Diritto internazionale dei diritti umani e dei conflitti armati: guerra e pace
I soggetti delle migrazioni forzate :: Studi per la pace  
Studi per la pace - home
ultimo aggiornamento: 12.03.2008
   
Studi per la pace - home
Centro studi indipendente di diritto internazionale dei diritti umani e dei conflitti armati - Direttore: Avv. Nicola Canestrini
Conflitti armati Conflitti interni Diritto bellico Diritto internazionale Europa Giurisdizioni internazionali Terrorismo
 
Diritto bellico
La salvaguardia dei diritti dell'uomo durante i conflitti armati e le operazioni militari
Diritto umanitario nell'Islam
Convenzione delle Nazioni Unite del 1989 sui mercenari
Ballestreros report on the use of mercenaries as a means of violating human rights of 1994
II Protocollo aggiuntivo alle Convenzioni di Ginevra del 1949 relativo alla protezione delle vittime dei conflitti armati non internazionali
Convenzione di Ginevra del 1949 sulla protezione dei civili
Convenzione di Ginevra del 1949 sul trattamento dei prigionieri
Convenzione di Ginevra del 1949 sulla sorte dei feriti sul mare
Convenzione di Ginevra del 1949 sulla sorte dei feriti in campagna
I Protocollo aggiuntivo alle Convenzioni di Ginevra del 1949 relativo alla protezione delle vittime dei conflitti armati internazionali
Convenzione di Ginevra per il miglioramento della sorte dei feriti in campagna del 22 agosto 1864
Il Codice Lieber del 1863
II Convenzione internazionale dell' Aja del 1899 su leggi ed usi della guerra terrestre
Convenzione internazionale dell' Aja del 1907 su leggi ed usi della guerra terrestre
The Laws of War on Land (Manuale di Oxford) 1880
Dichiarazione di S. Pietroburgo del 1868
Convenzioni di diritto bellico ratificate o firmate dall'Italia
Private Military Companies: Options for Regulation
OUA convention for the elimination of mercenarism in Africa 1977
L'invisibile Codice della Guerra
Regole d'ingaggio e diritto all'autodifesa. Riflessioni e suggerimenti
Ordine superiore e responsabilità dell'individuo nei crimini internazionali
Diritto e Forze armate. Nuovi Impegni
Azioni militari da parte di forze internazionali
Profili attuali di diritto umanitario dei conflitti armati
Corpi di spedizione all'estero tra codici penali di guerra e codici penali di pace
Politica internazionale e sicurezza internazionale
Ordinamento democratico e impiego delle forze armate oltre i confini
Ridefinire la sicurezza
Profili costituzionali della gestione delle emergenze
Sovranità, diritto, forza
Status delle forze armate nelle missioni di pace
Dalla cooperazione alla frattura: i rapporti fra Nazioni Unite e NATO alla luce della crisi jugoslava
Il sacramentum militari
Il ruolo attuale delle organizzazioni regionali per il mantenimento della pace e della sicurezza internazionale in Europa
Nuovi impegni giudiziari tra giurisdizione penale internazionale e nazionale
Nonnismo. profili di tutela penale
Dovere di difesa militare, obiezione di coscienza, servizio civile
Problemi attuali del diritto internazionale penale
L'ordine criminoso nei recenti progetti di riforma del codice penale italiano e nella disciplina internazionale penale
Disciplina militare, forze di polizia, forze militari (a proposito di spirito democratico).
I "reati contro il servizio militare" e i "reati contro la pace e la sicurezza dell'umanità" delineati nel codice penale russo del 1997
La Corte Costituzionale ed il diritto dei militari di costituire associazioni professionali a carattere sindacale
Il servizio militare femminile
La legislazione italiana sul controllo delle esportazioni di armi
Libro Bianco 2002
Rapporto Tabuga: violazioni dei diritti umani in Iraq (en)
Diritto internazionale bellico
Il trattato ABM. Il rapporto tra le due superpotenze dall'equilibrio del terrore allo scudo spaziale di Bush
L'eccezionale (recente) sviluppo del diritto penale internazionale in tema di crimini di guerra ed il problema dell'adeguamento della legislazione interna
La legittima difesa nella Carta delle Nazioni Unite
Operazioni delle NU per il mantenimento della pace ed obblighi di diritto internazionale umanitario
Patto di Parigi di rinuncia alla Guerra (Briand Kellog)
La protezione dei bambini soldato: una scommessa per il diritto delle genti
Convenzione di Ottawa sulle mine antipersona
L'uso delle mine nella guerra terrestre e diritto internazionale umanitario
L'ordine del superiore e lo stato di necessità derivante da minaccia nel diritto penale internazionale
 
