Diritto internazionale dei diritti umani e dei conflitti armati: guerra e pace
Diritto umanitario nell'Islam :: Studi per la pace  
Studi per la pace - home
ultimo aggiornamento: 12.03.2008
   
Studi per la pace - home
Centro studi indipendente di diritto internazionale dei diritti umani e dei conflitti armati - Direttore: Avv. Nicola Canestrini
Conflitti armati Conflitti interni Diritto bellico Diritto internazionale Europa Giurisdizioni internazionali Terrorismo
 
Diritto bellico
La salvaguardia dei diritti dell'uomo durante i conflitti armati e le operazioni militari
Convenzione delle Nazioni Unite del 1989 sui mercenari
Ballestreros report on the use of mercenaries as a means of violating human rights of 1994
II Protocollo aggiuntivo alle Convenzioni di Ginevra del 1949 relativo alla protezione delle vittime dei conflitti armati non internazionali
Convenzione di Ginevra del 1949 sulla protezione dei civili
Convenzione di Ginevra del 1949 sul trattamento dei prigionieri
Convenzione di Ginevra del 1949 sulla sorte dei feriti sul mare
Convenzione di Ginevra del 1949 sulla sorte dei feriti in campagna
I Protocollo aggiuntivo alle Convenzioni di Ginevra del 1949 relativo alla protezione delle vittime dei conflitti armati internazionali
Convenzione di Ginevra per il miglioramento della sorte dei feriti in campagna del 22 agosto 1864
Il Codice Lieber del 1863
II Convenzione internazionale dell' Aja del 1899 su leggi ed usi della guerra terrestre
Convenzione internazionale dell' Aja del 1907 su leggi ed usi della guerra terrestre
The Laws of War on Land (Manuale di Oxford) 1880
Dichiarazione di S. Pietroburgo del 1868
Convenzioni di diritto bellico ratificate o firmate dall'Italia
Private Military Companies: Options for Regulation
OUA convention for the elimination of mercenarism in Africa 1977
L'invisibile Codice della Guerra
I soggetti delle migrazioni forzate
Regole d'ingaggio e diritto all'autodifesa. Riflessioni e suggerimenti
Ordine superiore e responsabilità dell'individuo nei crimini internazionali
Diritto e Forze armate. Nuovi Impegni
Azioni militari da parte di forze internazionali
Profili attuali di diritto umanitario dei conflitti armati
Corpi di spedizione all'estero tra codici penali di guerra e codici penali di pace
Politica internazionale e sicurezza internazionale
Ordinamento democratico e impiego delle forze armate oltre i confini
Ridefinire la sicurezza
Profili costituzionali della gestione delle emergenze
Sovranità, diritto, forza
Status delle forze armate nelle missioni di pace
Dalla cooperazione alla frattura: i rapporti fra Nazioni Unite e NATO alla luce della crisi jugoslava
Il sacramentum militari
Il ruolo attuale delle organizzazioni regionali per il mantenimento della pace e della sicurezza internazionale in Europa
Nuovi impegni giudiziari tra giurisdizione penale internazionale e nazionale
Nonnismo. profili di tutela penale
Dovere di difesa militare, obiezione di coscienza, servizio civile
Problemi attuali del diritto internazionale penale
L'ordine criminoso nei recenti progetti di riforma del codice penale italiano e nella disciplina internazionale penale
Disciplina militare, forze di polizia, forze militari (a proposito di spirito democratico).
I "reati contro il servizio militare" e i "reati contro la pace e la sicurezza dell'umanità" delineati nel codice penale russo del 1997
La Corte Costituzionale ed il diritto dei militari di costituire associazioni professionali a carattere sindacale
Il servizio militare femminile
La legislazione italiana sul controllo delle esportazioni di armi
Libro Bianco 2002
Rapporto Tabuga: violazioni dei diritti umani in Iraq (en)
Diritto internazionale bellico
Il trattato ABM. Il rapporto tra le due superpotenze dall'equilibrio del terrore allo scudo spaziale di Bush
L'eccezionale (recente) sviluppo del diritto penale internazionale in tema di crimini di guerra ed il problema dell'adeguamento della legislazione interna
La legittima difesa nella Carta delle Nazioni Unite
Operazioni delle NU per il mantenimento della pace ed obblighi di diritto internazionale umanitario
Patto di Parigi di rinuncia alla Guerra (Briand Kellog)
La protezione dei bambini soldato: una scommessa per il diritto delle genti
Convenzione di Ottawa sulle mine antipersona
L'uso delle mine nella guerra terrestre e diritto internazionale umanitario
L'ordine del superiore e lo stato di necessità derivante da minaccia nel diritto penale internazionale
 
