Diritto internazionale dei diritti umani e dei conflitti armati: guerra e pace
I diritti dell'accusato nello Statuto della Corte Penale Internazionale :: Studi per la pace  
Studi per la pace - home
ultimo aggiornamento: 12.03.2008
   
Studi per la pace - home
Centro studi indipendente di diritto internazionale dei diritti umani e dei conflitti armati - Direttore: Avv. Nicola Canestrini
Conflitti armati Conflitti interni Diritto bellico Diritto internazionale Europa Giurisdizioni internazionali Terrorismo
 
Giurisdizioni internazionali
La Commissione Preparatoria della Corte Penale Internazionale
La protezione penale dei diritti umani dal processo di Norimberga allo Statuto di Roma.
La giurisdizione complementare della Corte Penale Internazionale
Autodifesa di Milosevic
Statuto del Tribunale Penale Internazionale per l'ex Yugoslavia
L'incriminazione di Milosevic: processo ad un epoca?
Capo d'imputazione di Milosevic
Petizione contro l'imposizione della difesa d'ufficio a Slobodan Milosevic
Milosevic dinanzi al Tribunale Internazionale: non è un trionfo della giustizia
Il Tribunale del Grande Fratello
Verso una giustiza internazionale penale?
La Corte Penale Internazionale e i rapporti con l'Organizzazione delle Nazioni Unite
L'Instance Equitè et Rèconciliation: l'esperienza marocchina
Tribunale penale internazionale per i crimini commessi nell'ex-Jugoslavia
Un primo bilancio della Corte Penale Internazionale
L'obbligo di cooperazione degli Stati con la Corte penale internazionale
Saddam Hussein: il processo senza giustizia
Dal tribunale penale militare di Norimberga al tribunale penale internazionale per i crimini commessi nella ex-Jugoslavia nell'ottica dei diritti umani
Corte Penale Internazionale: meccanismi di attivazione
Attività militari e paramilitari in e contro il Nicaragua (Nicaragua vs. United States), I.C.J. 1986 (en)
Corte Penale Internazionale Permanente e repressione dei più gravi crimini di diritto internazionale
I crimini contro l'umanità e il Tribunale Penale Internazionale
La figura del procuratore nello statuto della Corte penale internazionale
Effettività e idealità del diritto penale internazionale
Corte Penale Internazionale tra effettività ed idealità
Statuto della Corte Penale Internazionale (CPI, 1998)
Corte Penale Internazionale: istituzione
L'azione penale negli organi di giustizia internazionale: i Tribunali ad hoc e la Corte Penale Internazionale
 
Giurisdizioni internazionali Hits: 4482 
CPI e diritti della difesa Dr. Roberto Di Donatantonio
 
Versione integrale

661.4 kB
I diritti dell'accusato nello Statuto della Corte Penale Internazionale
Tesi di laurea

Università degli Studi di Teramo
Facoltà di Giurisprudenza

Relatore: Prof.ssa Flavia Lattanzi
Anno Accademico 1998/1999 Pubblicazioni
Centro italiano Studi per la pace
www.studiperlapace.it - no ©
Documento aggiornato al: 1999

 
Sommario

Il grado di civiltà sociale, oltre che giuridica, di un popolo, è determinato e si misura anche e soprattutto dalle garanzie e dai diritti riconosciuti ed offerti a tutti coloro che sono sottoposti in qualche modo alla loro giurisdizione.

In quest'ottica è necessario che la CPI, organo internazionale o, per meglio dire, sovranazionale a base convenzionale, proprio perché sarà chiamata a funzionare - almeno si spera - a livello planetario per reprimere crimini così efferati che scuotono la comunità internazionale nel suo complesso dovunque vengano compiuti, esprima al livello più alto quelle garanzie e quei diritti per l'accusato attualmente riconosciuti, almeno in teoria, nei vari sistemi giuridici nazionali.

 
Indice dei contenuti
 
I. INTRODUZIONE

(1) PREMESSA STORICA
i) Antecedenti
ii) Norimberga e Tokyo
iii) Lo sforzo per l'istituzione di una CPI permanente

(2) LA CONFERENZA DI ROMA
i) L'importanza della Conferenza di Roma
ii) La ferma opposizione USA all'istituzione di una CPI permanente

(3) STANDARDS INTERNAZIONALI DI GARANZIE A BASE DELLE DISPOSIZIONI DELLO STATUTO DI ROMA

(4) METODOLOGIA E PIANO DELL'INDAGINE
i) Sospettato e accusato
ii) Fasi del procedimento dinanzi alla CPI

