Diritto internazionale dei diritti umani e dei conflitti armati: guerra e pace
Reati di terrorismo internazionale. Prospettive di repressione. :: Studi per la pace  
Studi per la pace - home
ultimo aggiornamento: 12.03.2008
   
Studi per la pace - home
Centro studi indipendente di diritto internazionale dei diritti umani e dei conflitti armati - Direttore: Avv. Nicola Canestrini
Conflitti armati Conflitti interni Diritto bellico Diritto internazionale Europa Giurisdizioni internazionali Terrorismo
 
Terrorismo
Diritti umani e terrorismo
Protezione dei diritti umani e guerra al terrorismo: raccolta di pronunce di organizzazioni delle Nazioni Unite e regionali (en)
Convenzione araba per la repressione del terrorismo
Convenzione araba per la repressione del terrorismo: un pericolo per i diritti umani
Risoluzione Consiglio di Sicurezza 1373 (2001)
Risoluzione Consiglio di Sicurezza 1368 (2001)
Posizione comune 931/2001 (con aggiornamenti) relativa all'applicazione di misure specifiche per la lotta al terrorismo
Conclusioni e piano d'azione del Consiglio Europeo straordinario sul terrorismo (settembre 2001)
Decisione quadro Consiglio UE sulla lotta contro il terrorismo (475/2002)
Lotta al terrorismo nell'Unione europea
Convenzione NU per la repressione dei finanziamenti al terrorsimo, 1999
Risoluzione NU "Terrorismo e diritti umani", 1999
Dichiarazione della Commissione contro la tortura, 2001
"Introduzione del reato di tortura", ddl 582/2001
Terrorismo islamico: il nemico di tutti. Che fare?
La definizione di terrorismo internazionale e gli strumenti giuridici per contrastarlo
Ad un anno da Madrid, l'11 settembre europeo
Global terrorism: quali responsabilità dell'Occidente?
Misure di sicurezza antiterrorismo. Leggi speciali e prevenzione del terrore nel Regno Unito.
La legislazione anti-terrorismo del Regno Unito: un pericoloso attacco per i diritti umani?
La polizia giudiziaria e i corpi speciali
Il reato di terrorismo fra resistenze politiche e ambiguità normative
Lotta al terrorismo e difesa delle libertà civili
Il contributo della giurisprudenza italiana alla definizione del reato di terrorismo internazionale
Profili del diritto penale di guerra statunitense contro il terrorismo (dopo il Nine-Eleven)
Diventare un terrorista. Perchè?
L'impengo delle NU e della Comunità internazionale nella lotta al terrorismo: attualità e prospettive
La risposta della NATO al terrorismo
Legalità e sicurezza: riflessioni su terrorismo e diritto
Convenzione europea per la repressione del terrorismo
Terrorismo internazionale: risposta dello stato italiano
Lotta al terrorismo e Convenzione contro la tortura
Terrorismo, diritto internazionale e ordine mondiale: riflessioni a caldo sull'11 settembre 2001
 
Terrorismo Hits: 8248 
Terrorismo internazionale D.ssa Maria Antonia Di Lazzaro
 
Versione integrale

322.6 kB
Reati di terrorismo internazionale. Prospettive di repressione.
Tesi di laurea

pubblicato nel luglio 2001
su "Diritto & Diritti" http://www.diritto.it, al quale si rimanda per il copyright

Pubblicazioni
Centro italiano Studi per la pace
www.studiperlapace.it - no ©
Documento aggiornato al: 2001

 
Sommario

Il terrorismo può essere definito come un metodo di lotta politica fondato sul sistematico ricorso alla violenza, con particolari connotazioni oggettive e soggettive. Dal primo punto di vista esso si distingue per la modalità della condotta, la qualità della persona offesa l'entità del danno e per il suo perdurante effetto nell'ambito dell'assetto sociale. Esso è, infatti, caratterizzato dalla capacità di colpire chiunque appartenga ad una data categoria sociale ed in qualunque momento, secondo imprevedibili logiche di clandestinità e segretezza. Dal punto di vista soggettivo, invece, si contraddistingue per la motivazione ideologica che lo sorregge.