Diritto bellico Hits: 2262 
Conseguenze dei conflitti: gli sfollati D.ssa Francesca Cazzato
 
Versione integrale

569.3 kB
I soggetti delle migrazioni forzate
Tesi di laurea

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI
Facoltà di Scienze Politiche
Corso di laurea in Scienze Politiche
Tesi in Sociologia Giuridica

Titolo origiario:
INTERNALLY DISPLACED PERSONS (IDP'S): SOGGETTIVITÀ MIGRANTI

Relatore:
Chiar.mo Prof. Francesco Saverio Nisio

Anno Accademico 2003-2004
Pubblicazioni
Centro italiano Studi per la pace
www.studiperlapace.it - no ©
Documento aggiornato al: 2004

 
Sommario

Si calcola che nel 1999 in tutto il mondo ci fossero circa 20 milioni di sfollati in circa 40 Paesi: gli sfollati (IDPs) non sono un fenomeno dei soli paesi del Terzo Mondo, ma ne abbiamo un esempio nella moderna Europa (basti pensare all'ex Jugoslavia). Ma come si può affrontare questo problema dal punto di vista giuridico e operativo? Come affrontare le situazioni di quelle popolazioni a cui viene a mancare la tutela dei diritti umani all'interno di uno Stato, senza dover ricorre alle guerre preventive che certo non sono risolutive?

 
Indice dei contenuti
 
INTRODUZIONE

CAPITOLO 1
GLOBALIZZAZIONE E MIGRAZIONI


1. GLOBALIZZAZIONE ED EFFETTI NEI PROCESSI MIGRATORI
2. LOTTA ALLE MIGRAZIONI IRREGOLARI
3. LA CHIUSURA DELLE FRONTIERE: EFFETTI SUI MIGRANTI FORZATI
4. CRESCE L'ATTENZIONE INTERNAZIONALE PER LE MIGRAZIONI FORZATE

CAPITOLO 2
DIRITTI UMANI ALL'INTERNO DEL NUOVO ORDINE MONDIALE


1. SOVRANITÀ E MODIFICHE NELLA TUTELA DEGLI INDIVIDUI
2. LA TUTELA DEGLI INDIVIDUI NEL DIRITTO INTERNAZIONALE E NEL DIRITTO UMANITARIO INTERNAZIONALE
3. IL MODELLO COSMOPOLITICO

CAPITOLO 3
GUERRA MODERNA E CONFLITTI ETNICI


1. TEORIA GENERALE DEI CONFLITTI
2. VECCHIE E NUOVE GUERRE
3. CONFLITTO ETNICO
4. NAZIONALISMO E CONFLITTO ETNICO
5. GUERRA UMANITARIA

CAPITOLO 4
INTERNALLY DISLACED PERSONS: SOGGETTI DELLE MIGRAZIONI FORZATE


1. CHI SONO GLI INTERNALLY DISPLACED PERSONS IDPs
2. DIFFERENZA TRA IDPs E RIFUGIATI
3. INTERVENTO SUL CAMPO: SUPPORTO AGLI IDPs
4. DIBATTITO LEGALE SULLA CONDIZIONE DI IDPs


CAPITOLO 5
DISSOLUZIONE DELLA JUGOSLAVIA ED EFFETTI NELLE MIGRAZIONI INTERNE NEL CASO KOSOVO


1. NAZIONALISMO BALCANICO E DISSOLUZIONE DELLA JUGOSLAVIA
2. INTERVENTO MILITARE IN KOSOVO: CONSEGUENZE SULLA POPOLAZIONI CIVILI
3. IL KOSOVO DOPO LA GUERRA
4. IDPs IN SERBIA: CONDIZIONE GIURIDICA

CONCLUSIONI
 
Abstract
 

I profughi e più in generale chi scappa da situazioni di guerra o catastrofe naturale, vengono convenzionalmente definiti dagli operatori umanitari internally displaced persons (IDPs).