Diritto bellico Hits: 7190 
Islam e diritti umani Dr. Chiara Guerrieri
 
Versione integrale

1.3 MB
Diritto umanitario nell'Islam
Tesi di laurea

Università degli Studi di Roma "La Sapienza"

Facoltà di Studi Orientali

Tesi di Laurea in Diritto Musulmano e dei paesi islamici

Relatore:
Chiar.mo Prof. Gian Maria Piccinelli
Laureanda:
Chiara Guerrieri

Correlatore:
Chiar.ma Prof.sa Daniela Bredi

Anno Accademico 2003/2004 Pubblicazioni
Centro italiano Studi per la pace
www.studiperlapace.it - no ©
Documento aggiornato al: 2000

 
Sommario

Il diritto umanitario viene, di norma, ritenuto una creazione della civiltà occidentale: in realtà, le norme basilari di diritto umanitario sono esistite da sempre in qualsiasi civiltà.

 
Indice dei contenuti
 
INTRODUZIONE

NOTA DI TRASCRIZIONE

1 IL DIRITTO INTERNAZIONALE NELL'ISLAM
1.1 L'Islam e la guerra: il concetto di jihād
1.2 Il diritto internazionale islamico: la syar
1.3 Il diritto internazionale islamico dalla caduta dell'impero Abbaside ai nostri giorni

2 IL DIRITTO UMANITARIO
Sviluppo storico del diritto internazionale umanitario
Il diritto internazionale umanitario nella codificazione moderna
Il diritto umanitario nell'Islam
2.3.1 Distinzione tra conflitti internazionali e non internazionali
2.3.2 Regole riguardanti la condotta delle ostilità
2.3.3 Definizione di "combattente" e di "non combattente"
2.3.4 Norme sul trattamento dei "non combattenti"
2.3.5 Status e trattamento dei prigionieri di guerra

3 L'ISLAM E IL DIRITTO INTERNAZIONALE UMANITARIO
I paesi islamici e la codificazione del diritto internazionale umanitario
La recezione del diritto umanitario
3.2.1 La recezione del diritto umanitario in Egitto
3.2.2 La recezione del diritto umanitario in Oman
3.2.3 La recezione del diritto umanitario nello Yemen

APPENDICE
Elenco dei paesi che hanno ratificato le convenzioni di diritto umanitario; situazione aggiornata al 19/03/2004

BIBLIOGRAFIA
 
Abstract
 

Il diritto umanitario viene, di norma, ritenuto una creazione della civiltà occidentale; gli Stati europei hanno a lungo considerato i paesi al di fuori dell'Europa dei soggetti passivi delle loro norme di diritto internazionale, ritenendo le altre civiltà, come quella islamica, incapaci addirittura di comprenderne l'utilità.

In realtà, le norme basilari di diritto umanitario sono esistite da sempre in qualsiasi civiltà; la guerra ha accompagnato, sin dai suoi albori, la storia dell'uomo, ed ha provocato la formazione di usi, costumi, consuetudini che sono diventate vere e proprie norme, nel tentativo di regolamentare la più terribile espressione della violenza umana.
L'Islam, che è stato considerato a lungo dagli Stati europei espressione di quel "barbarism" al quale si contrapponeva la carità cristiana propria degli europei, ha dalla sua nascita, elaborato numerose norme che riguardano il diritto umanitario.
Alcuni studiosi sostengono addirittura che il diritto umanitario sia un prodotto della cultura islamica, arrivato in Europa per mezzo delle Crociate; il giudice Weeramantry, nato in Sri Lanka nel 1926, vice-presidente della Corte Internazionale di Giustizia dal 1997 al 2000, si spinge oltre, fornendo delle prove concrete dell'influenza che le norme islamiche hanno avuto sull'opera di Grotius, che è da sempre stato considerato il fondatore del diritto umanitario.

Lo stesso Grotius ammette con rammarico che la condotta bellica degli eserciti europei era così atroce che "even the Barbarians would be ashamed of". Infatti i "barbari musulmani" avevano già elaborato un articolato sistema di leggi che regolava il comportamento bellico; la siyar, il diritto internazionale islamico, risultava molto avanzata rispetto alle pratiche comunemente in uso dalle popolazioni contemporanee.

