Diritto internazionale dei diritti umani e dei conflitti armati: guerra e pace
Disciplina militare, forze di polizia, forze militari (a proposito di spirito democratico). :: Studi per la pace  
Studi per la pace - home
ultimo aggiornamento: 12.03.2008
   
Studi per la pace - home
Centro studi indipendente di diritto internazionale dei diritti umani e dei conflitti armati - Direttore: Avv. Nicola Canestrini
Conflitti armati Conflitti interni Diritto bellico Diritto internazionale Europa Giurisdizioni internazionali Terrorismo
 
Diritto bellico
La salvaguardia dei diritti dell'uomo durante i conflitti armati e le operazioni militari
Diritto umanitario nell'Islam
Convenzione delle Nazioni Unite del 1989 sui mercenari
Ballestreros report on the use of mercenaries as a means of violating human rights of 1994
II Protocollo aggiuntivo alle Convenzioni di Ginevra del 1949 relativo alla protezione delle vittime dei conflitti armati non internazionali
Convenzione di Ginevra del 1949 sulla protezione dei civili
Convenzione di Ginevra del 1949 sul trattamento dei prigionieri
Convenzione di Ginevra del 1949 sulla sorte dei feriti sul mare
Convenzione di Ginevra del 1949 sulla sorte dei feriti in campagna
I Protocollo aggiuntivo alle Convenzioni di Ginevra del 1949 relativo alla protezione delle vittime dei conflitti armati internazionali
Convenzione di Ginevra per il miglioramento della sorte dei feriti in campagna del 22 agosto 1864
Il Codice Lieber del 1863
II Convenzione internazionale dell' Aja del 1899 su leggi ed usi della guerra terrestre
Convenzione internazionale dell' Aja del 1907 su leggi ed usi della guerra terrestre
The Laws of War on Land (Manuale di Oxford) 1880
Dichiarazione di S. Pietroburgo del 1868
Convenzioni di diritto bellico ratificate o firmate dall'Italia
Private Military Companies: Options for Regulation
OUA convention for the elimination of mercenarism in Africa 1977
L'invisibile Codice della Guerra
I soggetti delle migrazioni forzate
Regole d'ingaggio e diritto all'autodifesa. Riflessioni e suggerimenti
Ordine superiore e responsabilitÓ dell'individuo nei crimini internazionali
Diritto e Forze armate. Nuovi Impegni
Azioni militari da parte di forze internazionali
Profili attuali di diritto umanitario dei conflitti armati
Corpi di spedizione all'estero tra codici penali di guerra e codici penali di pace
Politica internazionale e sicurezza internazionale
Ordinamento democratico e impiego delle forze armate oltre i confini
Ridefinire la sicurezza
Profili costituzionali della gestione delle emergenze
SovranitÓ, diritto, forza
Status delle forze armate nelle missioni di pace
Dalla cooperazione alla frattura: i rapporti fra Nazioni Unite e NATO alla luce della crisi jugoslava
Il sacramentum militari
Il ruolo attuale delle organizzazioni regionali per il mantenimento della pace e della sicurezza internazionale in Europa
Nuovi impegni giudiziari tra giurisdizione penale internazionale e nazionale
Nonnismo. profili di tutela penale
Dovere di difesa militare, obiezione di coscienza, servizio civile
Problemi attuali del diritto internazionale penale
L'ordine criminoso nei recenti progetti di riforma del codice penale italiano e nella disciplina internazionale penale
I "reati contro il servizio militare" e i "reati contro la pace e la sicurezza dell'umanitÓ" delineati nel codice penale russo del 1997
La Corte Costituzionale ed il diritto dei militari di costituire associazioni professionali a carattere sindacale
Il servizio militare femminile
La legislazione italiana sul controllo delle esportazioni di armi
Libro Bianco 2002
Rapporto Tabuga: violazioni dei diritti umani in Iraq (en)
Diritto internazionale bellico
Il trattato ABM. Il rapporto tra le due superpotenze dall'equilibrio del terrore allo scudo spaziale di Bush
L'eccezionale (recente) sviluppo del diritto penale internazionale in tema di crimini di guerra ed il problema dell'adeguamento della legislazione interna
La legittima difesa nella Carta delle Nazioni Unite
Operazioni delle NU per il mantenimento della pace ed obblighi di diritto internazionale umanitario
Patto di Parigi di rinuncia alla Guerra (Briand Kellog)
La protezione dei bambini soldato: una scommessa per il diritto delle genti
Convenzione di Ottawa sulle mine antipersona
L'uso delle mine nella guerra terrestre e diritto internazionale umanitario
L'ordine del superiore e lo stato di necessitÓ derivante da minaccia nel diritto penale internazionale
 
Diritto bellico Hits: 596 
Diritto militare italiano Silvio riondato
 
Versione integrale

58.9 kB
Disciplina militare, forze di polizia, forze militari (a proposito di spirito democratico).
Conferenza

Intervento al
CONVEGNO DI STUDI GIURIDICI
PADOVA, 30 NOVEMBRE 2000

Diritto e Forze armate. Nuovi Impegni

UNIVERSIT└ DEGLI STUDI DI PADOVA
Dipartimento di Diritto Pubblico, Internazionale e Comunitario.
Regione Militare Nord.