A causa dell'ormai avviato processo verso la fine dello Stato nazione e della modifiche negli equilibri internazionali, essi un fenomeno che necessita di nuove forme di tutela li liberi dal vuoto di competenze in cui versano.

Occuparsi di IDPs, significa distinguere tra un piano teorico-giuridico, e quello pratico del lavoro sul campo. Le forme di aiuto di cui beneficiano gli IDPs, sono nella maggior parte delle situazioni frutto della diretta esperienza, sensibilità e volontà di operatori umanitari.

Nel 1992 in un documento redatto dal Segretario Generale delle Nazioni Unite, prepose di operare per mettere d'accordo gli operatori e le Organizzazioni Governative e quelle non governative (ONG), che lavorano in situazione di emergenza con vittime civili, su una definizione comune di IDPs .

Nel 1998 che grazie al lavoro condotto da Frencis R. Deng lo Speciale Rappresentate dell'Acnur sulle questioni degli IDPs che si comincia a monitorare l'espansione mondiale del fenomeno. Gli obiettivi del rappresentante F.R.Deng sono sostanzialmente tre:

1) redigere un'analisi delle norme legali a tutela degli IDPs,

2) analizzare l'esistenza di aspetti istituzionale e coordinare le agenzie dell'ONU,

3) ultimo compito è quello di visitare personalmente i luoghi con presenza di sfollati per redigere dei rapporti conoscitivi sulle varie situazioni.

Il primo obbiettivo è stato raggiunto sono stati compilati e tracciati gli aspetti normativi della protezione agli IDPs, che potessero essere di aiuto nel lavoro sul campo per coloro che ad essi rivolgevano il loro lavoro.

Ciò è stato fatto attraverso la stesura della "The Guiding Principals" un documento prodotto da un team di esperti legali di livello internazionale, con la collaborazione dell'ACNUR che ha immaginato una serie di situazioni base nella quale le agenzie ONU, altre agenzie governative, agenzie non governative (ONG) e rappresentanze regionali, avrebbero potuto incontrare sul campo. In questa occasione è stata stilata una definizione di IDPs:

"persone o gruppi di persone che sono state costrette a fuggire o forzate a fuggire o lasciare la loro abituale residenza che non abbiano attraversato una frontiera internazionalmente riconosciuta, in modo particolare come risultato di un confitto,o in modo da evitare un conflitto armato,per situazioni di generale violenza, violazione dei diritti umani o disastri naturali o dall'uomo provocati ".

La definizione fornisce una panoramica abbastanza ampia dei motivi che determinano il displacement (spostamento) su un territorio, tra i motivi elencati nella definizione, sicuramente il più comune per lo spostamento di popolazione è configurato nei conflitti. Nel passato la maggioranza dei conflitti avveniva tra stati. Lo spostamento di popolazione civile era un effetto delle ostilità e gli sfollati potevano contare sul supporto fornito dal loro governo e dal resto dei cittadini. Lo spirito di solidarietà viene invece a diminuire e a mancare in situazione di conflitto civile, in quanto gruppi particolari di persone vengono identificate con il nemico e bersagliate.

Disperdere la popolazione sul territorio risulta essere parte di una strategia, per indebolire l'avversario e privarlo del supporto dei civili, a volte però costringere la popolazione a migrare in modo forzato rappresenta l'obbiettivo del conflitto. Inoltre, mentre i conflitti del passato erano combattuti tra eserciti regolari, oggi gli attori non statali, quali eserciti irregolari e forze paramilitari diventano i responsabili nei casi di sfollamento.

Sebbene "The Guiding Principals" non siano uno strumento da utilizzare obbligatoriamente né da parte degli operatori, né da parte degli stati in cui si verificano fenomeni di displacement, in essa è racchiusa una consapevolezza giuridica che ne fa lo strumento più adatto da impiegare. Esse si basano su esistenti norme di diritto umanitario, di difesa dei diritti umani e su norme di difesa dei rifugiati.

