Diritto internazionale dei diritti umani e dei conflitti armati: guerra e pace
La Corte Costituzionale ed il diritto dei militari di costituire associazioni professionali a carattere sindacale :: Studi per la pace  
Studi per la pace - home
ultimo aggiornamento: 12.03.2008
   
Studi per la pace - home
Centro studi indipendente di diritto internazionale dei diritti umani e dei conflitti armati - Direttore: Avv. Nicola Canestrini
Conflitti armati Conflitti interni Diritto bellico Diritto internazionale Europa Giurisdizioni internazionali Terrorismo
 
Diritto bellico
La salvaguardia dei diritti dell'uomo durante i conflitti armati e le operazioni militari
Diritto umanitario nell'Islam
Convenzione delle Nazioni Unite del 1989 sui mercenari
Ballestreros report on the use of mercenaries as a means of violating human rights of 1994
II Protocollo aggiuntivo alle Convenzioni di Ginevra del 1949 relativo alla protezione delle vittime dei conflitti armati non internazionali
Convenzione di Ginevra del 1949 sulla protezione dei civili
Convenzione di Ginevra del 1949 sul trattamento dei prigionieri
Convenzione di Ginevra del 1949 sulla sorte dei feriti sul mare
Convenzione di Ginevra del 1949 sulla sorte dei feriti in campagna
I Protocollo aggiuntivo alle Convenzioni di Ginevra del 1949 relativo alla protezione delle vittime dei conflitti armati internazionali
Convenzione di Ginevra per il miglioramento della sorte dei feriti in campagna del 22 agosto 1864
Il Codice Lieber del 1863
II Convenzione internazionale dell' Aja del 1899 su leggi ed usi della guerra terrestre
Convenzione internazionale dell' Aja del 1907 su leggi ed usi della guerra terrestre
The Laws of War on Land (Manuale di Oxford) 1880
Dichiarazione di S. Pietroburgo del 1868
Convenzioni di diritto bellico ratificate o firmate dall'Italia
Private Military Companies: Options for Regulation
OUA convention for the elimination of mercenarism in Africa 1977
L'invisibile Codice della Guerra
I soggetti delle migrazioni forzate
Regole d'ingaggio e diritto all'autodifesa. Riflessioni e suggerimenti
Ordine superiore e responsabilitÓ dell'individuo nei crimini internazionali
Diritto e Forze armate. Nuovi Impegni
Azioni militari da parte di forze internazionali
Profili attuali di diritto umanitario dei conflitti armati
Corpi di spedizione all'estero tra codici penali di guerra e codici penali di pace
Politica internazionale e sicurezza internazionale
Ordinamento democratico e impiego delle forze armate oltre i confini
Ridefinire la sicurezza
Profili costituzionali della gestione delle emergenze
SovranitÓ, diritto, forza
Status delle forze armate nelle missioni di pace
Dalla cooperazione alla frattura: i rapporti fra Nazioni Unite e NATO alla luce della crisi jugoslava
Il sacramentum militari
Il ruolo attuale delle organizzazioni regionali per il mantenimento della pace e della sicurezza internazionale in Europa
Nuovi impegni giudiziari tra giurisdizione penale internazionale e nazionale
Nonnismo. profili di tutela penale
Dovere di difesa militare, obiezione di coscienza, servizio civile
Problemi attuali del diritto internazionale penale
L'ordine criminoso nei recenti progetti di riforma del codice penale italiano e nella disciplina internazionale penale
Disciplina militare, forze di polizia, forze militari (a proposito di spirito democratico).
I "reati contro il servizio militare" e i "reati contro la pace e la sicurezza dell'umanitÓ" delineati nel codice penale russo del 1997
Il servizio militare femminile
La legislazione italiana sul controllo delle esportazioni di armi
Libro Bianco 2002
Rapporto Tabuga: violazioni dei diritti umani in Iraq (en)
Diritto internazionale bellico
Il trattato ABM. Il rapporto tra le due superpotenze dall'equilibrio del terrore allo scudo spaziale di Bush
L'eccezionale (recente) sviluppo del diritto penale internazionale in tema di crimini di guerra ed il problema dell'adeguamento della legislazione interna
La legittima difesa nella Carta delle Nazioni Unite
Operazioni delle NU per il mantenimento della pace ed obblighi di diritto internazionale umanitario
Patto di Parigi di rinuncia alla Guerra (Briand Kellog)
La protezione dei bambini soldato: una scommessa per il diritto delle genti
Convenzione di Ottawa sulle mine antipersona
L'uso delle mine nella guerra terrestre e diritto internazionale umanitario
L'ordine del superiore e lo stato di necessitÓ derivante da minaccia nel diritto penale internazionale
 