II. I DIRITTI NELLA FASE PRELIMINARE IN SENSO STRETTO

Questioni relative alla giurisdizione e ammissibilità del caso


III. I DIRITTI NELLA FASE PRE-DIBATTIMENTALE (O PRELIMINARE IN SENSO LATO)

(1) I DIRITTI NEL CORSO DELLA FASE INVESTIGATIVA
i) Il diritto a non essere obbligati ad autoincriminarsi o a confessare la propria colpevolezza
ii) Il diritto a non essere sottoposto ad alcuna forma di coercizione, costrizione o minaccia, tortura o ad altre forme di trattamento o punizione crudeli, inumane o degradanti
iii) La necessità di riconoscere il diritto a cure e visite mediche imparziali
iv) Il diritto ad un competente e gratuito servizio di interpretazione e di traduzione
v) Il diritto a non subire arbitrarie misure di arresto o di detenzione
vi) Altri diritti previsti dall'art. 55 in favore del sospettato che stia per essere interrogato dal Procuratore o dalle competenti autorità nazionali
vi-a) Il diritto ad essere informato dei propri diritti prima dell'interrogatorio
vi-b) Il diritto a rimanere in silenzio
vi-c) Il diritto di consultare un legale di propria scelta prima dell'interrogatorio e di farsi assistere da un legale durante l'interrogatorio
vii) Circostanze nelle quali i diritti e le garanzie del sospettato sono tutelati dagli organi della CPI
viii) Conclusione

(2) I DIRITTI NELLA DETENZIONE PRE-DIBATTIMENTALE
i) Background storico
ii) Garanzie nelle ipotesi di atti limitativi della libertà
iii) Il diritto di informazione al tempo dell'arresto
iv) Il diritto ad un pronto accesso all'autorità giudiziaria dello stato di detenzione
v) Il diritto a far determinare la legittimità della detenzione e ad essere rilasciati nel caso in cui la detenzione risultasse illegittima
vi) Ulteriori diritti che dovrebbero riconoscersi al sospettato
vii) La durata della detenzione pre-dibattimentale ed il diritto ad un processo entro un ragionevole periodo di tempo
viii) Il diritto di accesso al mondo esterno, ai dottori ed agli appositi trattamenti medici
viii-a) Modalità in cui si esplica il diritto di accesso al mondo esterno
ix) Il diritto a un pronto accesso a un legale subito dopo l'arresto
x) Il diritto ad essere informato dei propri diritti al tempo dell'arresto

(3) CONCLUSIONE

IV. I DIRITTI NEL CORSO DEL PROCESSO

(1) GARANZIE RELATIVE AL GIUSTO PROCESSO
i) La parità delle armi tra accusa e difesa e il dovere del Procuratore di far conoscere alla difesa le informazioni di cui è in possesso
ii) Il dovere di supervisione della Corte
iii) La presunzione d'innocenza

(2) I DIRITTI DELL'ACCUSATO NELL'ART. 67 (in generale)
i) Il diritto ad un processo pubblico
ii) Il diritto ad un processo equo e condotto imparzialmente
iii) Il diritto di fruire di garanzie minime in condizione di piena uguaglianza

(3) I DIRITTI DELL'ACCUSATO NELL'ART 67 (in particolare)
i) Il diritto ad essere informato delle accuse
ii) Il diritto a tempo e facilitazioni adeguate per la preparazione della difesa e i diritti e le problematiche concernenti la conduzione della difesa
iii) Il diritto ad essere processati senza indebiti ritardi
iv) Diritti concernenti la cross-examination
iv-a) La questione delle testimonianze anonime iv-b) La questione della "hearsay evidence"
v) Il diritto ad un competente servizio di interprete e di traduzione
vi) Il diritto a non essere obbligato a testimoniare e a confessare la propria colpevolezza, il diritto a rimanere in silenzio ed eventuale procedimento di ammissione di colpevolezza
vii)Il diritto a fare dichiarazioni orali o scritte in propria difesa e il diritto a non subire l'imposizione dell'onere della prova o dell'onere della confutazione della prova

NE BIS IN IDEM E PROCESSO IN ABSENTIA (cenni)

CONCLUSIONE

BIBLIOGRAFIA
 
Abstract
 

I. INTRODUZIONE

 

1. Premessa storica
 

(i) Antecedenti
 

Risale al 1474 la creazione della prima corte penale internazionale col compito di assicurare alla giustizia qualche responsabile di quelli che oggi sarebbero definiti come crimini contro l'umanità.
 

Peter Von Hagenbach, governatore di Breisach al servizio del duca Carlo il Temerario di Borgogna, fu messo in stato d'accusa da parte di un tribunale composto da ventotto giudici provenienti da diverse nazioni del Sacro Romano Impero. Imputato per atrocità commesse dalle sue truppe quali omicidio, stupro, saccheggio e altri crimini contro "the laws of God and a man", fu giudicato colpevole e fu decapitato.
 