Inoltre, il trattamento umano riservato dal califfo 'Umar alla popolazione della città conquistata di Gerusalemme, pochi anni dopo la morte del Profeta, come la magnanimità di Saladino durante le crociate, difficilmente hanno equivalenti tra i popoli contemporanei considerati "più civilizzati".

Non si vuole, con questo testo, operare una comparazione tra il diritto islamico e quello internazionale umanitario; tale analisi presenterebbe non poche difficoltà. I due sistemi, oltre ad essere estremamente distanti cronologicamente, sono profondamente legati al periodo e alle circostanze storiche nelle quali sono stati concepiti.

Inoltre, il diritto internazionale è un codice di leggi creato dall'uomo, che trae la sua autorità dal riconoscimento dello stesso da parte della comunità internazionale; il diritto islamico,invece, deriva direttamente dalla parola di Dio, e la sua autorità proviene proprio dalla sua fonte immanente.

Al contrario è importante conoscere in modo approfondito entrambi i sistemi e valutarli nel loro contesto storico, osservando l'evoluzione da loro subita nel corso degli anni. In questa sede si vuole quindi comprendere in che modo si sono sviluppate, nella cultura islamica, le norme che riguardano la protezione dei civili, dei prigionieri e delle altre categorie di persone coinvolte nei conflitti armati, ed in che modo esse siano state interpretate, un tempo dai giuristi medievali, ed oggi dagli studiosi moderni.

Per raggiungere questo scopo è necessario, innanzi tutto, capire l'atteggiamento dell'Islam nei confronti degli altri paesi, ossia il suo concetto di diritto internazionale. Inoltre, per lo stretto legame esistente tra il diritto umanitario ed il diritto bellico (inteso come jus ad bellum), è opportuno osservare brevemente l'approccio dell'Islam nei confronti della guerra; è importante, cioè, cercare di comprendere il dibattito, ancora irrisolto, sulla natura del jihād.

Il jihād è, forse, l'argomento più controverso della dottrina islamica; questo è dovuto all'alto numero di opinioni diverse, espresse da studiosi appartenenti a differenti culture, tempi e luoghi geografici, ma anche alle numerose strumentalizzazioni che questo concetto ha subito, e continua a subire, sia da parte degli studiosi occidentali, sia dagli stessi musulmani.

In questo testo si è cercato di riportare le diverse tesi espresse sia dai giuristi del passato, appartenenti alle maggiori scuole sunnite , sia dagli studiosi moderni, cercando di esporre in modo coerente i vari punti di vista.

Dopo aver tracciato una breve storia del diritto internazionale umanitario, ed aver osservato in che modo simili concetti sono stati elaborati nell'Islam è interessante osservare ciò che avviene quando, finalmente, la comunità islamica entra a far parte della comunità internazionale; la data di riferimento per questo importante evento è il 1856, quando l'Impero Ottomano fu invitato a partecipare al Congresso di Parigi. In seguito l'Islam fu rappresentato, nelle conferenze internazionali, da un numero sempre maggiore di delegati; questo perché la comunità islamica, che, anche se non era più unita da tempo, era costituita fino ad allora dall'Impero Ottomano e da quello Persiano, si frazionò, nel giro di pochi anni, in numerosi Stati indipendenti.

Nonostante i vari tentativi di ricostruzione della comunità islamica, come la Lega Araba e l'Organizzazione della Conferenza Islamica, questi Stati sovrani sono indipendenti gli uni dagli altri ed hanno agito come tali anche nelle conferenze internazionali; se a volte si sono coalizzati per difendere una posizione comune, o per raggiungere un obbiettivo condiviso, molto spesso essi hanno agito spinti soprattutto da un forte spirito nazionalistico ed individualistico.

Risulta molto interessante osservare i vari punti di contrasto che si sono verificati, negli anni, tra il diritto internazionale umanitario, così come era stato definito dalla cultura cristiana europea, e la cultura islamica; ma ancora più interessante sarà osservare se, ed in che modo, questi contrasti siano stati risolti.

La storia di questo sistema di leggi è stata da sempre tracciata solo ed esclusivamente tra i confini dell'Europa ed, in seguito, nell'ambito dei rapporti della stessa con gli Stati Uniti. E' necessario che la storia del diritto umanitario venga ridefinita, prendendo in considerazione anche il contributo fondamentale apportato dalle civiltà non occidentali.

Il diritto umanitario non deve essere più considerato il prodotto dell'evoluzione del diritto pubblico europeo, ma un corpo di leggi realmente internazionali; perché questo avvenga è necessario rivalutare ed evidenziare le sue radici multiculturali. Solo in questo modo il diritto umanitario diventerà un codice universalmente accettato.