 
Indice dei contenuti
 
INDICE

PREMESSA


CAPITOLO I
Il concetto di terrorismo


1.1 Difficoltà di individuare una definizione corretta
1.2 Il quid pluris che rende un reato un atto di terrorismo
1.3 Il terrorismo di stato e le altre classificazioni dottrinali
1.4 Terrorismo in tempo di pace e in tempo di guerra
1.5 Terrorismo e guerriglia
1.6 Quando il terrorismo diventa internazionale: le fattispecie


CAPITOLO II
La repressione del terrorismo internazionale: origini e primi sviluppi


2.1 Considerazioni preliminari
2.2 Il problema della depoliticizzazione del terrorismo
2.3 La cd. clausola belga
2.4 La repressione del terrorismo in generale:
a) la convenzione di Ginevra del 1937
2.5 La prevenzione del terrorismo nell'accordo di Ginevra
2.6 La convenzione per la creazione di una corte penale internazionale
2.7 Continua: b) le Nazioni Unite e la lotta al terrorismo
2.8 Osservazioni conclusive
2.9 La repressione settoriale del terrorismo
2.10 Continua: a) il dirottamento di aeromobili
2.11 Condizioni di applicabilità della convenzione dell'Aia sulla capture illicite d'aeronefs
2.12 Continua: b) il sequestro di agenti diplomatici
2.13 Continua: c) il dirottamento di navi
2.14 Elementi comuni delle convenzioni


CAPITOLO III
La convenzione europea per la repressione del terrorismo


3.1 Considerazioni preliminari
3.2 Il procedimento di elaborazione
3.3 Un'osservazione critica
3.4 Le fattispecie di terrorismo depoliticizzate e il conseguente obbligo di estradare
3.5 Deroghe ai precedenti trattati
3.6 La clausola di non discriminazione
3.7 La facoltà di apporre riserve all'obbligo di estradare
3.8 L'obbligo di iudicare in caso di mancata estradizione
3.9 L'obbligo di assistenza giudiziaria
3.10 L'ambito soggettivo di applicazione: il Consiglio d'Europa
3.11 L'accordo di Dublino (4 Dicembre 1979


CAPITOLO IV
La ratifica della convenzione di Strasburgo da parte dell'Italia. Il problema del delitto politico


4.1 Considerazioni preliminari
4.2 Origini e ratio del divieto di estradizione per reati politici
4.3 La nozione costituzionale di reato politico
4.4 Il delitto oggettivamente politico
4.5 Il delitto politico in senso soggettivo
4.6 Alcune osservazioni critiche
4.7 Reato politico ed estradizione
4.8 Concezione sostanziale e processuale di reato politico
4.9 Reati politici, terrorismo, estradizione
4.10 Le peculiarità del delitto terroristico rispetto agli altri reati politici
4.11 Osservazioni conclusive
4.12 Sviluppi e prospettive recenti in ambito europeo in tema di estradizione, reati politici e terrorismo


CAPITOLO V
La repressione del terrorismo internazionale negli anni successivi ala convenzione di Strasburgo


5.1 L'impasse del Consiglio d'Europa
5.2 I provvedimenti immediatamente successivi alla convenzione di Strasburgo
5.3 Una conferenza sulla difesa delle istituzioni democratiche
5.4 Le raccomandazioni del Consiglio d'Europa sul terrorismo negli anni '80
5.5 Il problema della sicurezza aerea
5.6 Il "rafforzamento" della convenzione di Strasburgo
5.7 Una risoluzione sull'organizzazione di una conferenza parlamentare per rafforzare le democrazie europee di fronte al terrorismo
5.8 Il summit del Consiglio d'Europa e la lotta al terrorismo
5.9 Tentativi di definizione del terrorismo
5.10 Il problema della prevenzione e repressione del terrorismo
5.11 Le recenti iniziative delle Nazioni Unite in tema di lotta al terrorismo
5.12 La convenzione internazionale per la repressione degli attentati terroristici commessi con sostanze esplosive
5.13 Un progetto di convenzione contro il finanziamento del terrorismo


CAPITOLO VI
L'unione Europea e la lotta al terrorismo:
gli atti del Parlamento e del Consiglio