La tesi della difesa, basata sull'obbedienza agli ordini superiori, fu respinta come dovrebbe avvenire secondo le norme oggi in vigore nel quadro degli strumenti internazionali che, giustamente, escludono altresì la pena di morte. Alcuni ordinamenti statali continuano invece a prevederla e ad eseguirla in violazione, a mio avviso, dei principi fondamentali di umanità. E' quanto è stato fatto, per esempio, con i verdetti emessi dal tribunale di Kibungo (Rwanda) ai danni di Deo Bizimana ed Egide Gatanazi processati e condannati in base alla nuova legge nazionale sul genocidio del 1994.
 

Non si riscontra nessun altro precedente di rilievo per la applicazione del diritto penale da parte di un tribunale internazionale per tutti i cinque secoli che seguirono.
 

Solo l'orrore suscitato dalle devastazioni e dagli immani massacri avvenuti durante la Prima Guerra Mondiale, e gli aumentati rischi che i conflitti moderni impongono alla popolazione civile, spinsero ad istituire, nel gennaio 1919, una "Commission on the Responsibility of the Authors of the War and on the Enforcement of Penalties for violations of the Laws and Customs of War", che determinasse se vi fossero le basi per incriminare gli individui-organi appartenenti alle potenze centrali per le violazioni del diritto internazionale umanitario.
 

Nel suo Rapporto, emesso il 29 marzo 1919, la Commission individuò trenta categorie di crimini perpetrati dalle forze tedesche contro le norme e gli usi di guerra (Convenzioni dell'Aia del 1907 e 1911 e diritto consuetudinario), dal bombardamento di luoghi privi di interesse strategico militare all'affondamento di due navi ospedale britanniche, al massacro di più di un milione di Armeni in Turchia. Il documento raccomandò l'istituzione di un Alto Tribunale Internazionale per i maggiori responsabili, tra cui il Kaiser Guglielmo II, macchiatosi della violazione della neutralità del Belgio - atto definito "a supreme offence against international morality and the sanctity of treaties".
 

L'Alto Tribunale però non venne mai alla luce, non ultimo perché per il Kaiser, trasferitosi nei Paesi Bassi, non fu nemmeno richiesta l'estradizione.
 

Il principio della illiceità delle violazioni degli usi e costumi di guerra e di altri crimini ad esso correlati emerse tuttavia chiaramente sia dal diritto internazionale pattizio quanto da quello consuetudinario che si sviluppò tra le due guerre e ciò verrà a costituire il prerequisito essenziale per le decisioni prese dagli alleati durante e dopo la Seconda Guerra Mondiale.
 

Come è ovvio però, la messa in pratica di tali principi non risultava allora immaginabile se non per mano del vincitore della guerra, come del resto avvenne spesso pure in anni successivi anche al livello interno in vari paesi impegnati in processi di transizione. Si sarebbe quindi trattato comunque di uno sforzo unico, ma pur sempre criticabile per il fatto di essere unilaterale, di rappresentare cioè la giustizia dei vincitori.
 

L'istituzione di una corte penale internazionale fu spesso menzionata da diversi Stati durante le sessioni di lavoro della Società delle Nazioni, ma solo la minaccia del terrorismo internazionale guidò i membri di tale Organismo all'elaborazione di una Convenzione il 16 Novembre 1937 (la seconda parte della quale fu intitolata "Geneva Convention for the Creation of an ICC"). Tale Corte avrebbe dovuto avere giurisdizione sugli "individuals accused of a violation of the Convention for the Prevention and Repression of Terrorism".
 

Per diverse ragioni storiche, prima fra tutte per la priorità degli Stati di difendersi dalle aggressioni dei regimi nazisti e fascisti, la Corte per il Terrorismo non fu mai istituita e la sua convenzione fu ratificata da un solo stato.




ii) Norimberga e Tokyo
 

Le atrocità della Seconda Guerra Mondiale portarono all'instaurazione di due Tribunali Militari Internazionali, Norimberga e Tokyo, corti militari create dalle Potenze Alleate per perseguire e punire i maggiori criminali di guerra delle Forze dell'Asse (Accordo di Londra dell'8 agosto 1945).
 

Inoltre i quattro grandi - che si apprestavano con le nazioni amiche a mettere sotto processo i criminali di guerra nazisti - si trovarono nell'insolita e privilegiata condizione di poter esercitare efficacemente, in virtù dell'atto di resa incondizionata della Germania, la sovranità sul territorio tedesco. Erano quindi in grado, anche ciascuno separatamente nella propria zona, di compiere ogni atto legittimamente attribuibile al potere sovrano, ivi compresa la legiferazione e l'organizzazione del potere giurisdizionale.
 

