Diritto internazionale dei diritti umani e dei conflitti armati: guerra e pace
Diritto internazionale bellico :: Studi per la pace  
Studi per la pace - home
ultimo aggiornamento: 12.03.2008
   
Studi per la pace - home
Centro studi indipendente di diritto internazionale dei diritti umani e dei conflitti armati - Direttore: Avv. Nicola Canestrini
Conflitti armati Conflitti interni Diritto bellico Diritto internazionale Europa Giurisdizioni internazionali Terrorismo
 
Diritto bellico
La salvaguardia dei diritti dell'uomo durante i conflitti armati e le operazioni militari
Diritto umanitario nell'Islam
Convenzione delle Nazioni Unite del 1989 sui mercenari
Ballestreros report on the use of mercenaries as a means of violating human rights of 1994
II Protocollo aggiuntivo alle Convenzioni di Ginevra del 1949 relativo alla protezione delle vittime dei conflitti armati non internazionali
Convenzione di Ginevra del 1949 sulla protezione dei civili
Convenzione di Ginevra del 1949 sul trattamento dei prigionieri
Convenzione di Ginevra del 1949 sulla sorte dei feriti sul mare
Convenzione di Ginevra del 1949 sulla sorte dei feriti in campagna
I Protocollo aggiuntivo alle Convenzioni di Ginevra del 1949 relativo alla protezione delle vittime dei conflitti armati internazionali
Convenzione di Ginevra per il miglioramento della sorte dei feriti in campagna del 22 agosto 1864
Il Codice Lieber del 1863
II Convenzione internazionale dell' Aja del 1899 su leggi ed usi della guerra terrestre
Convenzione internazionale dell' Aja del 1907 su leggi ed usi della guerra terrestre
The Laws of War on Land (Manuale di Oxford) 1880
Dichiarazione di S. Pietroburgo del 1868
Convenzioni di diritto bellico ratificate o firmate dall'Italia
Private Military Companies: Options for Regulation
OUA convention for the elimination of mercenarism in Africa 1977
L'invisibile Codice della Guerra
I soggetti delle migrazioni forzate
Regole d'ingaggio e diritto all'autodifesa. Riflessioni e suggerimenti
Ordine superiore e responsabilità dell'individuo nei crimini internazionali
Diritto e Forze armate. Nuovi Impegni
Azioni militari da parte di forze internazionali
Profili attuali di diritto umanitario dei conflitti armati
Corpi di spedizione all'estero tra codici penali di guerra e codici penali di pace
Politica internazionale e sicurezza internazionale
Ordinamento democratico e impiego delle forze armate oltre i confini
Ridefinire la sicurezza
Profili costituzionali della gestione delle emergenze
Sovranità, diritto, forza
Status delle forze armate nelle missioni di pace
Dalla cooperazione alla frattura: i rapporti fra Nazioni Unite e NATO alla luce della crisi jugoslava
Il sacramentum militari
Il ruolo attuale delle organizzazioni regionali per il mantenimento della pace e della sicurezza internazionale in Europa
Nuovi impegni giudiziari tra giurisdizione penale internazionale e nazionale
Nonnismo. profili di tutela penale
Dovere di difesa militare, obiezione di coscienza, servizio civile
Problemi attuali del diritto internazionale penale
L'ordine criminoso nei recenti progetti di riforma del codice penale italiano e nella disciplina internazionale penale
Disciplina militare, forze di polizia, forze militari (a proposito di spirito democratico).
I "reati contro il servizio militare" e i "reati contro la pace e la sicurezza dell'umanità" delineati nel codice penale russo del 1997
La Corte Costituzionale ed il diritto dei militari di costituire associazioni professionali a carattere sindacale
Il servizio militare femminile
La legislazione italiana sul controllo delle esportazioni di armi
Libro Bianco 2002
Rapporto Tabuga: violazioni dei diritti umani in Iraq (en)
Il trattato ABM. Il rapporto tra le due superpotenze dall'equilibrio del terrore allo scudo spaziale di Bush
L'eccezionale (recente) sviluppo del diritto penale internazionale in tema di crimini di guerra ed il problema dell'adeguamento della legislazione interna
La legittima difesa nella Carta delle Nazioni Unite
Operazioni delle NU per il mantenimento della pace ed obblighi di diritto internazionale umanitario
Patto di Parigi di rinuncia alla Guerra (Briand Kellog)
La protezione dei bambini soldato: una scommessa per il diritto delle genti
Convenzione di Ottawa sulle mine antipersona
L'uso delle mine nella guerra terrestre e diritto internazionale umanitario
L'ordine del superiore e lo stato di necessità derivante da minaccia nel diritto penale internazionale
 