6.1 Considerazioni preliminari
6.2 Le prime risoluzioni del Parlamento europeo relative al terrorismo internazionale
6.3 Un'attenzione particolare al problema dei dirottamenti aerei
6.4 L'Accordo di Dublino: rinvio
6.5 Le risoluzioni del Parlamento europeo sul terrorismo negli anni '80
6.6 Lo spazio giudiziario europeo
6.7 Le risoluzioni relative ai servizi segreti dell'Est
6.8 Intensificazione dell'attività del Parlamento europeo sul problema del terrorismo
6.9 Il problema della sicurezza dei trasporti aerei
6.10 La risoluzione sull'istituzione di Eurogol
6.11 Una risoluzione sul terrorismo e le sue conseguenze in Europa
6.12 La convenzione Europol: a) analisi introduttiva
6.13 Continua: b) le unità nazionali
6.14 Continua: c) il sistema informatizzato di raccolta di informazioni
6.15 Scambio di magistrati o di funzionari di collegamento
6.16 L'istituzione di un repertorio di conoscenze specialistiche nel settore dell'antiterrorismo
6.17 Modifiche al sistema di estradizione
6.18 La procedura semplificata di estradizione
6.19 La convenzione relativa all'estradizione fra gli stati membri dell'unione europea
6.20 L'istituzione di un programma di sostegno per l'Autorità Palestinese
6.21 Un programma d'azione per la lotta alla criminalità internazionale
6.22 L'istituzione di una rete giudiziaria europea
6.23 Un patto di preadesione sulla criminalità organizzata tra gli stati dell'UE e alcuni paesi candidati
6.24 Lotta alla criminalità internazionale
6.25 Iniziative extraeuropee nella lotta al terrorismo
6.26 Il concetto di terrorismo
6.27 Catalogo di misure per la lotta al terrorismo
6.28 Il problema della natura politica del terrorismo
6.29 Osservazioni conclusive

APPENDICE

BIBLIOGRAFIA
 
Abstract
 

Premessa

Negli ultimi decenni l'intensificarsi di manifestazioni terroristiche a livello internazionale ha posto l'esigenza di una sempre più stretta collaborazione fra i vari stati progressivamente coinvolti, onde cercare di ridurre un fenomeno che stava assumendo dimensioni veramente preoccupanti.

Oggetto della presente trattazione è, dunque, l'analisi degli strumenti penalistici - preventivi e repressivi - con cui la Comunità Internazionale ha affrontato il problema e cercato di tutelarsi.

Tuttavia, in primo luogo, sarà necessario chiarire il concetto stesso di terrorismo, individuarne fattispecie e classificazioni, mettendo anche in luce le divergenze e le difficoltà incontrate al riguardo dalla dottrina. Non esiste, infatti, attualmente, una definizione legislativa di terrorismo, e ben si comprende come elaborarne una sia tutt'altro che facile, potendo tale fenomeno concretarsi in una molteplicità di atti dalle caratteristiche estremamente variabili.

E' ben vero, del resto, che vi sono alcune fattispecie, le quali tradizionalmente fanno parte del terrorismo - pensiamo al dirottamento di aeromobili - ma, anche di fronte ad esse, non si può a priori escludere che possano essere commesse per finalità anche del tutto diverse.

Ciò che, dunque, rende un reato un atto di terrorismo non è agevole indicarlo: vedremo come la percezione stessa del fenomeno sia non solo soggettiva, ma anche mutevole a seconda del periodo storico e del contesto socio-politico in cui ci troviamo.

Per ciò che concerne, invece, gli strumenti elaborati dalla Comunità internazionale, ricordiamo il ruolo centrale della Convenzione di Strasburgo del 27 Gennaio 1977, primo approccio globale al problema. Già diversi anni prima, per la verità, gli Stati avevano iniziato la loro cooperazione in materia, ma, come vedremo meglio in seguito, nella maggior parte dei casi si trattò di convenzioni monografiche, occupandosi ciascuna di una singola fattispecie di reato e che, dunque, affrontarono la questione in modo settoriale ed inadeguato.

In epoca più recente sarà poi interessante analizzare la posizione e il ruolo dell'Unione Europea, concentrando in particolare l'attenzione sugli atti del parlamento e del consiglio relativi al problema del terrorismo, nonché sulle ultime iniziative elaborate, a questo riguardo, dal Consiglio d'Europa e dalle Nazioni Unite.