Diritto bellico Hits: 280 
Diritto militare italiano Antonino Romeo
 
Versione integrale

91.9 kB
La Corte Costituzionale ed il diritto dei militari di costituire associazioni professionali a carattere sindacale
Conferenza

Intervento al
CONVEGNO DI STUDI GIURIDICI
PADOVA, 30 NOVEMBRE 2000

Diritto e Forze armate. Nuovi Impegni

UNIVERSIT└ DEGLI STUDI DI PADOVA
Dipartimento di Diritto Pubblico, Internazionale e Comunitario.
Regione Militare Nord.

Testi provvisori; trascrizioni non ufficiali.
Tutti gli interventi sono leggibili e scaricabili cliccando qui.

Si ringrazia Silvio Riondato (www.riondato.com) per la disponibilitÓ.

Pubblicazioni
Centro italiano Studi per la pace
www.studiperlapace.it - no ©
Documento aggiornato al: 2000

 
Sommario

Il riconoscimento del diritto per gli appartenenti alle Forze armate di costituire associazioni professionali a carattere sindacale non ha nulla a che vedere con la "specialitÓ" del servizio nÚ con la coesione interna e la neutralitÓ dell'ordinamento militare.

 
Abstract
 

Con sentenza n. 449 del 13 dicembre 1999, la Corte Costituzionale ha dichiarato non fondata la questione di legittimit? costituzionale dell’art. 8, 1° comma della l. 11 luglio 1978, n. 382 (norme di principio sulla disciplina militare), questione sollevata,in riferimento agli artt.3, 39 e 52 3° comma della Costituzione, dal Consiglio di Stato.
La Corte riconosce che l’ordinamento delle Forze Armate di cui parla l’art.52, 3° comma della Costituzione non sta ad indicare una inammissibile estraneità all’ordinamento generale dello Stato ma riassume semplicemente la specialit? della funzione.
La Corte ribadisce che la relativa normativa non è avulsa dal sistema generale delle garanzie costituzionali.
La Corte ricorda (sentenza n.278 del 1987) che la Costituzione repubblicana supera radicalmente la logica istituzionalistica dell’ordinamento militare giacché quest’ultimo deve essere ricondotto nell’ambito del generale ordinamento statale ”rispettoso e garante dei diritti sostanziali e processuali di tutti i cittadini”.
La Corte conclude sul punto affermando che la garanzia dei diritti fondamentali di cui sono titolari i singoli cittadini militari non recede di fronte alle esigenze della struttura militare, sicché meritano tutela anche le istanze collettive degli appartenenti alle Forze Armate, al fine di assicurare la conformità dell’ordinamento militare allo spirito democratico della Repubblica.
Dopo tutte queste apprezzabili dichiarazioni di principio ci si aspetterebbe di leggere che l’art. 8, 1° comma l n.382 cit. è incostituzionale dal momento che vieta “tout court” ai militari di costituire associazioni professionali a carattere sindacale e di aderire ad altre associazioni sindacali, diritti contemplati per tutti i cittadini dall’art.39, 1° comma della Costituzione.
Sennonché, la Corte Costituzionale ritiene, contraddittoriamente, che il divieto di esercitare, da parte dei militari, tali diritti sia legittimo stante la “specialit?” del servizio reso dai militari (art. 52 1° e 2° comma della Costituzione)!
Secondo la Corte, infatti, la declaratoria di illegittimità costituzionale dell’art.8 nella parte denunciata aprirebbe inevitabilmente la via ad organizzazioni la cui attività potrebbe risultare non compatibile con i caratteri di coesione interna e neutralit? dell’ordinamento militare.
Ora, tale giustificazione risulta palesemente assurda sol che si ponga mente alla circostanza che il richiamo fatto dalla Corte all’art.52 1° e 2° co. Cost. non ha niente a che vedere con la “specialit?” del servizio. Infatti il dovere sacro di difesa della Patria riguarda tutti i cittadini senza alcuna distinzione, potendo giustificare anche obblighi di mobilitazione civile ed anche atti di resistenza individuale e collettiva alla eventuale occupazione di Forze armata straniere.