Il documento che è redatto in 30 punti chiave cerca d'individuare le specifiche necessità degli sfollati. Ad esempio si esplicita, laddove nel passato era solo un fatto implicito, che gli IDPs non possono essere rispediti con la forza in zone non sicure, si prevedono particolari protezioni per le donne e i bambini, gli sfollati hanno diritto ad un indennizzo o una riparazione per i beni mobili o immobili perduti (art. 21) e di protezione dell'integrità fisica e psichica (art. 10).

Osservando infatti con più attenzione l'articolo 10 si nota che è diviso in due paragrafi, il primo si basa sulla legislazione a tutela dei Diritti Umani in particolare con riferimento al Convenzione sui Diritti Civili e Politici mentre il secondo paragrafo considera il diritto alla vita e all'integrità fisica in situazioni di conflitto armato e in particolare fanno riferimento a due dei Protocolli Aggiuntivi della Convenzione di Ginevra (protocolli I e II ).

Art. 10
1.Every human being has inherent right to life which shall be protected by law. No one shall be arbitrarily deprived of his or her life. Internally displaced persons shall be protected in particular against:-Genocide-Murder-Summary or arbitrary executions
Enforced disappearances, including abduction or unacknowledged detention, threatening or resulting in death
Threats and incident to commit any of the foregoing acts shall be prohibited

2.Attacks or other acts of violence against internally displaced persons who do not or no longer participate in hostility are prohibited in all circumstances. Internally displaced persons shall be protected in particularly against:
Direct or indiscriminate attacks or other acts or violence, including the creation of areas wherein attacks on civilians are permitted-Starvation as a method of combat-Attacks against their camps or settlements-Use of anti-personal landmines.


La scelta di F.R.Deng di non elaborare un vero e proprio atto di diritto internazionale particolare, come ad esempio un trattato, si fonda sulla convinzione della lunghezza delle procedure che esso avrebbe richiesto, inoltre un trattato avrebbe potuto creare difficoltà dal punto di vista operativo, non potendo in esso inserire concreti guide al lavoro sul campo, che invece risultano indispensabili per gli operatori.

Il documento redatto da Deng, è orientata più verso l'operatività che non verso l'aspetto legale che è tipico dei trattati. In effetti non vengono create nuove norme, secondo Bjorg Pettersson le Linee Guida mettono insieme i più importanti strumenti forniti dal Diritto Umanitario e dalla dottrina dei Diritti Umani riempiendo un vuoto nella protezione ai rifugiati, esplicitando ciò che il diritto internazionale dice solo in forma implicita.

Tra i principi resi chiari ci sono:

1) la proibizione allo spostamento in modo forzato art. 6,

2) il diritto di possedimento di documenti d'identificazione personali art. 20. comma 2,

3) diritto di non essere costretto al
rientro forzato.

Il numero degli sfollati a livello planetario è in un continuo aumento, a causa soprattutto delle innumerevoli guerre intestine che imperversano nel mondo. È stato calcolato che il numero di IDPs varia dai 20 ai 25 milioni di unità, una stima certa è ancora difficile da definire. Secondo i dati del 1999 forniti dall'ACNUR il numero dei rifugiati è in fase di diminuzione rispetto agli anni passati, mentre la situazione degli IDPs continua a procedere verso un aumento spropositato.

Ciò si può spiegare con l'assenza di tutela difficile anche da garantire, in virtù del fatto che sia nel vecchi modello di Diritto Umanitario che nel nuovo, la non ingerenza e la sovranità, sono considerati principi fondamentali e gli sfollati rientrano nella sfera di competenza degli stati di cui sono cittadini. Pur essendo stati fatti passi in avanti nell'intervento verso gli IDPs, come le Linee Guida, la protezione rimane incoerente e insufficiente e così che masse di sfollati rimangono prive di aiuto.

Un'ulteriore causa che ha prodotto l'aumento di IDPs è la fine della guerra Fredda.

L'eliminazione dell' equilibrio mondiale di quegli anni e l'aumento dei conflitti interni, hanno creato il terreno favorevole sul quale antichi antagonismi sono emersi. Le cause dell'aumento sono multiple e complesse, e non bisogna sottovalutare l'iniqua distribuzione della ricchezza, il sottosviluppo e la povertà, che non fa altro che determinare l'inasprirsi della lotta per accaparrarsi risorse sempre più scarse. A seguito di queste difficoltà le tensioni determinano tensioni a carattere etnico, intolleranza religiosa e persecuzione di delle minoranze.