CAPITOLO I
Il concetto di terrorismo



1.1 Difficoltà di individuare una definizione corretta

Il terrorismo costituisce un fenomeno estremamente complesso, da anni oggetto di analisi dibattiti dottrinali e congressi, ma del quale non è stata ancora elaborata una definizione soddisfacente e universalmente accettabile. Le difficoltà nascono principalmente dal fatto che le attività criminose in cui esso può concretarsi e le finalità cui può tendere sono molteplici ed eterogenee, per cui non è agevole individuarne gli elementi essenziali. Inoltre, i pur numerosi testi normativi che vi si riferiscono, non ci offrono un valido aiuto al riguardo, in quanto, o definiscono il fenomeno in termini tautologici, ed estremamente generici, o non lo definiscono affatto- atteggiamento, quest'ultimo che, se da un lato può essere vantaggioso, considerata l'estrema variabilità del fenomeno, di per sé difficilmente inquadrabile in una rigida e necessariamente restrittiva disposizione di legge, dall'altro e inevitabilmente, è fonte di numerose incertezze.

Tenteremo, dunque, in questo primo capitolo, di ripercorrere l'evolversi del concetto di terrorismo, che procede parallelamente all'insuccesso delle organizzazioni nazionali ed internazionali nell'offrire validi strumenti preventivi e repressivi.[1] Le manifestazioni terroristiche, infatti, spesso non esauriscono la loro portata all'interno di un unico ordinamento statuale, ma assumono rilevanza internazionale, ciò che può dipendere o da fattori meramente eventuali- quali la fuga all'estero del reo-, o dal compimento di attività intrinsecamente dotate di carattere internazionale- pensiamo al sequestro di cittadini stranieri o al dirottamento di navi[2]. Tuttavia, prima di addentrarci in questa ulteriore, complessa questione, - quando e in che modo il terrorismo assume rilevanza internazionale -, è d'uopo chiarirne un'altra: quali sono, cioè, i fattori che influiscono sul reato conferendogli natura terroristica.


1.2 Il quid pluris che rende un reato un atto di terrorismo

Due appaiono, anzitutto, gli elementi costantemente presenti nel terrorismo: la politicità del fenomeno e il ricorso sistematico alla violenza organizzata.

Il terrorismo è, dunque e in primo luogo, un fatto politico, alla base del quale vi è sempre una motivazione di carattere ideologico.

Esso si caratterizza, inoltre, per una condotta particolarmente efferata, tale da indurre in uno stato di panico e di disarticolazione l'intero corpo sociale, creando al tempo stesso una notevole sfiducia verso le istituzioni, le quali nella maggior parte dei casi, si trovano impreparate ad affrontare il fenomeno.

Il terrorismo può, dunque, essere definito come un metodo di lotta politica fondato sul sistematico ricorso alla violenza[3], con particolari connotazioni oggettive e soggettive[4]. Dal primo punto di vista esso si distingue per la modalità della condotta, la qualità della persona offesa l'entità del danno e per il suo perdurante effetto nell'ambito dell'assetto sociale. Esso è, infatti, caratterizzato dalla capacità di colpire chiunque appartenga ad una data categoria sociale ed in qualunque momento, secondo imprevedibili logiche di clandestinità e segretezza[5]. Dal punto di vista soggettivo, invece, si contraddistingue per la motivazione ideologica che lo sorregge.

Alla base, dunque, vi è non tanto la politica, quanto l'ideologia, potendosi avere manifestazioni terroristiche che non si inseriscono in alcuna strategia politica, ma mai prive di finalità ideologiche[6].

Per quanto poi, più specificatamente, riguarda la condotta, si potrebbe obiettare che l'efferatezza e l'uso di tecniche particolarmente cruente possono essere presenti in qualunque altro tipo di reato, non necessariamente di stampo terroristico. Tali elementi, tuttavia, assumono in quest'ultimo caso una connotazione particolare, trattandosi spesso di manifestazioni simboliche, quasi fini a se stesse, o comunque realizzate più per impressionare l'opinione pubblica, che per ottenere risultati concreti. Di qui l'importanza dell'uso della stampa e dei mezzi di comunicazione di massa. I terroristi, infatti, fin dall'inizio, si prefiggono di ottenere la massima risonanza possibile delle loro gesta, dando così adito a quella che è stata definita l'eterogenesi dei fini, per cui l'atto è compiuto non tanto per quello che realizza in sé, quanto perché la stampa ne parli ed esso si trasformi in un detonatore propagandistico dell'ideologia[7] [8].