Come vedremo, l'accettazione delle norme di diritto internazionale umanitario, che avviene mediante la ratifica delle convenzioni internazionali, rappresenta solo il primo passo verso l'attuazione effettiva di tali norme. Dopo la ratifica dei documenti è necessario, infatti, che ogni Stato provveda al loro adempimento, creando, nella legislazione interna, misure specifiche di per la loro recezione.

Purtroppo non tutti i paesi che partecipano alle varie convenzioni umanitarie hanno provveduto ad adottare suddette misure, lasciando, in questo modo, che il diritto umanitario resti praticamente inapplicato.

Tra i paesi arabi solo tre sono gli Stati che hanno adottato alcune importanti misure di recezione; queste sono a volte insufficenti o lacunose, ma possono essere considerate un buon inizio ed un buon esempio per tutti gli altri paesi arabo-islamici che, pur avendo ratificato le convenzioni, ancora non hanno promosso alcuna iniziativa per rendere le stesse realmente applicabili.

 
Bibliografia
 

FONTI
Il Corano, traduzione di Alessandro Bausani, Biblioteca Universale Rizzoli, Milano, 1988
AL-MAWARDI, The ordinances of government: a translation of al A¥kām al sulƒanīya, traduzione di Wafaa H. Wahba Reading, Center for muslim contribution to civilization, Doha, Qatar, 1996
AL-TABARI, Muhammad ibn Jarir, Annales, a cura di M.A. Ibrahim, Leida, 1901
WAQIDI, Abu 'Abd Allah, Kitāb al-maghāzī, a cura di Marsden Jones, London, Oxford University Press, 1966, Vol.II

MONOGRAFIE
AAVV, La liberazione dei "captivi" tra cristianità e Islam : oltre la crociata e il Gihâd, tolleranza e servizio umanitario, a cura di Giulio Cipollone, Archivio segreto del Vaticano, Città del Vaticano, 2000. Atti del congresso interdisciplinare di studi storici (Roma, 16-19 settembre 1998) organizzato per l'VIII centenario dell'approvazione della regola dei Trinitari da parte del Papa Innocenzo III il 17 dicembre 1198 / 15 safar, 595 H
ARMANAZI, Najib, L'Islam et le droit international, Paris, Librairie Picart, 1929
CONDORELLI, Luigi, Les pays afro-asiatiques, in "The new humanitarian law of armed conflict" a cura di Antonio CASSESE, Editoriale scientifica s.r.l., Napoli, 1979; pp.386-398
COURSIER, Henri, Definition du droit umanitaire, in "Annuaire français de droit inernational, Paris, 1955
DUNANT, Henry, A memory of Solferino, ICRC pubblication, 1986, versione on-line consultabile sul sito www.icrc.org
FOUAD ALLAM, Khaled, L'Islam globale, Rizzoli 2002
HAMIDULLAH, Muhammad, Muslim Conduct of State, (7° edizione) Lahore, 1961
IZUTSU, Toshihiko, Ethico-Religious Concepts in the Qur'an, Montral , 1966
KHADDURI, Majid, Islam and the modern law of nations, in "American Journal of International Law", vol.50, 1956, pp.353-372
KHADDURI, Majid, The Islamic law of nations, Shaybani's Siyar, Johns Hopkins University Press, Baltimora, 1966
KHADDURI, Majid, War and peace in the law of Islam, Johns Hopkins University Press, Baltimora, 1984
LIGATO, Giuseppe, Saladino e i prigionieri di guerra, in "La liberazione dei captivi tra cristianità e Islam: oltre la crociata e il Gihâd, tolleranza e servizio umanitario" Città del Vaticano, Archivio segreto del Vaticano, 2000; pp.649-654
MAHMASSANI, Sobhi, The principles of international law in the light of Islamic doctrine, Recueil des cours, Beirut, 1966
MOYNIER, Gustave, Les causes de succès de la Croix Rouge, Geneva, 1888
PICTET, Jean, Le droit international umanitaire: definition, in "Les dimensiones internationales du droit umanitaire", Paris, 1986
QUTB, Sayyd, A l'ombre du Coran, il Cairo, 1988
RAMSBOTHAM, Oliver, The crescent and the cross: muslim and christian approaches to war and peace, "Council on christian approaches to defence and desarmament", London, Macmillian Press, 1998
Pakistan Historical Society, Karachi, 1956
SCOLART, Barbara, Profili di Diritto Internazionale Umanitario dei conflitti armati, Università degli Studi di Roma "Tor Vergata", 2001
SOMMARUGA, Cornelio, National Measures to repress violations of international humanitarian law, Report on the meeting of experts, ICRC, Ginevra 23-25 Settembre 1997, a cura di Cristina Pellandini
WEERAMANTRY, Christopher G., Islamic jurisprudence: an international perspective", London, Macmillan Press, 1988
ZEMMALI, Ameur, Combattants et prisonniers de guerre en droit islamique, Parigi, 1997