Diritto bellico Hits: 0 
Guerra e diritto Dr. Andrea Spagnoli
 
Versione integrale

223.4 kB
Diritto internazionale bellico
Tesi di laurea

(omissis) Pubblicazioni
Centro italiano Studi per la pace
www.studiperlapace.it - no ©
Documento aggiornato al: 0

 
Sommario

Se si volesse dividere il diritto internazionale in due generali categorie, potremmo suddividere il diritto internazionale di pace e di guerra.

 
Indice dei contenuti
 
INDICE


PARTE GENERALE:

I. 1: INTRODUZIONE


I. 2: L'USO DELLA FORZA NEL DIRITTO INTERNAZIONALE: DALL'ARBITRARIETA' AI TENTATIVI DI NORMALIZZAZIONE
I. 2. 1.: La creazione della comunità internazionale: la Società delle Nazioni
I. 2. 2.: Dalla fine della Seconda guerra Mondiale alle Nazioni Unite
I. 2. 3.: L'integrazione attuata delle Risoluzioni ONU
I. 2. 4.: Ruolo e critica delle istituzioni delle Nazioni Unite


I. 3: LA SENTENZA SULLE ATTIVITA MILITARI E PARAMILITARI IN E CONTRO IL NICARAGUA
I. 3. 1.: Analisi della Sentenza
I. 3. 2.: Considerazioni conclusive


I. 4: LA "GUERRA UMANITARIA": DEFINIZIONI GENERALI
I. 4. 1.: Impostazione del problema. Rinvio.
I. 4. 2.: Argomenti a favore e contro la guerra umanitaria
I. 4. 3.: Considerazioni conclusive







PARTE SPECIALE:

II. 1: PRINCIPIO DI AUTODIFESA COLLETTIVA E LA NATO IN KOSOVO
II. 1. 1.: Premessa: l'antefatto storico
II. 1. 2.: Aspetti generali: il trattato di Washington, meccanismi di autodifesa collettiva regionale e la Nuova dottrina strategica del 1999
II. 1. 3.: La NATO e l'intervento umanitario
II. 1. 4. : La Risoluzione 1244 (1999)


II. 2: CONFLITTI NON INTERNAZIONALI. LE QUESTIONI SUGLI INSORTI E SUL PROTOCOLLO AGGIUNTIVO II ALLE CONVENZIONI DI GINEVRA (1977) IN KOSOVO
II. 2. 1.: Premessa. Legittimità degli insorti e loro rilevanza negli Accordi di Rambouillet
II. 2. 2.: Il Protocollo Aggiuntivo II e la sua operatività in Kosovo


II. 3: RIFLESSIONI SULL' INGAGGIO DELLA GUERRA AEREA TRA KOSOVO E
L'INTERVENTO UMANITARIO
II. 3. 1.: Aspetti generali
II. 3. 2.: Profili di legittimità dei bombardamenti NATO in Serbia e Kosovo


CONCLUSIONI


BIBLIOGRAFIA
 
Abstract
 

Se si volesse dividere il diritto internazionale in due generali categorie, potremmo suddividere il diritto internazionale di pace e di guerra.