Abbiamo così individuato un altro elemento che contribuisce a distinguere il terrorista dal delinquente comune. Quest'ultimo, infatti, solitamente non ha alcun interesse a rendere partecipe l'opinione pubblica del proprio atto, al contrario del primo per cui la pubblicizzazione delle azioni compiute ha importanza determinante. In mancanza di ciò, l'atto rimarrebbe totalmente sterile[9].


1.3 Il terrorismo di stato e le altre classificazioni dottrinali

Fin qui abbiamo considerato il terrorismo commesso da singoli individui o da gruppi, ma non dobbiamo dimenticare che ne esiste anche un altro tipo: il terrorismo di stato, cioè un regime di terrore istituito da un determinato governo. Più in particolare, noi possiamo distinguere tre tipi di terrorismo di stato: un primo, governativo, si verifica quando uno stato usa metodi terroristici contro la popolazione per mantenere il potere o instaurare una dittatura. Un secondo, esterno, consiste nell'attuare rappresaglie ad azioni contrarie a leggi internazionali contro un altro stato per ritorsione ad azioni terroristiche che là sono state preparate. Una terza forma, più sottile, si esprime, infine, in complicità, da parte di alcuni governi nei confronti di atti terroristici[10].

Siamo così entrati nell'ambito di un'altra, complessa problematica, quella concernente le classificazioni del terrorismo elaborate dalla dottrina. In particolare, Sottile[11] ha inquadrato il fenomeno entro tre diverse categorie: dal punto di vista soggettivo egli distingue il terrorismo di diritto comune- atti in cui il metodo dell'esecuzione è il terrore, ma il cui movente non è politico o sociale -, il terrorismo sociale - che mira alla realizzazione di un'ideologia per l'organizzazione di una collettività o di un Paese -, e il terrorismo politico - in cui il movente e lo scopo sono di ordine politico, in quanto l'azione è diretta contro lo stato e i suoi organi.

Dal punto di vista esecutivo si distingue, invece il terrorismo diretto, che si verifica quando l'azione mira direttamente allo scopo, e indiretto, nel quale rientrano, ad esempio, le facilitazioni concesse al terrorista per raggiungere il luogo dell'attentato.


1.4 Terrorismo in tempo di pace e in tempo di guerra

Infine, è necessario tenere presente che il terrorismo non deve essere isolato dal contesto in cui è commesso, in particolare a seconda che ci si trovi in tempo di pace o di guerra. Di qui la distinzione tra terrorismo assoluto e relativo: nel primo caso si tratta di violazioni gravi dei diritti umani, come tali interdetti in entrambe i casi. Nel secondo caso si tratta invece di atti che rientrano nei normali costumi di guerra, dunque vietati solo in tempo di pace[12].


1.5 Terrorismo e guerriglia

Quest'ultima distinzione ci conduce ad un'ulteriore considerazione: il terrorismo non va confuso con la guerriglia. Si tratta, com'è intuitivo, di due fenomeni affini, spesso collegati, ma che occorre tenere ben distinti. In primo luogo il terrorismo non si uniforma ai costumi di guerra, potendo essere perpetrato anche da singoli individui o piccoli gruppi carenti di adeguata organizzazione. In ogni caso, anche quando, in ambito terroristico, si parla di organizzazione, è ovvio che questa, per le sue già accennate caratteristiche di clandestinità e di segretezza, non può essere equiparata a quella presente in una guerra classica. Il terrorismo può, comunque, costituire la fase iniziale di una lotta armata, e trasformarsi, solo in un secondo momento, in guerriglia.

Confusioni tra i due termini, tuttavia ve ne sono state e ve ne saranno, con tutta probabilità, anche in futuro, ciò che dipende, in larga misura, dall'uso improprio che dei due termini viene fatto dai mass-media. In particolare, se, come spesso avviene, noi indichiamo con il termine terrorismo tutte le attività politiche che fanno ricorso a metodi estremamente violenti, esso cessa di essere un utile strumento di analisi, diventando piuttosto, a causa del suo forte impatto emotivo, un abile strumento di manipolazione dell'opinione pubblica[13].


1.6 Quando il terrorismo diventa internazionale: le fattispecie

Siamo così giunti alla seconda questione da affrontare in questo primo capitolo: chiarire quando e in che modo un atto terroristico assume rilevanza internazionale.

