Diritto internazionale dei diritti umani e dei conflitti armati: guerra e pace
"Essentials of peace" G.A. Resolution 290 (IV) 1949 :: Studi per la pace  
Studi per la pace - home
ultimo aggiornamento: 12.03.2008
   
Studi per la pace - home
Centro studi indipendente di diritto internazionale dei diritti umani e dei conflitti armati - Direttore: Avv. Nicola Canestrini
Conflitti armati Conflitti interni Diritto bellico Diritto internazionale Europa Giurisdizioni internazionali Terrorismo
 
Diritto internazionale
Peacekeeping Operations
Il divieto internazionale di tratta degli esseri umani
Diritto alla pace e diritti umani
Nazionalità, Cittadinanza e Diritti Umani. La molteplicità dei Dèmoi
The Role of the Media in the Planning and Conduct of Strategic Operations with Reference to the Gulf War 1991 and the Bosnian War 1992-95
Sovranità, diritti umani e uso della forza: l'intervento armato "umanitario"
Nuovi studi per la pace e servizio civile
Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati del 1969
Le operazioni delle Nazioni Unite per il mantenimento della pace
Definition of Aggression - G.A. resolution 3314 (XXIX), 1974
Convenzione sui diritti dell'infanzia
Principi di diritto internazionale concernenti le relazioni amichevoli e la cooperazione tra gli Stati
Diritti umani e diritti fondamentali fra tutela costituzionale e tutela sovranazionale:il diritto ad un ambiente salubre
Dichiarazione N.U. di Vienna e programma d'azione
Protocollo opzionale alla Convenzione contro la tortura di New York del 1984 (en)
Carta africana dei diritti dell'uomo e dei popoli
Carta araba dei diritti dell'uomo
Dichiarazione del Cairo sui diritti umani nell'Islam
Risoluzione 177 (II) Assemblea Generale delle N.U.
"Uniting for peace" G.A. Resolution 377 (V) 1950
Protocollo opzionale sul coinvolgimento dei bambini nei conflitti armati
Legal status of human shields
Antica Babilonia - Partecipazione italiana al conflitto iracheno
La dottrina Bush. Un'analisi storica e critica
Guerra e Costituzione. Alla prova dei fatti
L'uso della forza contro gli "stati canaglia": il diritto internazionale dopo l'11 settembre
Convenzione per la Prevenzione e la Repressione del Delitto di Genocidio (1948)
Il caso Iraq e il diritto internazionale: uso della forza e giustificazione dell'illecito
La tratta di persone nel diritto internazionale
Ong in guerra. Appunti per una critica all'umanitario
Gli Stati Uniti ed il mantenimento della pace: dalla Guerra del Golfo all'intervento in Somalia
Crimini di guerra e crimini contro l'umanità nel diritto internazionale penale.
Il ruolo delle ONG nei trattati per i diritti dell'uomo
La prevenzione dei conflitti. Il ruolo della comunità internazionale nella prevenzione dei conflitti nell'era post Guerra Fredda
Il sistema di garanzia dei diritti umani delle Nazioni Unite
La dichiarazione universale dei diritti umani
I principi generali di diritto e le cause di giustificazione nel diritto internazionale penale: influssi e reflussi fra ordinamento internazionale e ordinamenti interni
Rapporto Annuale 2006 di Amnesty International - estratto sull'Italia
Rapporto sui diritti globali 2006
Istituzioni italiane, guerra e Costituzione: la prassi
Guerra e attuazione della Costituzione
Il valore costituzionale della pace e il divieto della guerra
Diritto internazionale ed uso della forza
La riforma delle Nazioni Unite: Europa e Stati Uniti a confronto
Diritti umani. Un approccio normativo per una questione di giustizia globale
Caschi Blu: costretti all'impotenza
La tortura nel diritto penale americano di guerra
La mutilazione genitale femminile
La "legge Consolo" 7/2006 per la prevenzione ed il divieto della mutilazione genitale femminile
Moratoria ONU contro la pena di morte
Aspetti evolutivi del principio di autodeterminazione dei popoli
La legge Consolo per la prevenzione ed il divieto delle pratiche di mutilazione genitale femminile
Carta di Algeri: Dichiarazione Universale dei Diritti dei Popoli.
L'intervento umanitario nel diritto internazionale
Bill of rights: carta dei diritti del 1689
Ripensando i diritti umani
L'asilo tra diritto internazionale e diritto interno
La repressione della violazione dei diritti umani nei conflitti armati
I crimini sessuali come crimini di diritto internazionale
Déclaration des droits de l'homme et du citoyen (Dichiarazione dei diritti dell'Uomo e del Cittadino)
Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Uomo
La Carta delle Nazioni Unite e il trattato Nato
Armi chimiche e libera manifestazione del pensiero: l'uso del gas lacromogeno CS durante le giornate del g8 a Genova 2001
Il genocidio
Diritti umani e guerra
I diritti umani nelle relazioni internazionali tra gli Stati
Gli istituti italiani di ricerca e di studi per la pace
Comunità degli stati indipendenti, Nazioni Unite, mantenimento della pace
Il crimine di genocidio e la sua repressione ad opera dei tribunali penali internazionali
Carta delle Nazioni Unite
Diritti umani e legge dei popoli
L'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS)
Uso della forza armata a fini diversi dalla legittima difesa
L'origine delle Nazioni Unite e il suo ruolo nel Sistema Giuridico Internazionale
Intervento umanitario
I Diritti Fondamentali nella Costituzione Irlandese
Justicia, tierra y libertad. Terra e diritto in Chiapas
Convenzione contro la tortura e altre pene o trattamenti crudeli, inumani o degradanti
Divieto di tortura, ordinamento italiano e obblighi internazionali
La minaccia nucleare ed i movimenti per la pace
 