ARTICOLI
ABI-SAAB, Georges, The implementation of humanitarian law, in "The new humanitarian law of armed conflict" a cura di Antonio CASSESE, Editoriale scientifica s.r.l., Napoli, 1979; pp.311-346
ACHOUR, Yadh ben, Islam et droit international humanitaire, "Revue internationale de la Croix-Rouge", marzo-aprile 1980, n°722
BENNOUNE, Karima, As-salamu Alaykum? Humanitarian law in Islamic jurisprudence, "Massachusset journal of International Law", Winter 1994; pp.605-643
BOISARD, Marcel, L'humanisme de l'Islam, in "Presence de l'Islam-Proche-Orient et Tiers-Monde" n°7, Paris, 1983; pp.35-48
BUGNION, François, Towards a comprehensive solution to the question of the emblem, Revised second edition, "Revue internationale de la Croix-Rouge" Giugno 2000, n°838; pp.427-478
COCKAYNE, James, Islam and international humanitarian law: from a clash to a conversation between civilizations, "Revue internationale de la Croix-Rouge" settembre 2002, n°847
EL-DAKKAK, Said, Le droit international humanitaire entre la conception islamique et le droit international positif, "Revue internationale de la Croix-Rouge", marzo-aprile 1990, n°782
EREKSOUSSI, M. K., Le Coran et les Conventions humanitaires, "Revue internationale de la Croix-Rouge", novembre 1960, n°503
FLORY, Maurice, Islam et droit international, in "L'Islam dans les relations internationales", Aix en Provence, 1982; pp. 47-52
FUMAGALLI MERAVIGLIA, Marina, Il diritto internazionale umanitario e i suoi processi di formazione, in "Rivista Internazionale dei Diritti dell'Uomo" 1994; p.425 ss
HAMIDULLAH, Muhammad, Contribution musulmane au droit international, in "L'Islam dans les relations internationales", Aix en Provence, 1982; pp.139-143
HASHMI, Sohail H., Saving and taking life in war: three modern muslim view, in "Muslim World" 20/4-6; pp.158-180
PARADELLE, Muriel, Une approche sociologique de la théorie classique du droit international islamique, in "Droits et sociétés dans le monde arabe: perspectives socio-antropologiques", Aix-Marseille, 1997; pp.19-38
SHAHI, Agha, The role of Islam in contemporary international relations, in "L'Islam dans les relations internationales", Aix en Provence, 1982; pp.16-46
SULTAN, Hamid, La conception islamique du droit international humanitaire, "Revue égiptienne du droit international", 1978; vol.34
ZEHILI, Wahba, Dispositions internationales relatives à la guerre, justifiées eu regard de l'Islam, et leurs aspects humains caractéristiques, in Pierre VAUD, "Les religions et la guerre", Paris, Editions du Cerf, 1991; pp.387-419



WEBGRAFIA


www.usc.edu Sito della University of Southern California, per le raccolte di ¥adīth di Bukhari, Muslim e Abu Dawud; sul sito è consultabile anche le opere di Malik e Baladhuri.
www.icrc.org Sito della Croce Rossa Internazionale; è disponibile on-line il testo di tutte le convenzioni di diritto umanitario, l'elenco dei paesi che le hanno ratificate, le riserve espresse dai vari Stati e le misure attuate dagli stessi per la recezione delle norme di diritto umanitario.
www.ifrc.org Sito della Red Cross and Red Crescent Society, per le informazioni sulle organizzazioni nazionali che si occupano di diritto umanitario.
www.oic-oci.org Sito dell'Organizzazione della Conferenza Islamica.
www.admin.ch Sito della Confoederatio Helvetica, per il testo delle Convenzioni di Ginevra del 1949 e dei Protocolli aggiuntivi del 1977.
www.onuitalia.org Sito dell'Organizzazione delle Nazioni Unite.
www.confinder.richmond.edu per la costituzione dell'Egitto, dello Yemen e dell'Oman.

 
Clicca sull'icona per scaricare la versione integrale

1.3 MB