Ulteriori cause produttrici di displacement sono da individuare nell'aumento dei disastri ambientali.

[...]

 
Bibliografia
 

AA.VV., Radice e nazioni, Manifesto libri, Roma 1992
AA.VV., I rifugiati nel mondo-50 anni di azioni umanitaria, UNHCR 2000
AA.VV., Identità e Conflitti -Etnie, nazioni, federazioni, Franco Angeli, Milano 2000
AA.VV., Right have no border, www.ncr.no/global_idp_survey/right_have_no_borders
AA.VV., L'imbroglio etnico- in quattordici parole chiave, Dedalo, Bari 2001
AA.VV., La guerra nei Balcani, Editori Riuniti, Roma 1999
AA.VV., La pace e la guerra, Il Sole 24 ore, Milano1999
AA.VV., La pace intrattabile, Asterios, Trieste 2000
AA.VV., Radici e Nazioni, Manifesto Libri, Roma 1992
Agamben Giorgio, Homo Sacer, Einaudi, Torino 1995
Amnesty International Index: EUR 65/03/99, maggio 1999 Ex Repubblica di Macedoni: la protezione dei rifugiati albanesi Kosovo
Amnesty International Index: EUR 70/39/99, aprile 1999 Kosovo: un decennio di appelli inascoltati, volume 1.
Amnesty International Index: EUR 70/18/00, giugno 2000 NATO/Repubblica Federale di Jugoslavia: "Danni Collaterali" o omicidi Illegali?
Andò Salvo, Mediterranean security and Human Right after the cold war, in Mediterranean journal of Human Right 1999
Arielli Emanuele, Scotto Giovanni, I conflitti- Introduzione a una teoria generale, Bruno Mondadori, Milano 1998
Aruffo A, L'inferno dei Balcani. Da fine 800 alla guerra del Kosovo, Nuvole Rosse 1999
Bacelli Luca, Il particolarismo dei diritti, Carocci, Roma 1999
Balibar E., Wallertein I, Razza, nazione,classe. Le identità ambigue, Associate, Roma 1990
Bauman Zygmund La solitudine del cittadino globale, Feltrinelli, Bologna 2000
Beck Ulrich, Cos'è la globalizzazione, Carocci, Roma 1999
Coriat Benjamin, Ripensare l'organizzazione del lavoro. Concetti e prassi nel modello giapponese, Dedalo, Bari 1991
Berger Peter L., Luckmann Thomas, La realtà come costruzione sociale, Il Mulino, Bologna
Bianchini Stefano, Sarajevo, le radici dell'odio, Associate, Roma 1996
Bobbio Norberto, I diritti dell'uomo e società, in Sociologia del diritto I 1989
Buttino Marco (a cura di), In Fuga. Guerre, carestie e migrazioni nel mondo contemporaneo, L'ancora del Mediterraneo, Napoli 2001
Buttino Marco e Rutto Giuseppe (a cura) Nazionalismi e conflitti etnici ed Feltrinelli,Bologna 1997
Carlo Galli, Spazi politici. L'età moderna e l'età globale, il Mulino, Bologna 2001
Cassese Antonio, I diritti umani nel mondo contemporaneo, Laterza, Bari 1995
Catena Mariana, La Missione ONU in Kosovo: mantenere o fare la pace? in Security Council 1265 (1999) on Protection of civilians in armed conflict S/RES/1265 (1999) 17 September 1999
Catherine Phoung, Internally displaced person and refugees: conceptual differences and similarities, in Netherlands Quarterly of Human Rights 2001
Cerutti Furio, Bellitti Daniela (a cura di), La guerra , le guerre, Asterios, Trieste 2003
Chomsky Noam, Il nuovo Umanitarismo Militare. Lezioni dal Kosovo, Asterios, Trieste 2000
Conforti Benedetto, Diritto internazionale, Editoriale Scientifica, Napoli 1997
Cotesta Vittorio, Sociologia dei conflitti etnici, Laterza, Bari 1999
Cotturri G. ( a cura di,) Guerra - individuo, Franco Angeli, Milano 1999
Council of Europe office of the commissioner for human right Kosovo: "The Human right situation and the fate of persons displaced from their home" reporter by Mr Alvaro Gil -Robles Strasburgo 16 October 2002
Curtis Mark, The ambiguities of power, ZED Book, London 1995