Il terrorismo internazionale è, generalmente, un reato di tipo politico, e, come tale, è considerato un illecito sui generis, cioè un'infrazione di tipo speciale. Esso si verifica quando lo scopo, i mezzi, il luogo, l'autore, la vittima, la preparazione, la consumazione e gli effetti dell'azione riguardano Paesi differenti[14].

E' soprattutto a partire dagli anni '70 che si è verificato un incremento di attività terroristiche di carattere internazionale. Accanto a quelle tradizionali - attentati contro pubblici edifici o alla vita di persone politiche -, solo eventualmente dotate di rilevanza internazionale, in ragione della fuga all'estero del reo o della diversa cittadinanza tra soggetto attivo e passivo, si sono vieppiù diffuse nuove forme di terrorismo, dotate di un intrinseco rilievo internazionale. Pensiamo, in particolare, al dirottamento di aeromobili o di navi, o ancora, al sequestro di agenti diplomatici. In tutti questi casi risultano lesi non solo gli interessi degli stati concretamente colpiti, quali lo stato dell'autore dell'aggressione o dei membri dell'equipaggio, ad esempio, ma gli interessi dell'intera Comunità internazionale alla sicurezza del trasporto aereo e marittimo e al buon funzionamento delle relazioni diplomatiche[15]. Si possono così individuare due distinti gruppi di fattispecie costituenti il terrorismo internazionale. Il primo comprende in pratica tutti o quasi i reati previsti dal nostro codice penale i quali, ricorrendone le condizioni, possono assumere rilevanza internazionale, mentre in caso contrario, e normalmente, esauriscono la loro portata a livello nazionale. Il secondo comprende invece reati che, per le loro caratteristiche intrinseche, assai di rado rimangono confinati all'interno di un unico stato, coinvolgendo più spesso la Comunità internazionale nel suo complesso.


Note al I CAPITOLO


[1] PISAPIA, Terrorismo: delitto politico odelitto comune?, in Giust. Pen. 1975 p. 258 ss.

[2] PANZERA, voce Terrorismo, (dir.int), in Enc. Dir. vol. XLIV, p 370 ss..

[3] SPOLITI, Spunti sulla figura del delitto terroristico in Giust. Pen. 1980 p 310 ss.

[4] RONCO, voce Terrorismo in Nov.Dig.It. p 752 ss.

[5] BOUTHOUL, La guerra, tr. it , Roma, 1975 Appendice terza: Il terrorismo, p. 173

[6] RONCO,op. cit p. 754 ss.

[7] FERRI, Il silenzio-stampa nei rapimenti e sulle operazioni terroristiche in Giust. Pen. 1979 p 502 ss.

[8] Sul ruolo dei mass-media per il terrorismo cfr. anche DE NIGRIS SINISCALCHI, Mass-media e terrorismo: problemi giuridici in Riv Pol. 1979 p 455 ss.

[9] PISAPIA, op. cit. p.263

[10] PISAPIA, op. cit.p. 261 ss.

[11] SOTTILE, Le terrorisme international, in Recueil des cours de l'Acadèmie de droit international de la Haye,1938 III pp 87 ss

[12] DAVID, Le terrorisme en droit international (Definition incrimination repression) in Reflexion sur la definition et la repression du terrorisme Actes du colloque de l'Universite Libre de Bruxelles,1974 p. 105 ss.

[13] JOXE IL terrorismo, concetto buono per ogni occasione Le Monde Diplomatique Aprile 1996

[14] PISAPIA, op.cit .p. 261 ss.

[15] PANZERA, op.cit.p. 371 ss

 
Bibliografia
 

AAVV, Réflexion sur la définition et la répression du terrorisme, Actes du Colloque de l'Université libre de Bruxelles, 19 et 20 Mars 1973, Editions de l'Université libre de Bruxelles, 1974, pp. 292

AAVV, L.26-11-1985 N. 719. Ratifica ed esecuzione della convenzione europea per la repressione del terrorismo, aperta alla firma a Strasburgo, il 27-1-1977, in Legisl. Pen. 1986. P. 433 ss.

ALESSANDRINI E., CALOGERO P., VIGNA P.L., La minaccia del tterrorismo allo stato libero di diritto, da Critica sociale, anno LXXI n. 10, 25 Maggio 1979, p. 38 ss., in Quaderni di documentazione del servizio studi, Camera dei Deputati, 1981, p. 268 ss.