Questo sistema di classificazione non è ovviamente l'unico esistente, ma da molto tempo a questa parte viene comunemente accettato dalla dottrina, data l'importanza dei cambiamenti che gli eventi bellici creano nelle situazioni giuridiche (quindi nell'ambito dei diritti ed obblighi) dei soggetti diritto internazionale. Non sono mancati nel tempo gli assertori dell'inesistenza del diritto internazionale bellico , ossia coloro che ritenevano che, data la natura dell'evento bellico, questo dovesse portarsi al di fuori dell'ambito del diritto.

Tra i sostenitori vi furono i positivisti che, proponendo un paragone tra la sovranità interna degli Stati e la loro capacità coercitiva nei confronti dei propri cittadini, riutilizzavano lo stesso schema per la comunità internazionale. Fra i tanti merita una citazione Triepel: " il diritto internazionale deve porsi come una forza collocata al di sopra degli Stati, nello stesso senso che ogni diritto interno è una forza posta al di sopra degli individui appartenenti allo Stato. Se non fosse tale, non sarebbe diritto".

Considerando, dunque, il diritto internazionale come una struttura di norme positive, il trattato (rectius, un particolare tipo di trattato), il trattato-normativo (Vereinbarung), giustapposto al cosiddetto trattato-contratto (Vertag) , venne infatti ad assumere un ruolo assorbente ed esclusivo come fondamento e fatto di produzione del diritto internazionale.

In questa prospettiva, l'evento bellico si proponeva come il caos opposto all'ordine del trattato-normativo, quindi non solo meritevole di non essere disciplinato, ma anti-giuridico ex se.

La teoria di Triepel sulla "volontà collettiva" degli Stati affascinò molti studiosi del suo tempo, ma rivelò la propria debolezza proprio nei confronti del tema della guerra: fondandosi su una rigida concezione imperativistica del diritto, non c'era fondamento al porre in essere della trasgressione alla regola (la guerra, appunto) e, soprattutto, si dimostrasse inesistente un qualsiasi nesso di somiglianza tra il rimprovero internazionale e quello interno nei confronti del trasgressore .

Al positivismo lentamente si contrappose una nuova generazione di giuristi che cominciarono ad osservare la prassi convenzionale che si stava imponendo, caratterizzata da una continua spinta della comunità internazionale nella regolamentazione e limitazione del "fenomeno-guerra", specie a partire dal secondo dopoguerra: valgono per tutti gli esempi della Carta delle Nazioni Unite (1945) e delle Convenzioni di Ginevra (1949).

Tra i precursori dell'idea della legittimità di diritto internazionale della guerra, Antonio Balladore Pallieri : "Il fatto stesso che la guerra sia lecita o illecita a seconda che si contenga o meno entro certi limiti, dimostra che (...) non sorge fuori e contro il diritto internazionale (...). Se invece, come in realtà accade, l'attività bellica è regolata da norme giuridiche internazionali, e compresa in schemi giuridici internazionali, e se gli Stati in guerra continuano a sollevare pretese giuridiche tra loro sul modo in cui devono comportarsi, e proteste se non si comportano nel modo dovuto, si deve anche con assoluta certezza escludere che gli Stati, quando ricorrono alla guerra commettano solo un insieme di atti illeciti o rivoluzionari, contrastanti col diritto vigente".

Nella storia dei trattati è riscontrabile in più di un occasione il tentativo di codificare delle regole di condotta tali da poter dare una maggior chiarezza delle situazioni soggettive poste in essere in tempo di guerra. Tanto per citare i casi che, risalendo nel tempo, si sono distinti per la loro importanza ricordiamo le Convenzioni di Ginevra del 1864 e del 1906 sul trattamento dei feriti di guerra, la Dichiarazione di Pietroburgo del 1868 sui proiettili esplosivi, la Convenzione di Washington del 1922 sui sottomarini e l'impiego dei gas.

