e cooperazione, in I Diritti dell'Uomo, 1997, n.3, p.57

Marinella FUMAGALLI - MERAVIGLIA, Il diritto internazionale e i suoi processi in formazione, in Rivista. Internazionale dei Diritti dell'Uomo, 1994, p. 425 ss.

Hans-Peter GASSER, The United Nations and International Humanitarian Law: The International Committee of the Red Cross and the United Nations' involvement in the implementation of international humanitarian law, intervento all'International Symposium on the occasion of the fiftieth anniversary of the United Nations, Ginevra, 19/21 ottobre 1995.

Manuel Pérez GONZALEZ, La Declaraciòn Universal de Derechos Humanos y el derecho internacional humanitario, in La Declaraciòn Universal de derechos humanos, Asociaciòn para las Naciones Unidas en Espana, Xavier Pons Rafols (Coord.), 1998

Héctor GROS ESPIELL, Human Rights and International humanitarian Law, in Bulletin of Human Rights, 91/1, 13 e ss.

Christopher Keith HALL, Origins of the ICC Concept (1872-1945), in The International Criminal Court Monitor, Issue 6, Nonember 1997, p. 6

Françoise J. HAMPSON, Human rights law and international humanitarian law: two coins or two sides of the same coin?, in Bulletin of Human Rights 1/91, p.46 ss.

Bosko JAKOVLJEVIC, Human Rights accorded by international humanitarian law, in Bulletin of Human Rights 1/91, p.25 ss.

Antonio INTELISANO, Una giustizia ONU per i crimini dei "Caschi blu", in I Diritti dell'Uomo, 1997, n.3, p.9

Anton Giulio LANA, Il Protocollo n.11 alla Convenzione europea: luci e ombre, in I Diritti dell'Uomo, 1997, n.3, p.46

LOUET e altri, L'humanisation de la guerre, in Rev. Dr. Int., 1934, p. 7 ss.

S. MARKS, La notion de période d'exception en matière de droit de l'homme, in Revue de droit de l'homme, 1975, p. 821 ss.

Sean McBRIDE, Human Rights in Armed Conflicts, in Revue de droit pénal militaire et de droit de la guerre, 1970, p. 373 ss.

Theodor MERON, On the Inadequate Reach of Humanitarian and Human Rights Law and the Need for a New Instrument, in American Journal of International Law, 1983, p. 589 ss.

Theodor MERON, The protection of the human person under human rights law and international humanitarian law, in Bulletin of Human Rights, 1/91, p.33 ss.

MIGLIAZZA, L'évolution de la réglementation de la guerre à la lumière de la sauvegardedes droits de l'homme, in Rec. Des Cours, 1972 III, p. 143 ss.

NAHLIK, Droit dit "de Geneve" et drit dit "de la Hague": unité ou dualité?, in AFDI, 1978, p.9 ss.

Jacova PATRNOGIC, Human Rights and international humanitarian law, in Bulletin of Human Rights 91/1, p.1 ss.

Louis-Edmond PETTITI, La Nuovelle Cour européenne, in I Diritti dell'Uomo, n.3 1997, p.25

Jean PICTET, Le droit international humanitaire: definition, in Les dimensions internationales du droit humanitaire, Paris, 1986, p. 13 ss.

Guido RAIMONDI, Il futuro Regolamento della nuove Corte Europea dei diritti delluomo, in I Diritti dell'Uomo, n.3, 1997, p.27

Arthur H. ROBERTSON, Human Rights as the Basis of International Humanitarian Law, in Atti del Convegno internazionale di diritto umanitario, Sanremo, 24/27.IX.1970, Lugano, 1971, p.55 ss.

Yves SANDOZ, The International Committeee of the Red Cross as guradian of international humanitarian law, contributo di Sandoz "Mélanges Sahovic" pubblicato nella Yugoslavian Review of International Law, 1996

Marco SASSOLI, La première décision de la Chambre d'appel du tribunal pénal international puor l'ex - Jugoslavie: Tadic (competénce), in Revue General de Droit International Public, 1996, p. 101 ss.

Marco SASSOLI, Mise en ouvre du droit international humanitaire et des droit de l'homme: une comparaison, in Annoire suisse du droit international, 1987, p. 24 ss.

Sentenza Tadic, in Rivista di Diritto Internazionale, 1996, p. 1016 ss., n. 126

SERENI, Ragione di guerra e principi di umanità nel diritto internazionale bellico, in RDI, 1964, p. 169 s

Augusto SINAGRA, Il doppio grado di giudizio nel Protocollo n.11 alla Convenzione di Roma sui diritti dell'uomo, in I Diritti dell'Uomo, 1997, n.3, p.39

Cornelio SOMMARUGA, Human Rights and intenational humanitarian law, in Bulletin of Human Rights, 1/91, p.55 ss.

Cornelio SOMMARUGA, Humanitarian law and human rights law in the legal arsenal of the ICRC, dichiarazione al Graduate Institute of International Studies, Ginevra, 16 marzo 1995

SPERDUTI, La persona umana e il diritto internazionale, in Iustizia, 1960, p. 3 ss.

Karel VASAK, Le droit international des droits de l'homme, in Rec. Des Cours, 1974

Colin WARBRICK, The Protection of human rights in national emergencies, in Human Rights, F.E. Dowrick (ed.), University of Durham, 1979, ristampato da Gower, 1984

Claudio ZANGHI', Il Regolamento di procedura della nuova Corte europea dei diritti dell'uomo: un tentativo per migliorare l'applicazione del controverso Protocollo n.11, in I Diritti dell'Uomo, 1997, n.3, p.34

 
Clicca sull'icona per scaricare la versione integrale

726.3 kB