BERTONI, RAFFAELE Ordinamento italiano e collaborazione internazionale nella lotta alla criminalità, in La giustizia penale, 1981, p. 15 ss.

CAMERA DEI DEPUTATI, Estradizione e reati politici. Il problema della convenzione europea per la repressione del terrorismo, Quaderni di documentazione del servizio studi, 1981

CARBONE, SERGIO MARIA Repressione della cd. pirateria aerea nei rapporti internazionali, in Riv. Dir. Int. Priv. Proc., 1971, p. 534 ss.

CASSESE, ANTONIO I reati politici degli stranieri: in cerca di una definizione in Pol. Dir. 1975, p. 227 ss.

CASSESE, ANTONIO, Commento all'art.10 Cost., da Commentario della Costituzione, a cura di Giuseppe Branca, p. IV, p. 544 ss., in Quaderni di documentazione del servizio studi, Camera dei deputati, 1981, p. 297 ss.

CHIAVARIO, MARIO Reati politici, terrorismo, estradizione: sviluppi e prospettive recenti, in Foro it. 1986, V, p. 267 ss.

DE FRANCESCO, GIOVANNANGELO voce Reato politico, in Enc. Dir. vol. XXXVIII p. 897 ss.

DELOGU, TULLIO L'estradizione passiva del cittadino, in Cass. Pen. 1979, p. 540 ss.

DEL TUFO, VALERIA Estradizione e reato politico, ed. Iovene, Napoli 1985, pp. XVI-170

DE NIGRIS SINISCALCHI, MARINELLA Mass-media e terrorismo: problemi giuridici, in Riv. Pol. 1979 p. 455 ss.

DE SCHUTTER, B. La convention européenne pour la répression du terrorisme, in Journal des tribunaux, 26 Mars 1977, p. 217 ss.

FERRARO, ANGELO In tema di divieto di estradizione per reati politici, in Cass. Pen. Mass. 1983, p. 1112 ss.

FERRI, NICOLA Il silenzio stampa nei rapimenti e sulle operazioni terroristiche, in Giust. Pen. 1979, III, p. 501 ss.

FRAYSSE-DRUESNE, GHISLAINE La convention européenne pour la répression du terrorisme, in Rév. Gén. Dr. Int. Publ., 1978, p. 969 ss.

JOXE, ALAIN Il terrorismo, concetto buono per ogni occasione in Le monde diplomatique, aprile 1996

JUILLARD, PATRICK Les enlévements de diplomats, in Ann. Franç. Dr. Int., 1971, p. 205 ss.

LABAYLE, HENRI Droit intérnational et lutte contre le terrorisme, in Ann. Franç. Dr. Int. 1986, p. 105 ss.

MANKIEWICZ, R. H. La convention de Montréal (1971) pour la répression d'actes illicites contre la sécurité de l'aviation civile, in Ann. Franç. Dr. Int., 1971, p. 855 ss.

MANTOVANI, FERRANDO Il reato politico come limite all'estradizione, in Riv. Dir. Matr. 1968 p. 333 ss.

MANZIONE, DOMENICO Vecchie e nuove prospettive nei rapporti tra reato politico ed estradizione, in Cass. Pen. Mass. 1985, p. 218 ss.

MARINELLI, ALDO Il delitto politico, in Arch. Pen 1976, p. 71 ss.

MARCHETTI, MARIA RICCARDA Istituzioni europee e lotta al terrorismo, Cedam, Padova, 1986 pp. XII-201

MAZZACUVA, NICOLA Reato politico e divieto di estradizione del cittadino nella costituzione, in Ind. Pen. 1980, p. 229 ss.

MIGLIORINO, LUIGI Iniziative europee nella lotta al terrorismo: la convenzioe di Strasburgo, in Riv. Dir. int. Priv. Proc. 1977, p. 469 ss.

MIGLIORINO, LUIGI La dichiarazione delle Nazioni Unite sulle misure per eliminare il terrorismo internazionale, in Riv. Dir. Int. 1995 p. 962 ss.

MENGOZZI, PAOLO Diritto internazionle, ordinamento italiano e violazione dei diritti umani di tipo terroristico, in Iustitia, 1981, p. 213 ss.