Ognuno di questi trattati, a prescindere da quella che è stata la loro efficacia in seno alla comunità internazionale, trovava la sua ragion d'essere nell'omogeneizzare ( o perlomeno tentare di omogeneizzare ) quella diversità di comportamenti, condotte, protocolli ufficiali che ogni Stato impiegava in relazione alla guerra ed ogni altro momento di crisi internazionale.

Ovviamente, nel tempo gli sforzi di creare le regole di diritto internazionale bellico hanno risentito delle ideologie, degli equilibri politici, delle pressioni che determinati Stati erano in grado di fare su altri, ma il minimo comune denominatore è sempre stato quello di trovare una soluzione a questi problemi nel consesso internazionale.
La Storia del secondo dopoguerra è piena di casi pratici in cui è possibile analizzare quali siano state le conseguenze di tutti gli interventi sia convenzionali, sia consuetudinari che giurisprudenziali che hanno avuto luogo nel diritto internazionale.

In particolar modo, nella presente trattazione si prenderà ad esempio il caso del Nicaragua, per cui la Corte Internazionale di Giustizia ha pronunciato una Sentenza che ha segnato una svolta nel modo d'intendere l'uso della forza nell'ambito della comunità internazionale, a prescindere dalla valenza politica della stessa .

I cambiamenti dovuti poi alla caduta dell' URSS e la definitiva cessazione della "guerra fredda ", sono stati forse i più significativi, dal momento che nel giro di pochissimo tempo hanno messo la comunità internazionale nella condizione di dover ripensare e rinnovare il proprio ruolo, ma soprattutto hanno introdotto (soprattutto attraverso la dottrina), innovativi elementi riguardo alla concezione dell'uso della forza, come ad esempio la "guerra umanitaria".

Uno degli esempi di scuola più ricorrenti in tal senso è il conflitto in Kosovo del 1999 e le operazioni seguite agli attacchi della NATO, ove si ripropongono questioni sulla legalità dell'uso della forza in ambito internazionale e sulle problematiche inerenti il peace-keeping, dette anche operazioni per il mantenimento della pace.

Proprio in questo caso concreto, è interessante proporre un punto di partenza, di per sé eloquente, che è costituito dalle Sentenze che la Corte Internazionale di Giustizia ha emesso su richiesta della Repubblica Federale di Jugoslavia nei confronti di Belgio, Canada, Francia, Germania, Italia, Paesi Bassi, Portogallo, Regno Unito, Spagna e Stati Uniti, ossia tutti gli Stati che, ciascuno in diversa misura, hanno partecipato alle operazioni di attacco prima e di peace-keeping dopo. Le rivendicazioni della Jugoslavia contro i citati Stati sono sempre state le stesse, ossia di aver esercitato l'uso della forza:

"en violation de son obligation internationale de ne pas recourir à l'emploi de la force contre un autre Etat, de l'obligation de ne par s'immiscer dans les affaires intérieures d'un autre Etat, de l'obligation de ne par porter atteinte a la souveraineté d' un autre Etat (...)".

Anche in questo caso, come poi nella quasi unanimità dei casi che la trattazione intende analizzare, bisogna scindere la valenza politica della richiesta di una sentenza di questo genere da parte di uno Stato quale era la Repubblica Federale di Jugoslavia , da ciò che potrà tornare utile sul piano giuridico per una riflessione sull'uso della forza.

Per una miglior analisi di tutte queste dinamiche, è necessario un excursus sull'evoluzione della legittimità dell'uso della forza, alla luce dei mutamenti che si sono avuti, specie dalla guerra fredda ai tempi nostri. In questa prospettiva sarà inevitabile dover parlare del ruolo della più grande organizzazione internazionale oggi esistente, l'ONU, e dell'importanza che essa ha ricoperto nell'elaborazioni dei concetti che sono oggetto di discussione, soprattutto attraverso le sue istituzioni, politiche e militari.