Inoltre, l’obbligatoriet? del servizio militare riguarda la coscrizione obbligatoria, imponendo ai chiamati una prestazione personale a favore dello Stato.
Tutto ciò, dunque, non concerne la coesione e la neutralità dell’ordinamento militare. Cade il fondamento giustificativo del rigetto operato dalla Corte.
In modo non migliore la Corte motiva circa la invocata disparità di trattamento tra gli appartenenti alle Forze armate e gli appartenenti alla Polizia di Stato.
Osserva a tal proposito la Corte che il legislatore ha riconosciuto una circoscritta libertà sindacale alla Polizia di Stato, ma ciò ha disposto contestualmente alla smilitarizzazione di tale corpo il quale ha oggi caratteristiche che lo differenziano nettamente dalle Forze armate.
Una più ponderata riflessione sulla natura dei due ordinamenti avrebbe dovuto portare a conclusioni del tutto diverse.
Innanzitutto, la Corte ha dimenticato di leggere l’art.3 1° comma della l. 1° aprile 1981 n. 181., a tenore del quale “L’Amministrazione della Pubblica Sicurezza è civile ed ha un ordinamento speciale”.
Dunque, anche la Polizia costituisce come le Forze armate un ordinamento speciale finalizzato ad un servizio speciale cioè la tutela dell’ordine e della sicurezza pubblica (cfr. art.2 l. n.121 cit.) così come le Forze armate costituiscono un ordinamento speciale finalizzato, come compito prioritario, alla difesa dello Stato (cfr. art.1 3° comma della l.14 novembre 2000, n.331).
La Corte ha altresì dimenticato di considerare che, al contrario degli appartenenti alla Polizia, gli appartenenti alle Forze armate sono soggetti, come tali, non soltanto alle sanzioni disciplinari, ma anche e soprattutto a tutta una serie di sanzioni penali codificate nei codici penali militari. Perciò non si riesce a capire come sia possibile al contempo da un lato giustificare l’esistenza del diritto di associazione sindacale per gli appartenenti al Corpo di Polizia (che hanno il compito attuale di tutelare l’ordinamento e la sicurezza pubblica ed i cui comportamenti nell’ambito del servizio, penalmente sanzionabili, non sono minuziosamente descritti in un codice penale “ad hoc”) e dall'altro lato negare lo stesso diritto agli appartenenti alle Forze armate che hanno il compito prioritario ma eventuale di difesa dello Stato ed i cui comportamentinell’ambito del servizio, penalmente sanzionabili, sono minuziosamente descritti nei vigenti codici penali militari!
La conclusione cui si perviene, pertanto, se la logica ha ancora un senso, è diametralmente opposta alla conclusione cui è pervenuta la Corte Costituzionale: 1) il riconoscimento del diritto per gli appartenenti alle Forze armate di costituire associazioni professionali a carattere sindacale non ha nulla a che vedere con la “specialità” del servizio né con la coesione interna e la neutralità dell’ordinamento militare; 2) se per pura ipotesi si volesse opinare il contrario allora non si potrebbe giustificare il riconoscimento di tale diritto agli appartenenti alla Polizia di Stato che, come abbiamo evidenziato, costituiscono anch’essi un ordinamento speciale, hanno il compito attuale e non eventuale di tutelare valori essenziali come l’ordine e la sicurezza pubblica e, per finire, non hanno alcun codice penale speciale che sanzioni i loro comportamenti. Si può tranquillamente affermare che mentre il Consiglio di Stato, con la questione di legittimità costituzionale sollevata, ha motivato le ragioni giuridiche dell’incostituzionalità dell’art. 8, 1° co. l. n. 382 cit., la Corte Costituzionale si è sottratta ai suoi compiti ricorrendo, per giustificare la propria decisione, a ragioni che giuridiche non sono.

 
Clicca sull'icona per scaricare la versione integrale

91.9 kB