In virtù dell'occupazione della Germania la Carta di Londra entrò a far parte del diritto nazionale tedesco, e finì per regolare l'operato del tribunale internazionale incaricato di processare i maggiori criminali.
 

Il tribunale di Tokyo invece, benché effettivamente a composizione internazionale (i pubblici ministeri provenivano da ben undici Stati), fu istituito da una Ordinanza speciale del generale MacArthur del 19 gennaio 1946. Egli promulgò quell'atto in qualità di Comandante Supremo degli Alleati in Oriente e somma autorità della forza militare occupante, che era esclusivamente statunitense. Il documento non fu quindi soggetto a negoziazione.
 

I processi di Norimberga e Tokyo sono stati sottoposti a pesanti critiche. Soprattutto si rimprovera agli alleati di aver istituito procedimenti ad hoc contro i vinti, imponendo la loro "giustizia dei vincitori", in base ad uno strumento che essi stipularono ed eseguirono dopo la conclusione del conflitto.
 

Va detto comunque che, sul piano giuridico, nessuna obiezione poteva essere mossa al vincitore che, in seguito a debellatio, giudicasse i nemici sospettati di crimini di guerra. Il problema era semmai di assicurare che eventuali responsabili di atti altrettanto gravi tra i ranghi alleati ricevessero lo stesso trattamento, il che ovviamente non avvenne.
 

Benché lo svolgimento dei processi rispondesse agli standards di fair trial ancora oggi vigenti, ciò non di meno essi furono istruiti al fine preordinato di giudicare i vinti per le azioni criminali di cui si erano macchiati senza che fosse consentito loro di denunciare atti altrettanto gravi commessi da parte degli Alleati. Ciò avrebbe contribuito quanto meno ad inquadrare l'intero procedimento in un contesto più equo qualora fosse stato possibile dar vita a processi nei confronti dei vincitori in quei casi dove si fosse ravvisata una loro responsabilità per crimini del diritto internazionale. Ogni richiesta in tal senso fu infatti sommariamente respinta.
 

Queste considerazioni pesano ancora nel giudizio di storici e giuristi in merito ai processi di Norimberga e di Tokyo, e, a suo tempo, influirono anche negativamente sulla valutazione storica dei successivi processi svoltisi in Germania.
 






iii) Lo sforzo per l'istituzione di una CPI permanente
 

Dal 1946 in poi, molti sono stati gli sforzi da parte delle Nazioni Unite per la codificazione dei crimini del diritto internazionale e la costituzione di una Corte Penale Internazionale permanente.
 

L'11 dicembre 1946, infatti, l'Assemblea Generale delle Nazioni Unite dichiarò che il genocidio, definito come il "diniego del diritto all'esistenza di interi gruppi umani" (ns. traduz.) è un crimine del diritto internazionale. Seguì a ciò la firma di una Convenzione Internazionale, stipulata a Parigi il 9 dicembre 1948 per la Prevenzione e la Repressione del Delitto di Genocidio, dove si dettano norme per la repressione di siffatto crimine.
 

Tuttavia, nonostante nel 1949 l'"International Law Commission" (abbr. ILC) iniziò a lavorare sulla formulazione dei principi di Norimberga e su una bozza di "Code of Offences against the Peace and the Security of Mankind" e fu nominato un comitato per codificare i crimini contro la pace e la sicurezza dell'umanità, tale attività non fu portata a termine.
 

L'entusiasmo sollevato nell'immediato dopoguerra da Norimberga e Tokyo in vista della costituzione di una Corte permanente si spense quasi del tutto durante la guerra fredda. Neanche il consenso tra Est e Ovest alla fine degli anni '70 circa la necessità di reprimere l'apartheid, come richiesto dal "Commission on Human Rights Ad Hoc Committee on South Africa", fu sufficiente per l'istituzione di una corte atta a processare gli autori di tale crimine.
 

Solo alla fine della guerra fredda le Nazioni Unite rinnovarono il loro interesse verso una Corte Penale internazionale.
 

Infatti, quando nel 1989 Trinidad-e-Tobago si appellò alle Nazioni Unite affinché si istituisse una Corte Penale Internazionale per processare i trafficanti di droga, l'Assemblea Generale disse all'ILC di concentrare la propria attenzione su tale problema.
 

Nel frattempo, le atrocità dei conflitti nella ex Yugoslavia e in Ruanda, hanno portato il Consiglio di Sicurezza all'istituzione9, sulla base del Capitolo VII della Carta delle Nazioni Unite, di due tribunali penali internazionali ad hoc, rispettivamente nel maggio del 1993, con sede a l'Aia, e nel novembre del 1994, con sede ad Arusha (Tanzania).
 