 
Bibliografia
 

BIBLIOGRAFIA GENERALE:

AA.VV. , Annuaire de la Commission du Droit International, UN Editions, 1966
AA.VV. , Introduzione al Sistema Penale, vol. I, Giappichelli, Torino, 2000
AA. VV. , Istituzioni di Diritto Internazionale, Giappichelli, Torino, 2003
Anzilotti Dionisio, Corso di Diritto Internazionale, Roma, 1915
Anzilotti Dionisio, Corso di Diritto Internazionale, Athenaeum, Roma, 1928
Arangio-Ruiz Gaetano, I Diritti dell'Uomo da Helsinki a Belgrado: Risultati e prospettive, Giuffrè, Milano, 1981
Arangio-Ruiz Gaetano, voce: Stati ed altri Enti (Soggettività Internazionale), in Novissimo Digesto Italiano, vol. XVIII, UTET, Torino, 1961
Balladore Pallieri Antonio, Diritto Bellico, Padova, 1954
Basso Lelio, Relazioni Internazionali, Feltrinelli, Milano, 1973
Benchikh Majid, Il Sistema delle Nazioni Unite, il Nuovo Ordine e la Crisi dello Sviluppo Basato sul Capitalismo, Edizioni Associate, Roma, 1988
Bonfils Henry, Manuel de Droit International Public, Paris, 1894
Cansacchi Giorgio, voce: Insurrezione (Diritto Internazionale), in Novissimo Digesto Italiano, vol. VIII, UTET, Torino, 1961
Capasso Maddalena, voce: Guerra, in Novissimo Digesto Italiano, vol. VI, UTET, Torino, 1961
Capasso Maddalena, voce: Guerra Aerea, in Novissimo Digesto Italiano, vol. VI, UTET, Torino, 1961
Cassese Antonio, Diritto Internazionale nel Mondo Contemporaneo, Il Mulino, Bologna, 1984
Cassese Antonio, I Diritti Umani Nel Mondo Contemporaneo, Sagittari Laterza, Bari, 1988
Castrèn Erik, The Present Law of War and Neurality, Helsinki, 1954
Catellani Enrico, Il Diritto Bellico, Torino, 1911
Conforti Benedetto, Diritto Internazionale, Edizione Scientifica, Napoli, 2002
Decleva Matteo, Appunti sui concetti di "Civiltà" e di "Nazioni Civili" nel Diritto Internazionale, R. Università di Trieste Editrice, Trieste, 1937
Einaudi Luigi, La Guerra e l'Unità Europea, Il Mulino, Bologna, 1986
Habermas Jurgen, La Costellazione Postnazionale, Feltrinelli, Milano, 1999
Honrubia Abellàn Victoria, Violazione dei Principi Fondamentali nel Diritto Internazionale, Edizioni Associate, Roma, 1988
Kissinger Henry, L'arte della Diplomazia, Saggi Paperback, Milano, 1996
Kohler Josef, Grundlagen des Volkerrechts, Stuttgart, 1918
Lipartiti Ciro, voce: Consuetudine (Diritto Internazionale), in Novissimo Digesto Italiano, vol. III, UTET, Torino, 1961
Marazzi Alessandro, voce: Combattenti (Diritto Internazionale), in Novissimo Digesto Italiano, vol. III, UTET, Torino, 1961
Miele Alberto, voce: NATO, in Novissimo Digesto Italiano, vol. XII, in Novissimo Digesto Italiano, UTET, Torino, 1961
Monaco Riccardo, voce: Organizzazione Internazionale, in Novissimo Digesto Italiano, vol. XII, UTET, Torino, 1961
Moore Bassett Jonh, A Digest of International Law, vol. I, Boston 1906
Pelanda Carlo e Savona Paolo, Sovranità & Ricchezza, Sperling & Kupfer, Milano, 2001
Pirjevec Joze, Le Guerre Jugoslave 1991-1999, Einaudi, Torino, 2001
Quadri Rolando, Diritto Internazionale Pubblico, Palermo 1956,
Ronzitti Natalino, Diritto Internazionale dei Conflitti Armati, Giappichelli, Torino, 2001
Ronzitti Natalino, Rescuing Nationals Abroad Through Military Coercition And Intervention on Grounds of Humanity, Dordrecht, Boston, 1985
Ronzitti Natalino (ed altri), Nato, Conflitto in Kosovo e Costituzione Italiana, Giuffrè, Milano, 2000
Rousseau Jean-Jacques, Il Contratto Sociale, Einaudi Tascabili, Torino, 1994
Sapienza Rosario, Diritto Internazionale: Casi e Materiali, Giappichelli, Torino, 2002
Sciso Elena, L'Intervento in Kosovo, Aspetti Internazionalistici ed Interni, Giuffrè, Milano, 2001
Senese Salvatore, Un Pianeta Senza Governo, Edizioni Associate, Roma, 1988
Sereni Angelo Piero, Diritto Internazionale, Giuffrè, Milano, 1960
Triepel Heinrich, Diritto Internazionale e Diritto Interno, Torino, 1913
Verdross Alfred, Volkerrecht, Springer, Wien, 1964
Zolo Danilo, Chi Dice Umanità, Einaudi, Torino, 2000
Zolo Danilo, I Signori della Pace. Una Critica al Globalismo Giuridico, Carocci, Roma, 1998