Testi provvisori; trascrizioni non ufficiali.
Tutti gli interventi sono leggibili e scaricabili cliccando qui.

Si ringrazia Silvio Riondato (www.riondato.com) per la disponibilitÓ.

Pubblicazioni
Centro italiano Studi per la pace
www.studiperlapace.it - no ©
Documento aggiornato al: 2000

 
Sommario

La nozione di difesa armata è unitaria, nel più ampio quadro della difesa (non soltanto armata ) della Patria (art. 52, co. 1, Cost.).

 
Abstract
 

La nozione di difesa armata è unitaria, nel più ampio quadro della difesa (non soltanto armata ) della Patria (art. 52, co. 1, Cost.). Unitaria è la garanzia che ogni organizzazione armata (Forza armata), quale strumento di tale difesa, sia disciplinata secondo lo <> come impone l'art. 52, co. 3, Cost. La forza armata sta, non esclusivamente, a fondamento del diritto, in quanto contribuisce ad assicurarne l'effettività. Il diritto prevede la forza armata e la disciplina quale strumento della sua difesa contro offese non importa se provenienti dall'interno o dall'esterno , garantendo anzitutto che tale forza rispetti il diritto stesso e quindi non sia essa stessa un mezzo di offesa. Contro chi detiene materialmente la forza le cautele si rafforzano e anche perciò trovano espressione in Costituzione.

Se ci sono organizzazioni che detengono armi, cioè forze armate in senso costituzionale, valgono le menzionate indicazioni costituzionali, quale che sia il nome e il modello organizzativo di tali forze . Ciò vale, tra l'altro, per le forze armate di polizia, che sono forze armate in senso costituzionale proprio, anche agli effetti della democraticità ordinamentale pretesa dall'art. 52, co. 3, Cost. Del resto, non esiste una distinzione di principio tra compiti militari e compiti di polizia armata, come dimostrano per esempio certi casi-limite: le operazioni militari di c.d. polizia internazionale, le operazioni di polizia contro l'immigrazione clandestina, le operazioni di lotta (guerra) dirette a riconquistare territori e popoli dominati da ordinamenti di criminalità organizzata. Nello stato mondiale verso il quale tendiamo, l'ordine pubblico è sempre interno, le guerre sono tutte guerre civili, le forze armate sono null'altro che forze di polizia armata.

Al disposto costituzionale non sfuggono i fenomeni di proliferazione (scoordinata e spesso inutile quando non dannosa) degli apparati di polizia armata , proliferazione che ormai non solo tende a dilagare disordinatamente senza chiari limiti e finalità in sede comunale, regionale etc., ma anche è pericolosamente rivolta a svilupparsi grandemente in forme "privatizzate", legittime e no.

A livello di legislazione ordinaria si è verificato il curioso fenomeno della c.d. "smilitarizzazione" della Polizia di Stato, il quale ha comportato un incremento della democraticità ordinamentale predetta, nel senso della valorizzazione delle libertà individuali, perfino con riguardo all'esercizio di tali libertà in forma collettiva e includendo la libertà sindacale (art. 39 Cost.) - escluso però, ovviamente, il diritto di sciopero (art. 40 Cost.) e altro. Non è un modello perfetto, potrebbe essere riveduto. Comunque, è paradossale che si debba togliere il nome militare ad una forza che è armata, al fine di raggiungere un obiettivo che la Costituzione impone con riguardo alle Forze armate in tutte le loro espressioni. E' evidente, allora, che l'opera di concretizzazione dello spirito democratico nello stesso senso non si è ancora svolta ma potrebbe e in principio dovrebbe esserlo con riguardo alle restanti forze armate che vengon dette "militari" sul piano sub-costituzionale. Oggi sperimentiamo l'assurdo per cui il nome militare, anziché esprimere il servizio alle armi in funzione di difesa e il correlato apparato amministrativo, finisce per designare, a livello di legge ordinaria, forze il cui ordinamento ancora necessita di adeguamento allo spirito costituzionale.