In seguito a tali sviluppi, la Commissione del diritto internazionale ha elaborato nel 1994 un Progetto di Statuto per una Corte Penale Internazionale.
 

Le immagini delle tragedie nella ex-Yugoslavia, Ruanda e nella Regione dei Grandi Laghi, immagini che hanno fatto comprendere come l'umanità sia talvolta in grado di ripiombare nei momenti più oscuri di un lontano passato, hanno inoltre spinto l'opinione pubblica alla richiesta di una giustizia universale che sia in grado di reprimere prontamente atti di genocidio, crimini di guerra e crimini contro l'umanità, da chiunque siano commessi e in ogni momento, auspicando di far valere un giorno in pieno il principio dell'imprescrittibilità della responsabilità penale per chiunque si fosse macchiato di tali orrori.
 

Per questo, a seguito anche dell'impegno delle Organizzazioni Non Governative (Ong), nel 1995 l'Assemblea Generale dell'ONU ha costituito un Comitato per discutere le questioni relative all'istituzione di una Corte Penale Internazionale permanente (Ad Hoc Committee on The Establishment of an International Criminal Court) sulla base del Progetto di Statuto della CPI del 1994. Dopo un anno di lavoro, il Comitato ha chiesto all'Assemblea Generale la costituzione di un Comitato Preparatorio (Preparatory Committee).
 

Tale Comitato ha presentato nel dicembre 1996 un Rapporto all'Assemblea Generale, che ha prorogato il suo mandato al 1997/98, per il tempo considerato necessario alla stesura di un testo da sottoporre al vaglio di una allora auspicata Conferenza Diplomatica.
 

Nel gennaio del 1997, l'Assemblea Generale ha deciso di istituire una conferenza di plenipotenziari da tenersi a Roma dal 15 giugno al 17 luglio 1998, allo scopo di adottare una Convenzione per l'istituzione di una Corte Penale Internazionale
 





CONCLUSIONE

 

Dall'analisi appena conclusa si evince quante siano, nello Statuto della CPI, le norme che riguardano i diritti dell'accusato. E' necessario comunque porre in essere delle considerazioni finali.
 

Innanzitutto vi è da dire che tutto lo Statuto, come abbiamo visto, è permeato da disposizioni che tentano, talvolta in modo ottimale, talaltra con alcune lacune che speriamo vengano colmate dal futuro Regolamento di Procedura e di Prova, di assicurare il rispetto degli standards di garanzie internazionalmente riconosciuti.
 

Tali standards non riguardano soltanto l'individuo sottoposto a procedimento penale durante il corso del processo propriamente detto ma anche in quei momenti anteriori al trial (disciplinato, ricordiamolo, nella Part VI dello Statuto), come per esempio qualora la CPI abbia a che fare con un individuo semplicemente sospettato, e posteriori allo stesso come, per esempio, durante le fasi di Appello, di Revisione, e di esecuzione della sentenza1.
 

Ma perché, ci si potrebbe chiedere, focalizzare l'attenzione sulla necessità e sullo studio dei diritti dell'accusato, ed anche del sospettato, nello Statuto della futura Corte Penale Internazionale?
 

Per molti motivi, ma soprattutto per tre in particolare.
 

In primo luogo bisogna dire che il grado di civiltà sociale, oltre che giuridica, di un popolo, è determinato e si misura anche e soprattutto dalle garanzie e dai diritti riconosciuti ed offerti a tutti coloro che sono sottoposti in qualche modo alla loro giurisdizione.
 

In quest'ottica è necessario che la CPI, organo internazionale o, per meglio dire, sovranazionale a base convenzionale, proprio perché sarà chiamata a funzionare - almeno si spera - a livello planetario per reprimere crimini così efferati che scuotono la comunità internazionale nel suo complesso dovunque vengano compiuti, esprima al livello più alto quelle garanzie e quei diritti per l'accusato attualmente riconosciuti, almeno in teoria, nei vari sistemi giuridici nazionali.
 

Ecco che allora viene fuori il secondo motivo che giustifica la scelta dell'analisi dell'oggetto del presente elaborato.
 

Il sistema dei diritti in favore dell'accusato dinanzi alla CPI, qualora effettivamente ed efficacemente operativo, avrà un'indubbia "funzione costruttiva" nello sviluppo della CPI quale organismo funzionante e praticabile.
 

E' logico dedurre, infatti, che maggiori sono le garanzie in favore di coloro che potrebbero essere sottoposti a procedimento e più alto sarà il numero di stati disposti a collaborare con tale organismo, soprattutto se si tiene in considerazione la circostanza che coloro che potrebbero trovarsi dinanzi alla CPI potrebbero aver rivestito importanti incarichi istituzionali all'interno di un paese.
 