FONTI NORMATIVE:

Carta delle Nazioni Unite, firmata a San Francisco il 26 giugno 1945
Conferenza sulla Sicurezza e sulla Cooperazione Europea (Atto finale), firmato a Helsinki il 1° agosto 1975
Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali, firmato a Roma il 4 novembre 1955
Convenzione sul diritto di guerra, firmato all'Aja il 18 ottobre 1907
Convenzione sul miglioramento della sorte dei feriti e dei malati delle forze armate in campagna, firmata a Ginevra il 12 agosto 1949
Convenzione sul miglioramento della sorte dei feriti, dei malati e dei naufraghi delle forze marittime, firmata a Ginevra il 12 agosto 1949
Convenzione sul trattamento dei prigionieri di guerra, firmata a Ginevra il 12 agosto 1949
Convenzione sulla protezione dei civili in tempo di guerra, firmata a Ginevra il 12 agosto 1949
Convenzione sui sottomarini e l'impiego dei gas, firmata a Washington nel 1922
Convenzione sul diritto dei trattati, firmata a Vienna il 23 maggio 1969
Convenzione sulle relazioni diplomatiche, firmata a Vienna il 18 aprile 1961
Costituzione della Repubblica Italiana (1948)
Costituzione della Repubblica Spagnola (1931)
Costituzione degli Stati Uniti d'America (1787)
Dichiarazione sui proiettili esplosivi, firmata a Pietroburgo il 29 novembre 1868
Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Uomo, firmata a New York il 10 dicembre 1948
Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico, firmato a Washington il 4 aprile 1949
Patto Briand-Kellogg , firmato a Parigi il 27 agosto 1928
Patto della Società delle Nazioni, firmato a Versailles il 25 gennaio 1919
Patto per i diritti civili e politici, firmato a New York il 16 dicembre 1966
Protocollo Addizionale I alle Convenzioni di Ginevra, firmato a Ginevra
Protocollo Addizionale II alle Convenzioni di Ginevra, firmato a Ginevra l'8 giugno 1977
Risoluzione CdS n. 1160, New York, 31 marzo 1998
Risoluzione CdS n. 1199, New York, 23 settembre 1998
Risoluzione CdS n. 1244, New York, 10 giugno 1999
Risoluzione ONU, 2131(XX) "Dichiarazione sull'inammissibilità dell'intervento negli affari interni degli Stati", New York, 21 dicembre 1965
Risoluzione ONU, 2625(XXV) "Dichiarazione sulle relazioni amichevoli", New York, 24 ottobre 1970
Risoluzione ONU, 3314(XXIX) "Definizione di aggressione", New York, 17 settembre 1974
Statuto della Corte Penale Internazionale, firmato a Roma il 15 giugno 1998
Trattato di amicizia, di cooperazione e di mutua assistenza, firmato a Varsavia il 14 maggio 1955
Trattato istitutivo dell' Organizzazione degli Stati Americani, firmato a Bogotà il 30 aprile 1948
Trattato sul sistema di sicurezza collettiva, firmato a Locarne il 16 ottobre 1925
UN doc. S/1999/328, New York, 28 marzo 1999