Rimangono da stabilire mezzi e modi di tale adeguamento. A questo riguardo, una recente sentenza della corte costituzionale ha sorprendentemente mancato un'occasione storica, dichiarando non fondata la questione di legittimità costituzionale dell'art. 8, co, 1, l. 11 luglio 1978, n. 382 (Norme di principio sulla disciplina militare), nella parte in cui tale articolo fa divieto ai militari di <> ovvero di <>. La Corte ha criticabilmente omesso di motivare in punto di ritenuta diversità tra forze di polizia e forze militari; ha, inoltre, confuso tra libertà sindacale ed esercizio della medesima - solo quest'ultimo può essere limitato - e ha paventato imprecisati pericoli nonostante non fossero in questione pretese al diritto di sciopero .

Peraltro, la Consulta ha indicato quanto meno vie immediate di sviluppo valorizzando il ruolo delle rappresentanze militari, le procedure di concertazione e altro, anche sulla scorta del programma all'epoca trasfuso nell'art. 18 della legge-delega 28 luglio 1999, n. 266. Questo programma va inteso come tappa di un percorso più lungo che di certo non si è concluso col decreto legislativo di attuazione (n. 129/2000). Come la Corte costituzionale ha sancito in pronunzie molto più limpide e distaccate, l'adeguamento allo spirito democratico implica l'assicurazione > del godimento dei diritti costituenti il patrimonio inviolabile della persona umana>>, per cui sono escluse (soltanto) irragionevoli copressioni derivanti dalla considerazione del pur indubbio <> dell'interesse al <> ; sono ammessi trattamenti speciali che trovino <> , ma tenendo conto che la democraticità dell'ordinamento delle forze armate deve essere attuata <> , che <> , e che tramite le rappresentanze militari <> .

E' opportuno riflettere sul fatto che la legge sui principi della disciplina militare risale al 1978. Per certi versi non è più adeguata, così come il relativo regolamento dell'86, alle odierne esigenze , tanto meno al progettato "esercito di professionisti" (l. 14 novembre 2000, n. 331). Occorre valorizzare di più il <> che caratterizza la figura del cittadino-militare disegnata nel '78, in modo tale che il progetto di professionalizzazione non diventi l'esca di sempre incombenti rigurgiti di "separatezza" giuridica tra il mondo civile e il mondo militare. L'impresa militare, se saprà investire bene sulla civiltà giuridica, ne guadagnerà in legittimazione di fronte anzitutto ai suoi stessi componenti, e quindi incrementerà anche la propria produttività, mentre porrà così condizioni imprescindibili all'acquisizione di consenso sociale.

Tuttavia, sarà difficile raggiungere questi obiettivi, se non si dimostrerà che a livello individuale, nonché collettivo, esistono davvero quel senso di responsabilità e quella consapevole partecipazione che vorrebbero sostanziare l'odierna versione giuridica dello spirito militare, all'insegna dell'assoluta fedeltà alle istituzioni repubblicane. Sotto questo profilo, l'efficienza dello strumento militare richiede che si evitino esasperazioni e strumentalizzazioni dell'eventuale conflittualità, nonché pretese irrealizzabili da parte dell'azienda o da parte del personale, e modelli concepiti per realtà nient'affatto omogenee. Allo scopo può servire una sapiente poroceduralizzazione dei conflitti, orientata però effettivamente alla composizione partecipata e responsabile, e non alla burocratizzazione gerarchizzata atrasparente. La c.d. istituzionalizzazione del dissenso è incompatibile con lo spirito democratico.

D'altra parte, sarebbe bene evitare di dover prendere lezioni da autorità internazionali o sovranazionali, dal momento che sui lavoratori in servizio alle armi già si riflettono, a tacer d'altro, la Convenzione europea dei diritti dell'uomo e molte convenzioni internazionali giuslavoristiche che al più ammettono limiti soltanto all'esercizio delle libertà sindacali degli appartenenti alle Forze armate e ai Corpi di polizia . Ormai perfino il diritto comunitario interviene in ambito militare, ed è significativo che in sede comunitaria si adotti una nozione di "pubblica sicurezza" che prescinde da distinzioni tra sicurezza interna e sicurezza esterna, come ha sempre ribadito la Corte di Giustizia delle Comunità Europee, la quale già più volte è entrata nel merito di questioni di rilevanza militare . Nell'ambito dell'Unione Europea, laddove di recente è sorta la Forza di Reazione Rapida Europea, le forze armate (davvero) europee dovrebbero fin dall'inizio godere di uno statuto che ne chiarisse trasparentemente compiti e limiti, quindi i diritti e i doveri che il cittadino europeo (militare e no) vanta al riguardo, secondo i principi sanciti dall'articolo 6 (in part., co. 1 e 2) del Trattato UE. E così pure dicasi per la polizia europea che al contempo sta vieppiù sviluppando i propri poteri, oltretutto senza che ne siano chiari i limiti .

 
Clicca sull'icona per scaricare la versione integrale

58.9 kB