Infine, un'importante "funzione pedagogica" potrà essere svolta dal sistema dei diritti e delle garanzie in favore dell'accusato verso quegli Stati che, per incapacità o non volontà, non prevedono analoghi diritti e garanzie nei loro ordinamenti giuridici.
 

Tutto questo ci porta a sperare di aver dato un piccolo contributo a che la futura CPI possa arrivare ad operare e ad operare effettivamente, che non sia, come da molte parti paventato, un gigante senza braccia, che possa realmente, con l'indissolubile ausilio degli stati, essere un mezzo per far gridare alle generazioni future quel "NUNCA MAS" nei confronti di quelle atrocità che il secolo passato ha già dato in eredità alla nostra memoria.
 
 
Bibliografia
 

AA.VV., Human Rights and the European Convention, Edited by Brice Dickson, 1997

C. BASSIOUNI, International Criminal Law, Transnational Publishers, New York, 1986

A.CASSESE, The International Criminal Tribunal for the Former Yugoslavia and Human Rights, in EHRLR, 1997, Issue 4, pg.339

M. DE SALVIA, La Convenzione Europea dei diritti dell'uomo - procedure e contenuti -, Editoriale Scientifica (II edizione), Napoli, 1999

P. DE STEFANI ed E. NOLI, Per la Pace e contro l'impunità: la Giustizia Penale Internazionale - I Tribunali per l'ex Yugoslavia e il progetto di Corte Penale Internazionale Permanente, Schede di Informazione realizzate a cura della Ass. Dir. Umani (Sviluppo Umano, Padova) con il contributo della Comm. Europea, specialisti in istituzioni e tecniche di tutela dei diritti umani presso l'Università di Padova, aprile 1998

D.DONAT-CATTIN, Lo Statuto di Roma della Corte Penale Internazionale: Riflessioni a margine della conferenza diplomatica dell'ONU (giugno - luglio 1998), 1998

F. ERMACORA, M. NOWAK, H. TRETTER, International Human Rights - Documents and Introductory Notes, Law Books in Europe, 1997

K.S. GALLANT, The Role and Powers of Defence Counsel in the Rome Statute of the International Criminal Court, (Working Draft), 1998

G.GINSBURGS - V.N.KUDRIAVTSEV, The Nurnberg Trial and International Law, Nijhoff, Dordrecht, 1990

D.J. HARRIS, M. O'BOYLE & C. WARBRICK, Law Of The European Convention on Human Rights, London Butterworths, 1995

F. LATTANZI (EDITOR), The International Criminal Court: comments on the draft statute, Editoriale Scientifica, Napoli, 1998

F.LATTANZI - E. SCISO, Dai Tribunali Penali Internazionali ad hoc ad una Corte Permanente, Editoriale Scientifica, Napoli, 1996

A. MARCHESI, I Diritti dell'uomo e le Nazioni Unite, Edito da Franco Angeli, 1996

A. MARCHESI, Il divieto di Tortura nel Diritto Internazionale Generale, in Rivista di Diritto Internazionale, 1993

V. MORRIS & M. P. SCHARF, An Insider's Guide to the International Criminal Tribunal for the Former Yugoslavia, Transnational Publishers, USA, 1995

H.N.A. NOOR MUHAMMAD, Due Process of Law for Persons Accused of a Crime, in Louis Henkin, ed., The International Bill of Rights, New York, Columbia University Press, 1981

M. NOWAK, U.N. Covenant on Civil and Political Rights: CCPR Commentary, Edited by N.P. Engel, Publisher Kehl, Germany, 1993

N. RODLEY, The Treatment of Prisoners under International Law, Oxford, Clarendon Press, 1987

V. STARACE, La Convenzione Europea dei diritti dell'uomo e l'ordinamento italiano, Levante Editori, Bari, 1992

VAN DIJK, The Right of the accused to a Fair Trial under International Law, SIM Special No.1, 1983

VAN DIJK & VAN HOOF, Theory and practice of European Convention on Human Rights, Edited by SIM, 1990

Amnesty International, Nunca Mas, A.I., 1998

Amnesty International, Torture in the Eighties, A.I., 1998

Commissione Europea D.U., Rapporto nell'affare Neumeister, 27.05.66, in Yearbook of ECHR, 1968

Commissione Europea D.U., Rapporto nell'affare Neubek, 12.12.83, in Decision and Reports, vol.41, 1984

E.L.S.A., Handbook on the International Criminal Court, 2nd edition, M.COTTIER (EDITOR), European Law Students' Association, Printed by NPWJ, May 1998