GIURISPRUDENZA:

Corte Internazionale di Giustizia, Affaire relative à la liceitè de l'emploi de la force, (Serbia Montenegro v. Belgio) 15 dicembre 2004, in C.I.J. Recueil
Corte Internazionale di Giustizia, Activités militaires et paramilitaires au Nicaragua et contre celui-ci, (Nicaragua v. Stati Uniti) 27 giugno 1986, in C.I.J. Recueil
Corte Internazionale di Giustizia, Affaire du plateau continental (Libia v. Malta) 3 giugno 1985
Corte Internazionale di Giustizia, Affaire du plateau continental de la Mer du Nord (Repubblica Federale di Germania v. Danimarca) 20 febbraio 1969
Institut du Droit International, Risoluzione sul principio di non intervento di uno Stato nelle guerre civili, 6-15 agosto 1975
Tribunale penale Internazionale per la ex Jugoslavia, Caso Dusko Tadic alias "Dule", 7 maggio 1997


SITI INTERNET:

www.nato.int
www.icj-cij.org
www.osce.org
www.un.org./documentos
www.corriere.it
www.esteri.it
www.oas.org
www.repubblica.it
www.studiperlapace.it
www.osce.org







RIVISTE E PUBBLICAZIONI

AA.VV. , Conference on Security and Cooperation in Europe: a Polish View, in Polish Institute of International Affairs Review, Varsavia, 1975
Ago Roberto, L'Organizzazione Internazionale dalla società delle Nazioni alle Nazioni Unite, in Contributi allo studio delle organizzazioni internazionali, CEDAM, Padova, 1957
Aloisi Pompeo, Mémorandum sur la Question Ethiopienne, in Journal Officiel de la S.d.N.,
Ginevra, 1935
Camera dei Deputati, Commissione Parlamentare d'Inchiesta sulla vicenda del Cermis, doc. XII-bis n.1, 1999, pag. 177
Distefano Giovanni, Le Conseil de Sécurité et la validation des Traités Conclus Sous la Menace de l'Emploi de la Force, in Les Leçons de la Guerre des Balkans: Approche pluridisciplinaire, Ginevra, 1999
Gallo Domenico, Dal Conflitto fra Guerra e Media al Conflitto fra Guerra e Diritto, in www.altalex.it , ottobre 2005
Glennon Michael J., Legalità ed Uso della Forza, in Aspenia, Milano, 2004
Menotti Giorgio, Che Cosa Resta della NATO, in Limes, Gruppo Editoriale L'Espresso, Milano, 1999
Monaco Riccardo, La Fase Attuale del Regionalismo Internazionale, in Contributi allo Studio delle Organizzazioni Internazionali, CEDAM, Padova, 1957
Monomi Arjan, Che Cosa Vogliono i Kosovari, in Limes, Gruppo Editoriale L'Espresso, Milano, 1999
Palmisano Giuseppe, L'ammissibilità del Ricorso alla Forza Armata a Fini umanitari e la Guerra in Kosovo, in La Comunità Internazionale, Firenze, 2003
Romano Sergio, Che Fare del Consiglio di Sicurezza, in Aspenia, Milano, 2003
Verwey Wil D., Humanitarian Intervention Under International Law, in Netherlands International Law Review, Amsterdam, 1985

 
Clicca sull'icona per scaricare la versione integrale

223.4 kB
 
 
 

Valid HTML 4.01!