Dal Lago Alessandro (a cura di), Lo straniero e il nemico, Costa & Nolan, Genova 1997
Dal Lago Alessandro, Non Persone- L'esclusione dei migranti in una società globale, Feltrinelli, Milano 1996
Deng F. R., The Global Challenge of Internal Displacement, in Journal of Law & Policy Vol 5 2001
Deng F:M, Cohen R., Masses in Flight: The Global Crisis of Internal Displacement, Bookings Press, New York 1998
Deng F:M, Cohen R., The Forsaken People: Case Studies of the Internally Displaced Bookings Press, New York 1998
DOC. HIWG/00/2 1 September 2000 Geneva "Progress in sustainable return of refugees and displaced persons in the context of the general framework agreement for peace Dayton agreement"
Economical and Social Council DOC. E/CN.4/1999/88 18 November 1998, Promotion and protection of human rights
Economical and Social Council DOC. E/CN.4/2000 /83 Add.2 UN 16 November 1999 "Workshop on implementing the Guiding Principles on IDPs
Ferrajoli Luigi, I diritti fondamentali nella teoria del diritto, in Teoria Politica XV 1
Ferrario Andrea, articolo tratto da REDS
Foreign Affairs, Internally displaced persons Lack Effective Protection, August 2001 GAO-01-803
Grassi C., Tolleranza e diritti umani, in Sociologia del diritto" n°2 1998
Grupa 848( a cura di), Dossier KOSOVO IDPs: SITUATION, PROBLEMS, SOLUTIONS? Belgrado, novembre 2001
Gustincich Franz, Dopo la guerra in Limes 2.99 ed. Gruppo Editoriale l'Espresso, Roma, 1999
Held David, Democrazia e nuovo ordine, Asterios,Trieste 1999
Huntington Samuel, Lo scontro delle civiltà e nuovo ordine mondiale, Garzanti, Milano 2000
Internally displaced persons, The role of the United nations high Commissioner for Refugees, 6 marzo 2000
Ivekovic Rada, Autopsia dei Balcani, Raffaello Cortina, Milano 1999
Ivekovic Rada, La balcanizzazione della ragione, Manifestolibri, Roma 1995
Habermas J., L'inclusione dell'altro, Feltrinelli, Milano 1998
Jean Carlo, La nuova geopolitica", Laterza, Bari 1995.
Jean Carlo, Guerra, strategia, sicurezza, Editori Laterza, Bari 2001
Kaldor Mary, Le nuove guerre, Carocci, Roma 1999
Kellas J.G., Nazionalismi ed etnici, il Mulino, Bologna 1993.
Lee T. Luke, The refugees Convention and Internally Displaced persons, in International Journal of Refugees Law Vol. 13 no.3
Lorenzen Peer, Rifugiati, richiedenti asilo e profughi, in Rivista internazionale dei diritti dell'uomo/ Università Cattolica del Sacro Cuore vol. 13, issue 3, 2000
Maliqi Shkelzen, Kossovo. Alle radici del conflitto, BESA, Nardò (Le) 1999
Mancini L., Percezione del diritto e impatto tra culture giuridiche nell'esperienza immigratorie in Sociologia del diritto n° 3 1999
Mancini S., Minoranze autoctone e Stato tra composizione dei conflitti e secessione, Giuffrè, Milano 1996
Massey D. S., Immigration and Globalization: Policiecs for the new century documento presentato al convegno internazionale "Migrazioni. Scenari per il XXI secolo", Agenzia romana per la preparazione del Giubileo, Roma , 12-14 luglio 2000 pag. 3. Il documento è disponibile sul sito www. romagiubileo.migrazioni.it
Medecins Sans Frontiers, Refugees Health an approach to emergency situation, MACMILLAN EDUCATION LTD, London 1999
Melucci A., Diani M., Nazioni senza stato, Feltrinelli, Milano 1992.
Mortellaro I., I signori della guerra - La nato verso il XXI secolo, Manifestolibri, Roma 1999
Moscato Antonio, L'Italia nei Balcani -Storia e attualità, Piero Manni, Lecce 1999