MOSCONI, FRANCO La convenzione europea per la repressione del terrorismo, in Riv. Dir. Int. 1979, p. 303 ss.

MOSCONI, FRANCO L'accordo di Dublino, le Comunità europee e la repressione del terrorismo, in Legisl. Pen. 1986, p. 543 ss.

MOSCONI, FRANCO Spunti in tema di estradizione per reati politici, in Ind. Pen. 1972, p. 333 ss.

NUVOLONE, PIETRO Delitto politico e diritto d'asilo, in Ind. Pen. 1970, p. 169 ss.

NUVOLONE, PIETRO Misure contro il terrorismo in Ind. Pen. 1979, p. 533 ss.

OSCHINSKY, SUSANNE Espace judiciaire européen et terrorisme, in Journal des Tribunaux, 3 Mai 1980, p. 289 ss.

PAGLIARO, ANTONIO La nozione di reato politico agli effetti dell'estradizione in Riv. Ital. Dir. Proc. Pen. 1983, p. 807 ss.

PANZERA, ANTONIO FILIPPO Attività terroristiche e diritto internazionale, ed. Iovene, Napoli, 1978, pp. XII-196

PANZERA, ANTONIO FILIPPO Raids e protezione dei cittadini all'estero, in Riv. Dir. Int. 1978, p. 759 ss.

PANZERA, ANTONIO FILIPPO La convenzione sulla prevenzione e repressione di reati contro persone che godono di protezione internazionale, in Riv. Dir. Int. 1975, p. 80 ss.

PISAPIA, GIANVITTORIO Terrorismo: delitto politico o delitto comune? in Giust. Pen. 1975 II p. 257 ss.

QUADRI, ROLANDO voce Estradizione (dir. int.) in Enc. Dir. Giuffrè, vol. XVI p. 1 ss.

RONCO, MAURO voce Terrorismo, in Nov. Dig. Ital. P. 752 ss.

SALMON, JEAN La convention européenne pour la repression di terrorisme, in Journal des Tribunaux, 24 Septembre 1977, p. 497 ss.

SENESE, SALVATORE Implicazioni giuridiche e politiche della convenzione europea contro il terrorismo, da L'Europa tra integrazione economica ed egemonia politica, Milano, Franco Angeli ed., 1979, in Quaderni di documentazione del servizio studi, Camera dei Deputati,1981, p. 253 ss.

SERENI, ANGELO PIERO Estradizione e preteso reato politico, in Foro It. 1962, II p. 68 ss.

SINAGRA, AUGUSTO. La cooperazione internazionale contro il terrorismo. La convenzione di Strasburgo, in Il Tommaso Natale,1979, p. 1413 ss.

SPOLITI, DIONISIO Spunti sulla figura del delitto terroristico in Giust. Pen. 1980, II p. 310 ss.

UBERTIS, GIULIO Reato politico, terrorismo, estradizione passiva in Ind. Pen. 1987, p. 255 ss.

VALLEE, CHARLES La convention européenne pour la repression du terrorisme, in Ann.Franç Dr. Int. Publ. 1976, p. 756 ss.

VIGNA, PIERLUIGI I cosiddetti reati terroristici e l'estradizione da Critica giudiziaria, II, Nov.-Dic. 1978, p. 129 ss., in Quaderni di documentazione del servizio studi, Camera dei Deputati,1981 p. 285 ss.

ZINGALE, ALBERTO Le strategie antiterrorismo nelle democrazie occidentali, in Dem Dir. 1980, p. 467 ss.

ZICCARDI-CAPALDO, GIULANA Terrorismo internazionale e garanzie collettive, ed. Giuffré, Milano, 1990, pp. X-187

Sentenze
Cass. Pen. Sez.III, 05-04-1961 in Foro it. 1962, II p. 68 ss.
Cass. Pen. Sez I, 23-01-1990 n.3329
Cass. Pen. Sez.I 12-12-1990 n. 3768
Cass. Pen. Sez.I, 24-03-1992 n.767
Cass. Pen. Sez. VI, 20-01-1993 in Foro it. rep. 1993, voce estradizione, n. 8
Cass. Pen. Sez VI 01-10-1996 in Foro it. rep. 1997, voce estradizione, n. 21

 
Clicca sull'icona per scaricare la versione integrale

322.6 kB