Human Rights Watch, Justice in the Balance - Recommendations for an Independent and Effective International Criminal Court, Human Rights Watch, USA, June 1998

Human Rights Watch, Commentary to the Preparatory Commission on the International Criminal Court - Elements of Crimes and Rules of Evidence and Procedure, Human Rights Watch, July 1999

Il Tribunale Penale Internazionale - La Conferenza Diplomatica di Roma, Ministero degli Affari Esteri, servizio stampa e informazione, Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato, 1998

Inter-American Commission on Human Rights, Second Report on the Situation of Human Rights in Colombia, OEA/Ser.L/V/II.84, Doc.39 rev., 14 october 1993, pg.98

I.S.I.S.C. - Atti e Documenti - Vol.15-, Lo Statuto della Corte Penale Internazionale, a cura di E. P. REALE, collana diretta dal Prof. C.BASSIOUNI, Cedam, 1999

Non C'e' Pace Senza Giustizia - Osservazioni al testo coordinato anteriore alla sessione finale del Prepcom, Non c'è Pace Senza Giustizia con il contributo della UE e della Open Society Institute, Verona,1998

Nouvelles Études Pénales, Volume 13 ter - Comments on the Model Draft Statute, Curato da Association Internationale de Droit Pénal, Érès, 1998

Per l'istituzione del Tribunale Internazionale Permanente nel 1998, Atti della Conferenza di Roma, 20-21 novembre 1997, Sala Zuccari, Palazzo Giustiniani, Non c'è Pace Senza Giustizia con il contributo della UE e della Open Society Institute, 1998

Società Italiana per l'Organizzazione Internazionale, Nazioni Unite: Statuto e Regolamenti, Cedam, Padova, 1952

Statuto della Corte Penale Internazionale approvato a Roma il 17 luglio 1998, inserto di Italia Oggi del 30/7/98, 4/8/98, 7/8/98, 8/8/98

Statuto di Roma della Corte Penale Internazionale, Atti Parlamentari del Senato della Repubblica, Traduzione non ufficiale, 1999

The American Journal of International Law, Editorial Comments - The Yugoslavia Tribunal: Use of Unnamed Witnesses against accused, Volume 90:235, 1996

The American Journal of International Law, Editorial Comments - Due Process and Witness Anonymity, Volume 90:75, 1997

The International Criminal Court: The Making Of The Rome Statute - Issues, Negotiations, Results, Edited by Roy S. Lee, 1999

Towards The Establishment of a Permanent International Criminal Court, Conference Proceedings 12-13 september 1997, Valletta, Malta, mediterranean journal of Human Rights, Cedam, volume 2 Number 1, 1998

U.S.C.A., Section 3521 (witness relocation and protection). United States Marshals Service, Fact Sheet: Witness Security, USMS Pub. N°30, 7 July 1995

Amnesty International, The International Criminal Tribunals: Handbook for Government Cooperation, August 1996

Amnesty International, The International Criminal Court - Making The Right Choice, Part I, January 1997

Amnesty International, The quest for International Justice: Defining the Crimes and Defences for the International Criminal Court, February 1997

Amnesty International, The International Criminal Court - Making The Right Choice, Part II, July 1997

Amnesty International, The International Criminal Court - Making The Right Choice, Part III, November 1997

Amnesty International, Universal Jurisdiction: 14 Principles on the effective exercise of Universal Jurisdiction, May 1999

Amnesty International, The International Criminal Court - Preliminary comments concerning the elements of war crimes other than grave breaches of the Geneva Conventions, part I, July 1999

Amnesty International, The International Criminal Court: Ensuring an effective role for victims, July 1999

Amnesty International, The International Criminal Court: Drafting effective Rules of Procedure and Evidence for the trial, appeal and revision, July 1999

International Criminal Court: Draft Rules of Procedure and Evidence, report of a symposium in london on 5th june 1999 by Coalition for an International Criminal Court, June 1999

International Criminal Defense Attorneys Association, Position Paper of Icdaa on Defence Indipendence before the International Criminal Court, June 1998

International Criminal Defense Attorneys Association, Proposal for the establishment of an Independent Office of the Defence, 1999



International Criminal Defense Attorneys Association, Freedom of choice of the Defence Counsel - Position paper submitted by the ICDAA, July 1999

Lawyers Committee for Human Rights, Pre-Trial Rights in the Rules of Procedures and Evidence, July - August 1999

I SEGUENTI DOCUMENTI DELLA PREPARATORY COMMISSION FOR THE INTERNATIONAL CRIMINAL COURT (WORKING GROUP ON RULES OF PROCEDURE AND EVIDENCE):



PICNICC/1999/WGRPE/RT.5
(30 Juillet 1999)