Muller Jean Marie, Vincere la guerra -principi e metodi dell'intervento civile, EGA, Torino 1997
Organization for Security and Co-operation in Europe OSCE, "Annual report 2001 on Interaction Between Organizations and Institutions in the OSCE Area" (1 November 2000 - 31 October 2001)
Pannarale Luigi, La bottiglia di Leyda, Ghiappichelli, Torino 1996
Pettersson Bjorg, Complementary between key instruments of international law in www.idpproject.org/
Pirjevec Joze, Le guerre Jugoslave 1991 1999, Einaudi,Torino 2002
Pizzorusso A., Minoranze e maggioranze, Einaudi, Torino 1993
Popescu Sophie, I diritti umani tra stato di diritto e stato sociale, in Sociologia del diritto n° 1 1996
Protecting Refugees, A field guide for NGOs ed by UNHCR
Rawls J., Una teoria della giustizia Feltrinelli, Bologna 1982
Rawls J., Liberalismo politico, Comunità, Milano 1994
Relief Web www.reliefweb.org, Internally displaced persons : the mandate and role of the ICRC, 23 Marzo 2000
Response strategies of the internally displaced: changing the Humanitarian Lens Report of a seminar held in Oslo, Norway, 9 November 2001
Roux M., Lo scenario bosniaco: pulizia etnica e spartizione territoriale, in Limes, nn. 1-2, ed. Gruppo Editoriale l'Espresso, Roma, gennaio-marzo 1993
Sachs W., Dizionario dello sviluppo, EGA, Torino 1998
Sassen S., Migranti, coloni, rifugiati -Dall'emigrazione di massa alla fortezza Europa, Feltrinelli, Bologna 1999
Arielli Emanuele, Scotto Giovanni, La guerra in Kosovo- Anatomia di un'escalation, Riuniti, Roma 1999
Security Council Resolution 1244 (1999) S/RES/1244 on 10 June 1999
Security Council Resolution 1265 (1999) S/RES/1265 on 17 September 1999
Segrè Andrea, I signori della transazione, Stampa Alternativa, Milano 1999
Informazioni varie tratte da www.idpproject.org
Smith A.D., Nazioni e nazionalismi nell'era globale, Asterios, Trieste 2000
Statement of the Representative of the Secretary General on Internally Displased Persons Dr Francis M. Deng to the 58th Session of the Commission on Human Right 12 April 2002 by UNHCR in www.unchr.org
Sztompka P., La fiducia nelle società post-comuniste,, Rubettino, Catanzaro 1996
The role of the U.N. High commissioner for refugees, EC/50/SC/INF.2 20 giugno 2000
Training Manual on Human Right Monitoring (cap X cap XI)
Udina Manlio, La protezione internazionale dei profughi e apolidi in La Comunità Internazionale 1999
UN doc. E/CN.4/1998/53, 11 February 1998 Analytical Report of the Secretary -General on internally displaced persons
UN. Doc E/CN.4/1992/27, 14 February 1992
UN.doc. E/CN.4/1996/52/Add.2, dicember 1995
Unchr, Osce, Preliminary Assessement of the situation o Ethnic Minorieties in Kosovo, 26 luglio 1999
UNCHR, UNCHR by numbers, see http:// www.unchr.ch/un&ref/numbers/teble.2.htm UN doc. EC/50/SC/INF.2 International displaced persons: The role of high commissioner of refugees UNCHR 6 March 2000
Wilkinson Ray IDPs- Who's looking after these people? in Refugees Magazine 1 Dicembre 1999
www.osservatoriosuibalcani.org, Restare o rientrare? Rifugiati e sfollati nel sud della Serbia
Zanini Adelino, Fadini Ubaldo (a cura di) Lessico postfordista. Dizionario di idee della mutazione, Feltrinelli Interzone, Milano 2001
Zolo Danilo, (a cura di), La cittadinanza, Laterza, Bari 1994
Zolo Danilo, Chi dice umanità, Enaudi Contemporanea , Torino 2000
Zolo Danilo, Cosmpolis. La prospettiva del governo mondiale, Feltrinelli, Milano 1995

 
Clicca sull'icona per scaricare la versione integrale

569.3 kB