Diritto internazionale Hits: 1628 
Sul valore della Carta delle Nazioni Unite Assemblea Generale delle N.U.
 
Versione integrale

100.5 kB
"Essentials of peace" G.A. Resolution 290 (IV) 1949
Normativa

A/RES/290 (IV)
1 December 1949
Essentials of peace Pubblicazioni
Centro italiano Studi per la pace
www.studiperlapace.it - no ©
Documento aggiornato al: 1949

 
Sommario

Con la risoluzione 290 (IV) del 1 dicembre 1950 l'Assemblea generale delle Nazioni Unite dichiara che la Carta delle Nazioni Unite contiene i principi necessari per una pace permanente, la violazione dei quali è causa delle tensioni internazionali.

 
Abstract
 

The General Assembly

1. Declares that the Charter of the United Nations, the most solemn pact of peace in history, lays down basic principles necessary for an enduring peace; that disregard of these principles is primarily responsible for the continuance of international tension; and that it is urgently necessary for all Members to act in accordance with these principles in the spirit of co-operation on which the United Nations was founded;

Calls upon every nation

2. To refrain from threatening or using force contrary to the Charter;

3. To refrain from any threats or acts, direct or indirect, aimed it impairing the freedom, independence or integrity of any State, or at fomenting civil strife and subverting the will of the people in any State;

4. To carry out in good faith its international agreements;

5. To afford all United Nations bodies full co-operation and free access in the performance of the tasks assigned to them under the Charter;

6. To promote, in recognition of the paramount importance of preserving the dignity and worth of the human person, full freedom for the peaceful expression of political opposition, full opportunity for the exercise of religious freedom and full respect for all the other fundamental rights expressed in the Universal Declaration of Human Rights;

7. To promote nationally and through international co-operation, efforts to achieve and sustain higher standards of living for all peoples;

8. To remove the barriers which deny to peoples the free exchange of information and ideas essential to international understanding and peace;

Calls upon every Member

9. To participate fully in all the works of the United Nations;

Calls upon the five permanent Members of the Security Council

10. To broaden progressively their co-operation and to exercise restraint in the use of the veto in order to make the Security Council a more effective instrument for maintaining peace;

Calls upon every nation

11. To settle international disputes by peaceful means and to co-operate in supporting United Nations efforts to resolve outstanding problems;

12. To co-operate to attain the effective international regulation of conventional armaments; and

13. To agree to the exercise of national sovereignty jointly with other nations to the extent necessary to attain international control of atomic energy which would make effective the prohibition of atomic weapons for peaceful purposes only.

261st plenary meeting
1 December 1949

 
Clicca sull'icona per scaricare la versione integrale

100.5 kB