PICNICC/1999/WGRPE/RT.6
(5 August 1999)

PICNICC/1999/WGRPE/RT.5/Rev.1/Add.1
(6 August 1999)

PICNICC/1999/WGRPE/RT.5/Rev.1
(11 August 1999)

PICNICC/1999/WGRPE/RT.7
(11 August 1999)

PICNICC/1999/WGRPE/RT.5/Rev.1/Add.2
(12 August 1999)



Si è fatto inoltre riferimento al world wide web per potersi procurare i testi ufficiali dei vari documenti normativi (Statuto definitivo della CPI, ICCPR, ECHR, UDHR, Guidelines, UN Body of Principles, etc.) e per i seguenti altri documenti, decisioni e sentenze:

Colombia: A summary of Amnesty International's concern related to the Colombian Government's implementation of the ICCPR (AI Index: AMR 23/17/97), pp.16-17

Corte Europea dei Diritti Umani , Luedicke Case, Series A, N°29 (1978), para.48

D. WEISSBRODT, Practice of the International Criminal Tribunal for the former Yugoslavia and International Fair Trial Principles Relevant to Issues Arising in the Establishment of the International Criminal Court, lavoro sottoposto al workshop di Londra del 6 e 7 giugno 1997

Human Rights Committee, General Comment 13, para.7, UN Doc. HRI/GEN/1

Human Rights Committee, General Comment 13, para.8, UN Doc. HRI/GEN/1

Human Rights Committee, General Comment 13, para.10; UN Doc. HRI/GEN/1

JEAN-BOSCO BARAYAGWIZA Case No. ICTR-97-19-I

Lawyers Committee for Human Rights (International Criminal Court Briefing Series), Volume 2, num.3, (al sito www.Ichr.org)

Le Monde, "La justice ne répond pas assez aux attentes des Francais", 22 gennaio 1997, pg.7

Measures granted to the Prosecutor for the protection of witnesses against Elie Ndayambaje, Press Release, UN Doc. ICTR Info 9-2-039, Arusha, 11 March 1997

Rapporto del 1993 del Segretario Generale dell'ONU sullo Statuto ICTY, UN Doc. S/25704, 3 maggio 1993, e Corrigendum, UN Doc. S/25704/Corr.1, 30 luglio 1993, par. 108

Report of the Special Rapporteur, Mr. P. KOOIJMANS, UN Doc. E/CN.4/1992/ 17, para.294

Report of the Special Rapporteur, Mr. N.S. RODLEY, UN Doc. E/CN.4/1995/34, 12 gennaio 1995, para. 926 (d)

The Right to a fair Trial: Current recognition and measures necessary for its strengthening, rapporto finale preparato da Mr. S. CHERNICHENKO e Mr. W. TREAT, giugno 1994, UN Doc. E/CN.4/Sub.2/1994/24

United Kingdom: Investigating lethal shooting: The Gibraltar inquest (AI Index: EUR 45/02/89), pg.22

Prosecutor v. Delic, Decision on Motion by the Accused Hazim Delic based on Defects in The Form of the Indictment, IT-95-21-T, 15 novembre 1996, (Judges McDonald (Presiding), Stephen and Vorhah), para.14



Prosecutor v. Erdemovic, Sentencing Judgement, Case N° IT-96-22-T (Judges Jorda - Presiding -, Odio Benito and Riad), 29 novembre 1996, para. 10-20

Prosecutor v. Tadic, Decision on the Prosecution Motion Requesting Protective Measures for Victims and witnesses, case N.° IT-94-1-T, 10 Agosto 1995

Prosecutor v. Tadic, Decision on Defence Motion on the Principle of non-bis-in-idem, IT-94-1-T, 14 novembre 1995, para.10

Prosecutor v. Tadic, Decision on The Defence Motion on the Form of the Indictment, Case n.° IT-95-1-T, 14 novembre 1995 (Judges McDonald (Presiding), Stephen and Vorhah), pg.12

Prosecutor v. Tadic, Decisione sulla Mozione del Procuratore relativa al Ritiro delle Misure di Protezione per il Testimone "L", Case N.° IT-94-I-T, 5 dicembre 1996

Bolanos v. Ecuador, UN Doc. A/44/40

Kelly v. Jamaica, Communication n.°232/1987, Views adottato l'8 aprile 1991, Rapporto dell'Human Right Committee, 46 GAOR (Supp.) n.°40, UN Doc. A/46/40, para. 5.10

Van Mechelen v. The Netherlands, Case N°55/1996/674/861-864, Judgment, European Court of Human Rights, 23 April 1997, para.58

 
Clicca sull'icona per scaricare la versione integrale

661.4 kB
 
 
 

Valid HTML 4.01!